Amici, colleghi e parenti della giornalista Rai si ritrovano ogni anno nelle Marche

Ferragosto in ricordo di Maria Grazia Capulli

Maria Grazia Capulli

CALDAROLA (Macerata) – “Alle ore 11 di giovedì 15 agosto, nel giorno del compleanno di Maria Grazia, verrà celebrata una S. Messa in suo ricordo nella cappellina di famiglia del Camposanto di Valcimarra di Caldarola.

leggi...
Alla scrivania preferì gli scenari di guerra. Aveva 35 anni. È stato ucciso 5 anni fa

Simone Camilli, un eroe del giornalismo vero

Simone Camilli (Roma, 28 marzo 1979 – Beit Lahia, Striscia di Gaza, 13 agosto 2014)

ROMA – Sono passati cinque anni esatti. Era esattamente il 13 agosto 2014, quando le agenzie internazionali diedero per prime la notizia della morte, su un campo da guerra, di un giornalista italiano. Il giornalista rimasto ucciso

leggi...
Appello dell’Aser al ministro della Giustizia: “Desecretare e digitalizzare gli atti”

“Via il segreto di Stato sulla strage di Bologna”

Soccorritori all’opera alla stazione di Bologna devastata dalla bomba il 2 agosto 1980 (ansa)

BOLOGNA – “Facciamo nostro e rilanciamo l’appello che chiede di declassificare tutti i documenti e gli atti che possono contribuire a chiudere, almeno in parte, le ferite lasciate aperte dalla strage di Bologna del 2 agosto 1980.

leggi...

La frase del giorno di Primo Levi

Primo Levi (Torino, 31 luglio 1919 – Torino, 11 aprile 1987)

ROMA – Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché

leggi...
Oggi in tanti ne celebrano le virtù, ma al suo funerale c’erano solo pochissimi amici

Guareschi, 51 anni fa ci lasciava un mito

Giovannino Guareschi  (Fontanelle di Roccabianca, 1º maggio 1908 – Cervia, 22 luglio 1968)

BRESCELLO (Reggio Emilia) – “Il 22 luglio 1968, un infarto stroncò lo scrittore Giovannino Guareschi, ma furono in pochissimi a rendergli il giusto omaggio. Al cimitero di Roncole Verdi lo accompagnarono solo gli amici. Oggi sono in

leggi...
Amori, guerra, viaggi, giornalismo e letteratura: soggetto cinematografico a tutto tondo

120 anni fa nasceva un genio: Hemingway

Ernest Hemingway (Oak Park, 21 luglio 1899 – Ketchum, 2 luglio 1961)

ROMA – Tra amori, guerra, viaggi e letteratura, la vita di Ernest Hemingway, nato il 21 luglio di 120 anni fa Oak Park, un sobborgo di Chicago, sembrerebbe prestarsi perfettamente a diventare un soggetto cinematografico. Eppure,

leggi...
27 anni fa la mafia uccideva in via D’Amelio a Palermo il magistrato eroe

La frase del giorno di Paolo Borsellino

Paolo Borsellino (ansa)

ROMA – La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a

leggi...
I 130 anni del quotidiano di New York più diffuso in Usa: vanta ben 37 premi Pulitzer

Wall Street Journal, informare senza fare sconti

La sede del Wall Street Journal a New York

NEW YORK (Usa) – David Sanford raccontò in prima persona la sua esperienza di giornalista infettato dall’Hiv e sottoposto a nuove terapie, grazie alle quali era passato dal pianificare la sua morte al programmare la pensione.

leggi...
Antonio Guterres: “Il giornalismo è un servizio alla causa della libertà”

Onu: 71° dell’Associazione corrispondenti

NEW YORK (Usa) – L’Associazione dei corrispondenti alle Nazioni Unite (Unca) ha festeggiato il suo 71° anniversario al Palazzo di Vetro alla presenza del segretario generale Antonio Guterres. Fondata nel 1948 a

leggi...
Un inedito Campionissimo nel libro di Giampiero Petrucci e Fabio Bellisario

Coppi 1945, una primavera a Roma

ROMA – “Coppi 1945, una primavera a Roma. Fausto, Nulli e la Società Sportiva Lazio” (Edizioni Eraclea, pagine 164, 13 euro) è il libro di Giampiero Petrucci e Fabio Bellisario che, per la prima volta, indaga a fondo il periodo meno conosciuto della leggendaria vicenda agonistica e umana di Fausto Coppi: la primavera romana di quello che sarebbe, di lì a pochi anni, divenuto il Campionissimo. La prefazione è di Beppe Conti e del presidente generale della Società Sportiva Lazio, Antonio Buccioni.
Nel 1945 Coppi, già vincitore del Giro d’Italia nel 1940 e recordman dell’Ora dal 1942, si trovava a Caserta, in un campo di prigionia degli inglesi, dai quali era stato catturato in Africa. L’industriale capitolino Edmondo Nulli, accompagnato da Pietro Chiappini (ex compagno di Coppi nella Legnano), gli offrì un ingaggio per correre nella sua piccola squadra. Coppi accettò

leggi...
design   emme21