Simone Camilli purtroppo è solo l’ultimo. Le cifre di Comittee to Protect Journalists

La guerra uccide i reporter: 29 nel 2014

cpjNEW YORK (Usa) – Dal Medio Oriente all’Ucraina, i conflitti continuano a uccidere giornalisti, fotografi e operatori. Nel 2014 sono già 29 le vittime i reporter uccisi in tutto il mondo, secondo il Comittee to Protect Journalists, organizzazione indipendente e no profit che ha sede a New York. Di questi 5 sono morti in Israele e nei Territori palestinesi, 5 in Siria, 3 in Iraq, 4 in Ucraina.
ISRAELE E TERRITORI PALESTINESI
– Il 13 agosto Simone Camilli, videoreporter italiano dell’Associated Press, muore per Leggi tutto

La giornalista Rai ha accoltellato l’uomo al culmine di una lite in una casa di Ostuni

Eleonora De Nardis ferisce il compagno, arrestata

Eleonora De Nardis

Eleonora De Nardis

OSTUNI (Brindisi) – La giornalista Rai Eleonora De Nardis, 38 anni, è stata arrestata con l’accusa di lesioni personali al compagno, Piero Lorusso, 46 anni, ferito con una coltellata all’avambraccio sinistro al culmine di una lite per questioni personali. Il fatto è avvenuto la scorsa notte, verso l’una, in un appartamento del borgo antico di Ostuni che la coppia aveva preso in affitto.
A lanciare l’allarme è stato Lorusso, avvocato e docente universitario a Roma, che, ferito e sanguinante, è sceso in strada chiedendo aiuto ai clienti di un pub, a quell’ora affollatissimo.
Immediatamente sul posto sono intervenuti gli uomini del 118, che hanno soccorso e trasportato l’uomo in ospedale, nel quale è stato medicato e giudicato guaribile in venti giorni. Intervenuti anche gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Ostuni che, informato il pubblico ministero del Tribunale di Brindisi, Milto Stefano De Nozza, hanno proceduto al Leggi tutto

Usa: Wesley Lowery e Ryan Reilly seguivano le proteste per la morte di Brown

Poliziotto uccide, arrestati due giornalisti

Michael Brown

Michael Brown

WASHINGTON (Usa) – Due giornalisti, rispettivamente del Washington Post e dell’Huffington Post, sono stati arrestati a Ferguson, nel Missouri, mentre coprivano le proteste per la morte di Michael Brown, il giovane di colore ucciso da un poliziotto. Lo hanno raccontato gli stessi giornalisti su Twitter, dopo essere stati rilasciati. Wesley Lowery, del Washington Post, e Ryan Reilly, dell’Huffington Post, sono stati arrestati mentre si trovavano da McDonalds poco prima delle 20, ora locale.
La polizia è entrata nel locale chiedendo ai clienti di andarsene. Poi i poliziotti hanno chiesto a Lowery e Reilly di farsi identificare e, secondo il racconto dei reporter, li hanno arrestati “perché non hanno raccolto la loro roba abbastanza in fretta”. Lowery ha detto che gli agenti Leggi tutto

Dopo gli esordi a l’Avanti!, con Anselmi ha contribuito alla trasformazione del Mondo

Commosso addio al giornalista Claudio Torneo

Claudio Torneo

Claudio Torneo

FLORIDIA (Siracusa) – Nonostante il caldo torrido della vigilia ferragostana, la città di Floridia non ha voluto mancare all’estremo saluto a Claudio Torneo, tenuto nella sala del Consiglio Comunale perché il giornalista non era credente. “Un giornalista coraggioso, sempre fuori dagli schemi, integro e che della sua onestà intellettuale andava fiero. Un esempio da seguire”, ha ricordato il sindaco della cittadina siciliana, Orazio Scalorino, nel corso della commemorazione.
Nato il 4 aprile 1942, laureato in scienze politiche nel 1963, aveva cominciato come corrispondente del quotidiano socialista “l’Avanti!” prima di trasferirsi a Roma. Nella capitale da marzo 1963 a dicembre del 1965 è stato redattore del “Lavoro Italiano”, organo ufficiale della Uil, per poi trasferirsi a Milano, per dirigere Leggi tutto

