La famiglia respinge la proposta di Muscat: “Accettate l’inchiesta che mi scagiona”

Omicidio Galizia: “Non cederemo alle minacce”

Daphne Caruana Galizia

LA VALLETTA (Malta) – «Abbiamo detto che non cederemo mai all’estorsione dei nostri pubblici servitori. La nostra posizione di non voler accettare minacce non cambierà mai». Così la famiglia della giornalista

leggi...
“Il Comune fa pulire la scalinata solo per la commemorazione del 23 settembre”

Giancarlo Siani, sulle Rampe escrementi e rifiuti

Giancarlo Siani era nato il 19 settembre 1959: domani avrebbe compiuto 60 anni

NAPOLI – Escrementi, urina, erbacce e sporcizia di ogni genere: così sono ridotte le Rampe Giancarlo Siani nel  quartiere Arenella di Napoli. Una scalinata dedicata al giornalista ucciso dalla camorra 34 anni fa, ma che

leggi...
Rinviato al 21 ottobre il procedimento contro i 2 leader fascisti. L’Espresso parte civile

Giornalisti aggrediti al Verano, slitta il processo

ROMA – Slitta al 21 ottobre il processo che vede imputati Giuliano Castellino, leader di Forza Nuova, e Vincenzo Nardulli di Avanguardia Nazionale, per l’aggressione ad un giornalista e fotografo (Federico Marconi e

leggi...
“Un giornalista non deve avere paura di andare ad una manifestazione pubblica”

Martella: “Intollerabili gli insulti ai giornalisti”

Andrea Martella

ROMA – «Quanto accaduto domenica a Pontida è intollerabile»: così il sottosegretario all’Editoria, Andrea Martella, ha condannato gli insulti a Gad Lerner e l’aggressione a un videomaker durante il raduno leghista.

leggi...
“Sono Franceschini, ciao. Voglio fare un B&B”. Franco Bechis: “Notizia golosa”

Quando un ministro chiama Il Tempo per sbaglio

Da sinistra: il direttore del Tempo Franco Bechis e il ministro Dario Franceschini

ROMA – «La telefonata è arrivata alle 15 e 46 di ieri da un numero che non avevo in agenda. E chissà perché (non lo faccio mai con numeri che non conosco) l’ho presa. “Sono Franceschini, ciao…”. La voce era

leggi...
Dopo l’aggressione a Lerner e Nasso, il leader della Lega e Storace rincarano la dose

Salvini: “Non sono giornalisti, ma calunniatori”

Da sinistra: Gad Lerner, Matteo Salvini e Antonio Nasso

ROMA – «Questi non sono giornalisti, ma calunniatori». Il segretario della Lega, Matteo Salvini, giornalista professionista iscritto all’Ordine della Lombardia, non solo non chiede scusa ai colleghi Gad Lerner e Antonio Nasso,

leggi...
Al tradizionale raduno della Lega a Pontida insulti, offese e una telecamera spaccata

Aggrediti i giornalisti Gad Lerner e Antonio Nasso

Gad Lerner e Antonio Nasso

PONTIDA (Bergamo) – Giornalisti nel mirino dei militanti della Lega, oggi, al tradizionale raduno di Pontida. Fischi e insulti a Gad Lerner e aggressione ad Antonio Nasso, videomaker e collaboratore del quotidiano “la Repubblica”

leggi...
Aggredito per le sue denunce sul fenomeno dei roghi tossici nella Terra dei Fuochi

Pestato a sangue il giornalista Pino Grazioli

Il giornalista Pino Grazioli aggredito e picchiato a sangue nella Terra dei Fuochi

VILLARICCA (Napoli) – «Non mi arrendo. Siete la vergogna di questo paese. Ora ho capito la parola demolire. Avete mandato i vostri amici sotto casa mia. per avvisarmi che non devo venire più a Villaricca e non devo più sputtanare

leggi...
Un convegno lunedì 16 settembre in Fondazione e il libro di Giancarlo Tartaglia

100 anni fa nasceva Paolo Murialdi

Paolo Murialdi Paolo Murialdi (Genova, 8 settembre 1919 – Milano, 14 giugno 2006)

ROMA – “L’informazione tra riforma e controriforma” è il tema del convegno di studi dedicato a Paolo Murialdi che la Fondazione per il giornalismo a lui intitolata ha organizzato nel centenario della sua nascita: l’appuntamento

leggi...
A finire in manette in Slovenia un cronista sportivo di Pop Tv, subito allontanato

Traffico di migranti: arrestato un giornalista

LUBIANA (Slovenia) – La polizia slovena ha arrestato un giornalista della redazione sportiva di Pop Tv con l’accusa di traffico di migranti. L’episodio è avvenuto domenica scorsa al confine meridionale del paese, ma

leggi...
design   emme21