Cambio al vertice dell’impero editoriale della Curia di Bergamo: timone a Lucio Cassia

Emilio Moreschi lascia la presidenza della Sesaab

Emilio Moreschi

Emilio Moreschi

Lucio Cassia

Lucio Cassia

BERGAMO – “Lascio perché i prossimi anni che compio sono 77 e poi perché penso che le società, soprattutto in un periodo di rapido mutamento di scenario e di prospettiva come quello attuale, abbiano bisogno di un cambio generazionale che consenta di leggere meglio i segnali di cambiamento”. In un’intervista a “L’Eco di Bergamo”, Emilio Moreschi spiega, così, la sua decisione di lasciare il timone della Sesaab spa e del gruppo Sesaab che presiede da quattro anni. La sua decisione l’ha comunicata in azienda lunedì pomeriggio, dopo aver fatto la stessa cosa, in mattinata, in Rulmeca, più grande fornitore di rulli e mototamburi per nastri trasportatori per carico pesante, destinati ad applicazioni per cave e miniere, che conta 1200 dipendenti in più di venti società di produzione e di vendita in tutto il mondo.
Il gruppo editoriale Sesaab (acronimo di Società Editrice Santi Alessandro, Ambrogio, Bassiano), fondato nel giugno 1988 a Bergamo, è di proprietà della diocesi di Bergamo ed edita i quotidiani

leggi...
Il presidente del Lingotto sostiene che al gruppo editoriale non servono investimenti

Elkann: “La Fiat ha salvato Rcs dal fallimento”

John Elkann

John Elkann

Rcs MediaGroupTORINO – “Per senso di responsabilità la Fiat si è impegnata a salvare Rcs dal fallimento. La partecipazione non l’abbiamo decisa né io, né Sergio Marchionne, l’abbiamo trovata. Oggi le cose vanno molto meglio, tant’è che Rcs non ha bisogno di altri investimenti”.
Così il presidente della Fiat, John Elkann, ha risposto oggi ai giornalisti nel corso della conferenza stampa organizzata a margine dell’Assemblea degli azionisti che ha approvato il Bilancio 2013 della casa automobilistica torinese. Esprimendosi a sostegno della Politica in materia di remunerazioni della Società, l’Assemblea ha, invece, rinnovato per la Fiat l’autorizzazione all’acquisto di azioni proprie per 1,2 miliardi di euro

leggi...
Le proposte del Cda alle assemblee degli azionisti convocate per il 6 e l’8 maggio

Rcs, azioni convertite e più spazio alla minoranza

Angelo Provasoli

Angelo Provasoli

Rcs MediaGroupMILANO – Conversione delle Azioni di Risparmio di Categoria A e B in azioni ordinarie Rcs MediaGroup spa e modifica dell’art. 11 dello Statuto sociale in tema di governance (numero Consiglieri da un minimo di sette a un massimo di undici; due terzi alla prima lista ed un terzo alle altre). Queste le proposte deliberate dal Consiglio d’amministrazione di Rcs da sottoporre alle Assemblee speciali degli Azionisti di Risparmio (6 maggio) e dell’Assemblea Ordinaria e Straordinaria (8 maggio).
Il Cda di Rcs Media Group, riunitosi sotto la presidenza di Angelo Provasoli, ha deliberato

leggi...
Dopo lo scioglimento del patto, attesa dal Cda una proposta per rivedere lo statuto

Rcs lavora al rinnovo della governance

Rcs

MILANO – Rcs lavora al rinnovo della governance. Il Cda del gruppo, iniziato a metà di ieri pomeriggio, si è prorogato fino a tarda sera e mancano ancora comunicazioni ufficiali sull’esito della riunione. L’attesa è, comunque, che dall’incontro esca una proposta per rivedere lo statuto con nuove regole di elezione del governo societario per renderlo più rappresentativo di tutti i soci.
Rcs si trova, del resto, in una nuova fase dopo lo scioglimento del patto a novembre. E soprattutto, non c’è più la maggioranza “bulgara” com’era quella del patto, in grado di esprimere, come da governance attuale, la quasi totalità del Cda lasciando

leggi...
Il Cdr della Gazzetta dello Sport chiede all’Ad di “cancellare il vergognoso ordine del giorno”

