Sentenza della Corte d’appello per l’assassino della giornalista, Peter Madsen

Fece a pezzi Kim Wall, confermato l’ergastolo

Kim Wall e Peter Madsen

COPENAGHEN (Danimarca) – In Danimarca l’inventore Peter Madsen, che costruì il sommergibile privato Nautilus, si è visto confermare in appello l’ergastolo per omicidio e sevizie della giornalista svedese Kim Wall,

leggi...
La proposta di Orioles, Caruso e Iannitti agli amministratori giudiziari del quotidiano

I Siciliani giovani: “La Sicilia la salviamo noi”

Il manifesto de I Siciliani alla conferenza di stamane a Catania

CATANIA – Instaurare un dialogo con gli amministratori giudiziari del quotidiano “La Sicilia” di Catania per “discutere la ristrutturazione del giornale ed il suo ritorno come giornale sano sul mercato mettendo a disposizione”

leggi...
Il presidente Mattarella 30 anni dopo l’omicidio del giornalista: “Resta il suo esempio”

“Mauro Rostagno, ucciso per la sua voce libera”

Mauro Rostagno

ROMA – “La memoria di una vittima di mafia oltrepassa lo strazio per la vita umana vigliaccamente spezzata. Essa costituisce un monito per la società e per le stesse istituzioni della Repubblica”. Lo afferma il presidente

leggi...
«Piegava alla sua volontà la linea editoriale, in alcuni casi “non ostile” a Cosa Nostra»

Ciancio, la Procura: “Socialmente pericoloso”

Mario Ciancio Sanfilippo

CATANIA – “Socialmente pericoloso”. Lo è per i magistrati di Catania l’editore Mario Ciancio Sanfilippo, per il quale ieri è scattata la confisca dell’impero da oltre 150 milioni di euro, comprendente 31 società e soprattutto il quotidiano La Sicilia (di cui oggi Ciancio ha lasciato la direzione responsabile, ndr) le emittenti Antenna Sicilia e Telecolor e quote di maggioranza della Gazzetta del Mezzogiorno.
Una valutazione, quella sulla pericolosità sociale, riferibile fino al 2013, quando è stato raccolto dai pm l’ultimo riscontro.
Ieri sera l’imprenditore ha comunicato di avere lasciato dopo 51 anni la direzione della testata catanese, protestando la propria innocenza e la propria assoluta distanza dalla mafia, ma per la procura avrebbe avuto un “rapporto continuativo con esponenti di Cosa nostra” e il suo patrimonio “è in parte frutto di reato e in parte non trova giustificazione nei redditi conseguiti, quindi deve ritenersi illecito”.

leggi...
I suoi scatti sono esposti nei più grandi musei del mondo. Ha immortalato la California

Addio ad Henry Wessel jr, il fotografo “topografo”

Henry Wessel Jr. Albuquerque, New Mexico 1968

LOS ANGELES (Usa) – Il fotografo statunitense Henry Wessel jr., celebre autore di reportage dedicati alla vita in California, con scatti in bianco e nero traboccanti di luce e umore, è morto nella sua casa di Point Richmond,

leggi...
La testimonianza: “Quando lasciamo le nostre case non sappiamo se torneremo vivi”

Afghanistan: 13 giornalisti uccisi in 9 mesi

Hamid Haidary

KABUL (Afghanistan) – Dall’inizio del 2018 sono stati uccisi 13 giornalisti in Afghanistan. Un numero record in questi 17 anni di guerra che fa dell’Afghanistan il Paese più rischioso per i reporter.

leggi...
L’editore è sotto processo a Catania per concorso esterno in associazione mafiosa

Confiscati a Mario Ciancio La Sicilia e le tv

Mario Ciancio Sanfilippo

CATANIA – Ci sono anche lo storico quotidiano regionale “La Sicilia” di Catania e le emittenti tv Telecolor e Antenna Sicilia tra i beni inseriti nel “decreto di confisca e di sequestro e contestuale confisca” relativo all’impero dell’editore

leggi...
Ok a maggioranza alla nomina a presidente: stesso schema del voto del 31 luglio

Rai, il Cda sceglie ancora Marcello Foa

Marcello Foa

ROMA – Il Cda della Rai ha dato l’ok a maggioranza alla nomina di Marcello Foa a presidente della tv pubblica. A quanto si apprende, Foa ha ottenuto quattro voti favorevoli, quelli dell’ad Fabrizio Salini e dei consiglieri

leggi...
La commissaria alla Giustizia Vera Jourova: “Mi aspetto onestà o sarà sanzionato”

“Facebook non tutela la privacy”, l’Ue è stufa

BRUXELLES (Belgio) – La commissaria alla Giustizia, Vera Jourova, ha minacciato “sanzioni” contro Facebook per non aver agito a tutela della trasparenza sulla privacy dei suoi utenti dopo lo scandalo Cambridge Analytica.

leggi...
Al giornalista di Askanews il riconoscimento della Fondazione Italia-Giappone

Premio Umberto Agnelli ad Antonio Moscatello

Antonio Moscatello

ROMA – A un giornalista di Askanews, Antonio Moscatello, è stato assegnato il Premio “Umberto Agnelli” dalla Fondazione Italia-Giappone per il 2018. Il premio verrà consegnato nell’ambito del XXX Italy-Japan Business Group il 18 ottobre a Napoli.
Il Premio è intitolato a Umberto Agnelli per ricordarne sia la figura d’imprenditore sia la passione per il Giappone. Umberto Agnelli fu, tra l’altro, tra i promotori della Fondazione Italia-Giappone, dell’Italy Japan Business Group,

leggi...
design   emme21