Napolitano: “La sua morte, un ulteriore monito alle parti in conflitto”

Simone Camilli: in serata la salma in Italia

Simone Camilli

Simone Camilli

ROMA – “La morte di Simone – come quella delle altre vittime dell’esplosione e dei numerosi civili di ogni età e nazionalità quotidianamente coinvolti dalla violenza bellica in Medio Oriente – deve costituire un ulteriore monito alle parti in conflitto e a tutti noi affinché ci si impegni per Leggi tutto

Siddi (Fnsi): “Ora è il momento del dolore, ma bisognerà chiarire come è andata”

Simone Camilli: “E’ caduto un testimone di verità”

Franco Siddi

Franco Siddi

ROMA – E’ una notizia terribile, sconvolgente quella della morte del fotoreporter Simone Camilli a Gaza. In quel lembo di terra una tragedia immensa continua fare vittime innocenti. E allunga lista di giornalisti testimoni caduti nell’esercizio del lavoro, che non è attività belligerante
Nei luoghi di guerra si sa che i rischi sono sempre molto alti, ma la circostanza in cui ha perso la vita Simone Camilli (la ripresa su un’operazione di disinnesco da parte dei palestinesi di un ordigno israeliano inesploso) ancora più drammatico, doloroso e angosciante quanto è accaduto. E fa rabbia la deflagrazione  potente che ha distrutto la vita di Simone Camilli.
Questo è il momento del dolore e del cordoglio, Leggi tutto

Citato dall’illustre quotidiano come “saggista che ha scritto molto sui Savoia”

E Lorenzo Del Boca finì sul New York Times

Lorenzo Del Boca

Lorenzo Del Boca

ROMA – A piedi, come Sigerico nel 990, da Canterbury ad Aosta. E da qui a Roma, per concludere un pellegrinaggio lungo la via Francigena e il crinale della storia, non solo religiosa, che la Rai ha poi raccontato in mondovisione.
Un mese più tardi, tra una presentazione e l’altra del suo ultimo libro, “Il mistero del cavaliere”, che rammenta ai più la meravigliosa storia di Pierre Terrail di Bayard, cavaliere senza macchia e un gran senso dell’onore, e l’uscita, a tappe, su Libero del suo best seller sul conflitto mondiale del 1914-1918, “Grande guerra, piccoli generali”, Lorenzo Del Boca – giornalista, storico, presidente emerito dell’Ordine nazionale dei giornalisti e della Federazione della Stampa – spezza l’afosa routine (pre)ferragostana finendo Leggi tutto

Pino Nano (Tgr Rai): “L’Olivetti 22 che gli prestai per l’esame di stato non avrà prezzo”

“Simone Camilli è un esempio per tutti noi”

La tessera dell’Ordine di Simone Camilli (foto Ansa)

La tessera dell’Ordine di Simone Camilli (foto Ansa)

ROMA – Di Simone Camilli, oltre che questa foto che lo riprende nel pieno delle sue funzioni di cronista producer per diverse reti televisive americane sui fronti più caldi dell’area mediorientale, ho un ricordo personalissimo che da questo momento avrà un valore certamente diverso da quanto non ne abbia avuto fino ad ora: è una vecchia macchina da scrivere, una Olivetti 22, con cui Simone andò a fare il suo esame scritto per l’abilitazione alla professione giornalistica.
Proprio così, una sera Leggi tutto

Maggiorazioni e riposo compensativo a chi presta eccezionalmente servizio

Se il giornalista lavora a Ferragosto

computer al mareROMA – A Ferragosto escono solo i quotidiani del mattino. Le rivendite sono, infatti, aperte sino alle ore 13. Sabato 16 agosto nessun giornale sarà pubblicato e le rivendite saranno chiuse per l’intera giornata. Le pubblicazioni riprenderanno normalmente domenica 17 agosto. Il 15 agosto, pertanto, pertanto, i giornalisti non sono tenuti a prestare la loro opera.
Nel caso ciò dovesse, eccezionalmente, avvenire, Leggi tutto

