Sempre al servizio della categoria, si batteva per unire le forze, non per dividerle

Scarlata, un galantuomo al servizio dei giornalisti

Orlando Scarlata in una riunione all’Inpgi

PALERMO – Tra i protagonisti degli istituti di categoria del secolo scorso, Orlando Scarlata è stato, per tutta la sua lunga carriera, un giornalista appassionato e lungimirante.

leggi...
Ricordo di un amico vero. Un grande del giornalismo e del sindacato italiano

Camillo Galba, i valori non muoiono mai

Camillo Galba

ROMA – Il tempo vola. E di anni, dalla scomparsa di Camillo Galba, quel maledetto 25 agosto 2014, ne sono passati già quattro. Strappato alla vita a soli 57 anni, nel giro di poche settimane, ha lasciato un vuoto enorme. 

leggi...
Un cuore grande e un amore profondo per la professione. Venerdì i funerali a Milano

Peppino Tropea, addio ad un grande giornalista

Giuseppe Tropea

Giuseppe Tropea (Foto Giornalistitalia.it)

MILANO – Peppino Tropea ci ha lasciati. Il suo cuore grande non ha retto alla paura di non riuscire più a camminare. Lui, che in oltre cinquant’anni di giornalismo ad altissimo livello, vissuti con l’entusiasmo del giovane

leggi...
Aveva 53 anni e con dignità e generosità ha sempre dato più di quanto abbia ricevuto

Addio a Daniela Pellicanò, una giornalista vera

Daniela Pellicanò

Daniela Pellicanò

REGGIO CALABRIA – Ci sono persone che, per bontà, bravura e onestà, dalla vita avrebbero dovuto avere tutto, ma che invece hanno dovuto sempre lottare ad armi impari contro – sì, contro – una società che troppo spesso considera scomode le anime libere e intelligenti. Ci sono giornalisti talmente bravi, competenti e appassionati che meriterebbero una grande attenzione, la giusta considerazione e un sano successo. E che, invece, oltre a dover lottare per mettere assieme il pranzo e la cena, o quantomeno un pasto al giorno, l’unica cosa che trovano sono porte in faccia e persecuzioni.
È una storia triste e amara, quella della collega Daniela Pellicanò, che ci ha lasciato oggi in punta di piedi, con il silenzio proprio della

leggi...
È morto ieri a Palermo uno dei giornalisti più amati del nostro Paese. Aveva 79 anni

Giacomo Clemenzi, addio piccolo grande uomo

Giacomo Clemenzi

Giacomo Clemenzi

PALERMO – Il giornalismo italiano perde un piccolo grande uomo: Giacomino Clemenzi, piccolo di statura, ma straordinariamente grande in quanto a  bontà, altruismo, umanità. Doti, purtroppo, sempre più rare in una professione nella quale squali, caini e sciacalli finiscono spesso, troppo spesso, per mortificare il lavoro silente e paziente delle persone perbene.
Grazie a Dio la nostra professione, sempre più amara in quanto a sacrificio, quanto avara di virtù, mantiene intatta l’innocenza di quanti credono ancora nei valori veri del giornalismo. Ideali freschi e immacolati soprattutto tra i tanti ragazzi che sostengono l’esame di idoneità alla professione giornalistica. Quei ragazzi che, in migliaia nel nostro Paese,

leggi...
A Capodanno niente giornali ed edicole chiuse. Le maggiorazioni previste dai contratti

Le spettanze al giornalista che lavora nelle feste

contratto-fieg-fnsiROMA – Domani, domenica 1 gennaio 2017, nessun quotidiano sarà in edicola e le rivendite osserveranno la chiusura totale. Venerdì 6 gennaio, in occasione della festa dell’Epifania, invece i giornali usciranno regolarmente e la chiusura delle rivendite è facoltativa dalle ore 13. Ferma restando la facoltà di chiamata in servizio da parte delle aziende, Giornalisti Italia, nell’augurare Buon Anno ai lettori ed a tutti i giornalisti, ricorda a quanti saranno chiamati a lavorare a

leggi...
Dittatura, poteri forti, terrorismo, mafia, criminalità: nemico comune chi dice la verità

Anna Politkovskaja, il prezzo di essere giornalisti

 Anna Politkovskaja

Anna Politkovskaja

ROMA – Sono trascorsi dieci anni da quando Anna Politkovskaja è stata uccisa. Assassinata a colpi di pistola nell’ascensore di casa, a Mosca, il 7 ottobre del 2006. Aveva 48 anni, Anna, ed era una giornalista tenace, come

leggi...
La Calabria perde uno dei suoi figli migliori: l’onestà al servizio dei più deboli

Addio Enzo Lacaria, signore del giornalismo

Enzo Lacaria (Foto archivio Giornalisti Italia)

REGGIO CALABRIA – Il giornalismo calabrese perde uno dei suoi figli migliori: Enzo Lacaria. Si è spento stanotte, nella sua casa di Reggio Calabria, dopo una lunga malattia.
Nato a Reggio Calabria il 27 agosto 1930, iscritto all’Ordine ed al Sindacato Giornalisti della Calabria, Vincenzo Lacaria era giornalista professionista dal 17 marzo 1965. Funzionario del Pci, nei primi anni Sessanta aveva cominciato a scrivere per l’Unità, il quotidiano fondato da Antonio Gramsci all’epoca organo del partito comunista.
Un lavoro intenso e appassionato, nonostante la misera retribuzione

leggi...
Pasquetta senza giornali. Chi garantisce l’informazione pretenda adeguati compensi

Le spettanze al giornalista che lavora nelle feste

Pasqua 2016ROMA – Auguri di Buona Pasqua ai lettori ed a tutti i giornalisti, soprattutto a quelli che il lavoro ce l’hanno, ma rischiano di perderlo ed a quelli che non ce l’hanno e, forse, non lo troveranno mai.
A quanti saranno chiamati a lavorare oggi e Lunedì di Pasquetta ricordiamo le maggiorazioni previste dai contratti nazionali di lavoro giornalistico.
Un dovere, quello dei giornalisti impegnati ad assicurare ai cittadini il diritto ad essere informati, che,

leggi...
Ha donato alla professione l’amore vero che ogni buon padre riserva ai propri figli

Addio a Mario Petrina, un grande del giornalismo

Mario Petrina (Foto Giornalisti Italia)

Mario Petrina (Foto Giornalisti Italia)

CATANIA – Il giornalismo italiano perde uno dei suoi figli migliori. Mario Petrina: un grande nella professione e nella vita che, in quanti hanno avuto il privilegio di conoscere, lascia un ricordo che il tempo non riuscirà mai a

leggi...
design   emme21