Un inedito Campionissimo nel libro di Giampiero Petrucci e Fabio Bellisario

Coppi 1945, una primavera a Roma

ROMA – “Coppi 1945, una primavera a Roma. Fausto, Nulli e la Società Sportiva Lazio” (Edizioni Eraclea, pagine 164, 13 euro) è il libro di Giampiero Petrucci e Fabio Bellisario che, per la prima volta, indaga a fondo il periodo meno conosciuto della leggendaria vicenda agonistica e umana di Fausto Coppi: la primavera romana di quello che sarebbe, di lì a pochi anni, divenuto il Campionissimo. La prefazione è di Beppe Conti e del presidente generale della Società Sportiva Lazio, Antonio Buccioni.
Nel 1945 Coppi, già vincitore del Giro d’Italia nel 1940 e recordman dell’Ora dal 1942, si trovava a Caserta, in un campo di prigionia degli inglesi, dai quali era stato catturato in Africa. L’industriale capitolino Edmondo Nulli, accompagnato da Pietro Chiappini (ex compagno di Coppi nella Legnano), gli offrì un ingaggio per correre nella sua piccola squadra. Coppi accettò

leggi...
A Torino un convegno in occasione delle tre mostre sui 135 anni del quotidiano

Gazzetta del Popolo, specchio della storia

TORINO – “Liberi di informare” è il convegno che, in occasione della mostra dedicata ai 135 anni della “Gazzetta del Popolo”, si propone di approfondire alcuni momenti della storia di questo importante quotidiano. La manifestazione

leggi...
La penna di Mattia Feltri celebra i 70 anni della tragedia di Superga

La Stampa fa rivivere il Grande Torino

La formazione del Grande Torino 1948-49

TORINO – La penna di Mattia Feltri per celebrare la maglia granata del Grande Torino: quello di Valentino Mazzola, Bacigalupo, Loik, Gabetto e Ferraris. Il volume che, opportunamente, è stato intitolato “70 anni di

leggi...
110 anni fa nasceva uno dei più grandi giornalisti del nostro Paese: un vero mito

Montanelli e il cinema: piccolo, grande amore

Indro Montanelli (Fucecchio 22 aprile 1909 – Milano 22 luglio 2001)

ROMA – Indro Montanelli e il cinema: a raccontare il rapporto con la nona arte è lo stesso giornalista, nato a Fucecchio (Firenze) il 22 aprile 1909, centodieci anni fa. Il direttore e fondatore de Il Giornale ne parla

leggi...
Tre sedi espositive e tre eventi per raccontare il quotidiano di Torino chiuso nel 1983

La Gazzetta del Popolo rivive in una mostra

TORINO – “La storia del giornalismo, non soltanto torinese ma nazionale, scorre nelle pagine e nelle testimonianze della Gazzetta che vediamo in questa mostra. Non possiamo permettere che un patrimonio storico e

leggi...
Una tavola rotonda e l’intitolazione della Sala riunioni del Consiglio dell’Ordine

Puglia: l’Odg omaggia Alessandro Leogrande

Alessandro Leogrande

BARI – “Il sud, il giornalismo, l’analisi” è il titolo – e tema – della tavola rotonda organizzata dal Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Puglia per domani, lunedì 8 aprile, alle 10.30, al Palazzo dei giornalisti, a Bari, valida

leggi...
Un ricco calendario di eventi presentato dal direttore Francesco Carrassi

La Nazione festeggia 160 anni di storia

L’ideatore del logo del 160°, Riccardo Carrai, e il direttore de “La Nazione”, Francesco Carrassi (Foto La Nazione)

FIRENZE – Al via le celebrazioni per i 160 anni del quotidiano “La Nazione”, fondato il 19 luglio 1859 dall’illustre patriota risorgimentale Bettino Ricasoli, secondo presidente del Consiglio del Regno d’Italia dopo Cavour. Un

leggi...
Mattarella a 25 anni dall’agguato: “Hanno spezzato due vite e trafitto la libertà”

“Ilaria e Miran, esempio per tutta l’informazione”

Sergio Mattarella (foto Quirinale)

ROMA – «L’uccisione di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin lacera profondamente, a 25 anni di distanza, la coscienza civile del nostro Paese e suona drammatico monito del prezzo che si può pagare nel servire la causa della libertà

leggi...
Salini: “È il modo più giusto per tenere viva la memoria di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin”

“In Rai un nucleo di giornalismo investigativo”

Ilaria Alpi e Miran Hrovatin furono uccisi a Mogadiscio esattamente 25 anni fa

ROMA – In Rai nascerà un nucleo di giornalismo investigativo, che si affiancherà al gruppo di giornalisti che avrà il compito di svelare e smontare fake news. Lo ha annunciato l’amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini,

leggi...
Domani sera in via Orazio a Roma si ritroveranno la sorella, i colleghi e gli amici

Mino Pecorelli, tutti sul luogo dell’agguato

Mino Pecorelli ucciso nella sua auto il 20 marzo 1979

ROMA – Domani, mercoledì 20 marzo, alle 20.40, in via Orazio, nel quartiere Prati, nel punto esatto in cui venne assassinato 40 anni fa a colpi d’arma da fuoco, Mino Pecorelli sarà ricordato da familiari, amici e giornalisti

leggi...
design   emme21