Stava filmando per l’Associated Press il disinnesco di una bomba. Aveva 35 anni

Il giornalista Simone Camilli ucciso a Gaza

Simone Camilli

Simone Camilli

Simone Camilli

Simone Camilli

GAZA – E’ il giornalista professionista Simone Camilli, 35 anni, l’italiano rimasto ucciso nell’esplosione di una bomba sganciata da un F-16 israeliano e rimasta sul terreno a Beit Lahya, nel nord della Striscia di Gaza. Con lui sono morti un giornalista locale, Ali Abu Afash, e cinque artificieri palestinesi.
Lo ha confermato la Farnesina con una nota nella quale il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, esprime cordoglio, anche a nome del Governo, sottolineando che “la morte di Simone Camilli è una tragedia, per la famiglia e per il nostro Paese”.
“Ancora una volta – ha aggiunto il ministro – è un giornalista a pagare il prezzo di una guerra che dura da troppi anni e per la seconda volta in pochi mesi piangiamo la morte di ragazzi impegnati con coraggio nel lavoro di reporter. E se ve ne fosse stato bisogno, Leggi tutto

Il sindaco di San Procopio: “Ho chiarito ogni circostanza. Tutto frutto di un equivoco”

Lamberti: “Mai avuto rapporti con le cosche”

Eduardo Lamberti Castronuovo

Eduardo Lamberti Castronuovo

SAN PROCOPIO (Reggio Calabria) –  La ridda di notizie concernenti la provvisoria imputazione formulata a mio carico, mi impone – nel rispetto del segreto investigativo ma costretto dalla necessità di difendere la mia reputazione e quella della parte sana dei Cittadini di San Procopio – talune precisazioni: mi sono presentato davanti al Pubblico Ministero e non mi sono avvalso della facoltà di non rispondere; ho chiarito ogni circostanza ed ho la personale ma Leggi tutto

Responsabile dello Sport al Corriere Adriatico, è morto a 52 anni dopo una malattia

Le Marche piangono la scomparsa di Andrea Ferri

Andrea Ferri

Andrea Ferri

ANCONA – Il Sindacato giornalisti marchigiani si unisce al dolore di familiari e colleghi per la morte di Andrea Ferri, scomparso stamattina a 52 anni dopo una spietata malattia. Andrea, per lunghi anni responsabile dello Sport al Corriere Adriatico, sapeva far convivere Leggi tutto

La reazione all’indagine della Dda di Reggio Calabria per calunnia al giornalista

Lamberti: “L’antimafia peggio della mafia”

Lamberti facebookREGGIO CALABRIA – “Sciascia l’aveva previsto che in assenza di un’adeguata cultura democratica l’antimafia sarebbe diventata peggio della mafia, ragionando secondo la stessa logica di sopraffazione ma potendo servirsi dei poteri delle istituzioni”. Si stenta a credere, ma è il commento Leggi tutto

Dibattito pubblico, domani a San Giovanni in Fiore, con Regolo e Morrone

Calabria: l’informazione tra “Cinghiali e bavagli”

Luciano Regolo

Luciano Regolo

SAN GIOVANNI IN FIORE (Cosenza) – Si terrà domani, mercoledì 13 agosto, a San Giovanni in Fiore (Cosenza) l’iniziativa di Assotutela “Cinghiali e bavagli”, dibattito pubblico sull’arroganza del potere e sul coraggio di informare.
Del tema discuteranno, alle ore 18 presso il bar Modernissimo, il senatore M5S Nicola Morra, l’avvocato Domenico Monteleone e i giornalisti Luciano Regolo ed Emiliano Morrone.
Sull’iniziativa, nei giorni scorsi, c’è stata una polemica con il Comune di San Giovanni in Fiore, amministrato da Antonio Barile, sindaco del Nuovo Centrodestra, che ha motivato il «no» alla chiusura del traffico sul posto con Leggi tutto