Bufera sul britannico Tom Bradby di Itv: “Mancanza di tatto e rispetto”, “scioccante”

Giornalista “senza cuore” sulla tragedia di Genova

Tom Bradby

LONDRA (Regno Unito) – “Insensibile”, “senza cuore”, “privo di tatto”, “scioccante”, “ridicolo”. Gli utenti britannici sono insorti su Twitter contro il tono usato da un giornalista delle rete televisiva Itv per annunciare la tragedia del ponte Morandi a Genova.
«Quante volte avete guidato sopra un ponte? Vi è mai passato per la mente che poteva crollare sotto di voi? Bene è quello che è accaduto oggi a Genova con devastanti conseguenze», ha esordito ieri il presentatore delle news Tom Bradby.
Il tono e le parole usati, come se si trattasse di una notizia curiosa, ha

leggi...
La notizia della tragedia rimbalza sui siti delle più grandi testate, da Le Monde alla Cnn

Ponte crollato a Genova: choc mondiale

Il Ponte Morandi dopo il crollo

GENOVA – Terrore a Genova per il parziale crollo stamani di Ponte Morandi – il viadotto di un’altezza di quasi 50 metri sull’autostrada A10 che attraversa la Val Polcevera –, forse causato dal violento nubifragio che ha colpito

leggi...
L’italiano Mauro Padovani aggredito insieme al marito dai vicini di casa in Belgio

Fumettista preso a sprangate perché gay

Mauro Padovani e il marito Tom dopo l’aggressione

ROMA – Presi a sprangate “perché gay”. Questa la denuncia di Mauro Padovani, fumettista italiano residente in Belgio, a Gand, che su Facebook ha pubblicato il 9 agosto scorso le foto della violenta aggressione omofoba

leggi...
Al Jazeera ne chiede il rilascio dopo 600 giorni in carcere senza un’accusa formale

“L’Egitto liberi il giornalista Mahmoud Hussein”

Mahmoud Hussein

ROMA – La televisione panaraba patarina Al Jazeera è tornata a chiedere il rilascio del suo giornalista Mahmoud Hussein, in carcere da 600 giorni in Egitto senza che siano state formalizzate le accuse nei suoi confronti. Lo riporta il quotidiano di Doha, Gulf Times.
«Al Jazeera è grata a tutti i gruppi internazionali dei diritti (umani) e organizzazioni per la libertà di stampa che persistono nei loro sforzi per il rilascio di Mahmoud. Il network invita tutti coloro che si occupano di libertà di stampa a prendere parte attiva sui social media

leggi...
Non ha rettificato le frasi “diffamatorie” nei confronti dell’imprenditore Boccolato

Roberto Saviano condannato per Gomorra

Roberto Saviano

MILANO – Per non aver rettificato il passaggio del libro “Gomorra” in cui si legge che Vincenzo Boccolato, in realtà imprenditore incensurato che vive all’estero, fa parte di un clan camorristico con un ruolo non marginale in un

leggi...
La famiglia della giornalista assassinata chiede ufficialmente un’inchiesta pubblica

Malta ha protetto Daphne Caruana Galizia ?

Daphne Caruana Galizia

ROMA – La famiglia di Daphne Caruana Galizia, la giornalista maltese famosa per le sue inchieste sulla corruzione e uccisa il 17 ottobre 2017 da una bomba piazzata nella sua auto, ha chiesto un’inchiesta

leggi...
Accusati di accesso illecito all’agenzia statale Belta rischiano 2 anni di carcere

Bielorussia: pugno di ferro contro i giornalisti

Marina Zolotova

MINSK (Bielorussia) – Pugno di ferro contro i giornalisti in Bielorussia. Nove colleghi sono stati sottoposti a fermo di polizia con l’accusa di aver avuto accesso illecitamente alle notizie dell’agenzia di stampa statale Belta

leggi...
Il vicepremier afferma che “è assolutamente falsa” la notizia sulla scelta della scorta

“Fake news”, Di Maio: “Querelo Repubblica”

Luigi Di Maio

ROMA – “Fake news sugli uomini della scorta”: il vicepremier Luigi Di Maio annuncia querele al quotidiano la Repubblica e al giornalista Carlo Bonini. «Anche oggi Repubblica – scrive su Facebook – inquina l’informazione

leggi...
Avanzata l’ipotesi di una rapina, ma per le autorità sarebbero caduti in un’imboscata

Giallo sui tre giornalisti assassinati in Centrafrica

Kirill Radchenko, Aleksandr Rastorguyev e Orkhan Dzhemal

BANGUI (Repubblica Centrafricana) – Continua il giallo sull’uccisione, lunedì scorso in Repubblica Centrafricana, di tre giornalisti investigativi russi, che lavoravano a un documentario sui mercenari russi del gruppo Wagner,

leggi...
Paolo Corsini: “Solidarietà alla collega che ha rivelato l’altra faccia del caso Daisy”

Laura Tecce “colpevole” di fare la giornalista

ROMA – “Quanto sta accadendo in queste ore alla collega Laura Tecce, firma del quotidiano Il Giornale, è la plastica rappresentazione di come, in Italia, il vero allarme è l’omologazione culturale che è diventata dittatura

leggi...
design   emme21