In ricordo della sua battaglia contro il fascismo in nome della libertà di stampa

Il busto di Meoni alla Fondazione Murialdi

Giuseppe Meoni

ROMA – In ricordo del giornalista Giuseppe Meoni e della sua battaglia contro il fascismo in nome della libertà di stampa, il Grande Oriente d’Italia e il Rito Simbolico Italiano hanno deciso di donare alla Fondazione sul

leggi...
Un inedito Campionissimo nel libro di Giampiero Petrucci e Fabio Bellisario

Coppi 1945, una primavera a Roma

ROMA – “Coppi 1945, una primavera a Roma. Fausto, Nulli e la Società Sportiva Lazio” (Edizioni Eraclea, pagine 164, 13 euro) è il libro di Giampiero Petrucci e Fabio Bellisario che, per la prima volta, indaga a fondo il periodo meno conosciuto della leggendaria vicenda agonistica e umana di Fausto Coppi: la primavera romana di quello che sarebbe, di lì a pochi anni, divenuto il Campionissimo. La prefazione è di Beppe Conti e del presidente generale della Società Sportiva Lazio, Antonio Buccioni.
Nel 1945 Coppi, già vincitore del Giro d’Italia nel 1940 e recordman dell’Ora dal 1942, si trovava a Caserta, in un campo di prigionia degli inglesi, dai quali era stato catturato in Africa. L’industriale capitolino Edmondo Nulli, accompagnato da Pietro Chiappini (ex compagno di Coppi nella Legnano), gli offrì un ingaggio per correre nella sua piccola squadra. Coppi accettò

leggi...
A Torino un convegno in occasione delle tre mostre sui 135 anni del quotidiano

Gazzetta del Popolo, specchio della storia

TORINO – “Liberi di informare” è il convegno che, in occasione della mostra dedicata ai 135 anni della “Gazzetta del Popolo”, si propone di approfondire alcuni momenti della storia di questo importante quotidiano. La manifestazione

leggi...
La penna di Mattia Feltri celebra i 70 anni della tragedia di Superga

La Stampa fa rivivere il Grande Torino

La formazione del Grande Torino 1948-49

TORINO – La penna di Mattia Feltri per celebrare la maglia granata del Grande Torino: quello di Valentino Mazzola, Bacigalupo, Loik, Gabetto e Ferraris. Il volume che, opportunamente, è stato intitolato “70 anni di

leggi...
Tre sedi espositive e tre eventi per raccontare il quotidiano di Torino chiuso nel 1983

La Gazzetta del Popolo rivive in una mostra

TORINO – “La storia del giornalismo, non soltanto torinese ma nazionale, scorre nelle pagine e nelle testimonianze della Gazzetta che vediamo in questa mostra. Non possiamo permettere che un patrimonio storico e

leggi...
Pubblicato dalla Fondazione Murialdi il romanzo sulla giornalista del ‘900

Claudia Fusani riscopre Irene Brin

Giancarlo Tartaglia, segretario generale della Fondazione Murialdi, e il libro di Claudia Fusani

ROMA – Pubblicato nella collana “Giornalisti nella storia” della Fondazione sul giornalismo “Paolo Murialdi”, esce in questi giorni il volume di Claudia Fusani, giornalista de la Repubblica e de l’Unità, dal titolo “Il tuo nome sarà Irene.

leggi...
Giancarlo Tartaglia ricostruisce opere e azioni dell’inventore del giornalismo moderno

Alberto Bergamini, “Il giornale è il mio amore”

Giancarlo Tartaglia (foto Giornalisti Italia)

ROMA – Se oggi i giornalisti si affannano alla ricerca della notizia più fresca e interessante, che possa far vendere qualche copia in più o registrare più “clic”, la “colpa” è di Alberto Bergamini, “inventore del giornalismo moderno”.

leggi...
La più antica bufala fabbricata dai giornali dopo la scoperta della tomba nel 1922

La maledizione di Tutankhamon? Una fake new

Particolare della tomba di Tutankhamon (Agi/Agf)

ROMA – La scoperta della tomba di Tutankhamon, il faraone bambino vissuto oltre 33 secoli fa, fu un evento mediatico senza precedenti nel secolo scorso, al punto che la febbre dell’antico Egitto travolse il mondo

leggi...
In mostra dal 21 febbraio 200 scatti del fotoreporter con oltre 50 anni di carriera

Palermo celebra Ferdinando Scianna

Una delle fotografie di Scianna in mostra a Palermo

PALERMO – «Ho sempre fatto una distinzione netta tra le immagini trovate e quelle costruite. Ho sempre considerato di appartenere al versante dei fotografi che le immagini le trovano, quelle che raccontano e ti raccontano,

leggi...
Il Carlino dona la lapide in sua memoria all’Odg. Rossi: “Torna ai giornalisti bolognesi”

Ezio Cesarini, giornalista, donò la vita per la libertà

BOLOGNA – 27 gennaio 1944: al Poligono di tiro di via Agucchi viene fucilato Ezio Cesarini, redattore del Resto del Carlino. Già rinchiuso nel carcere di San Giovanni in Monte perché antifascista, è condannato come

leggi...
design   emme21