Rcs in crisi? “Premi” ai dirigenti, sacrifici ai giornalisti

Gazzetta dello SportMILANO – “Prima la domanda: può un uomo da 750.000 euro l’anno chiedere premi alla proprietà di un’azienda in crisi? Un’azienda che lui amministra tagliando teste, settori, spese e anche (e giustamente) i premi altrui? ”.
A porre la domanda alle lettrici ed ai lettori della “Gazzetta dello Sport” è, oggi, il Comitato di redazione della “rosea”, sottolineando

leggi...
Sui “bonus” la redazione proclama lo stato di agitazione e si riunisce in assemblea permanente

Corriere della Sera, “una beffa vergognosa”

Corriere della SeraMILANO – “E’ di ieri la notizia che il consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup ha messo all’ordine del giorno l’attribuzione di consistenti bonus (premi) all’amministratore delegato Pietro Scott Jovane e a un’altra ventina di manager di vertice. Questi premi sono la ricompensa per i «risparmi» da 92 milioni di euro realizzati finora, in massima parte, a spese dei lavoratori (o di molti ormai ex lavoratori) del gruppo”.

leggi...
Nuovo presidente a Milano. Stefano Gallizzi confermato vicepresidente. Rosy Brandi segretario e Luca Pagni tesoriere

Odg Lombardia: tra Gonzales e Abruzzo vince Dossena

Odg LombardiaMILANO – Chi ipotizzava una “staffetta” di 18 mesi ciascuno tra il presidente uscente Letizia Gonzales e il presidente emerito Franco Abruzzo, ha dovuto ricredersi. Tra i due aspiranti alla presidenza dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia ha vinto il terzo: Gabriele Dossena, eletto con 7 voti su 9, quelli di “Nuova Informazione” , “Mlg-Stampa Libera e Indipendente” e “Senza Bavaglio”.
Alla vicepresidenza confermato il pubblicista

leggi...
Il movimento di Giuseppe Gallizzi conquista 15 consiglieri nazionali nella lista che ne ha fatti propri ben 27 su 32

Elezioni Odg: Lombardia, sbanca “Stampa Libera e Indipendente”

Paolo Pirovano

Paolo Pirovano

MILANO – “Stampa Libera e Indipendente”, rappresentata in Lombardia dal “Movimento Liberi Giornalisti” di Giuseppe Gallizzi, conquista 15 consiglieri nazionali dell’Odg e consente alla lista con “Nuova Informazione” e “Senza Bavaglio” di farne propri addirittura 27 su 32.
Il risultato del ballottaggio per i consiglieri nazionali dell’Ordine dei giornalisti conferma, dunque, la bontà dell’accordo vincente al Consiglio Regionale dell’Odg lombardo, esteso al “Nazionale” solo dopo la decimazione della truppa di “Nuova Informazione”, che al primo turno ha perso addirittura 10 dei suoi 18 candidati.
La lista formata da “Stampa Democratica”, “Quarto Potere” e “Mil”, l’unica che al primo turno era riuscita a far strappare il biglietto per il ballottaggio a tutti i propri 36 candidati, si è così dovuta accontentare di appena 5 consiglieri nazionali. E pensare che, al primo turno, lo schieramento aveva addirittura fatto ipotizzare il “cappotto” tra

leggi...
Consiglio Regionale: il siluramento, nel segreto dell’urna, di Fabio Benati rischia di aprire le porte a nuovi scenari

Elezioni Odg: in Lombardia tutto facile, anzi complicato

Franco Abruzzo

Franco Abruzzo

Letizia Gonzales

Letizia Gonzales

MILANO – Il ballottaggio per il Consiglio Regionale dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia rimette in discussione quella che, alla vigilia del voto, appariva come una certezza assoluta: la conferma di Letizia Gonzales alla presidenza.
Il siluramento, nel segreto dell’urna, di Fabio Benati rischia, infatti, di aprire le porte a nuovi scenari a causa della modifica degli assetti in campo.
Di certo ci sono la conferma della maggioranza assoluta del “Mlg-Stampa Libera e Indipendente” di Giuseppe Gallizzi tra i pubblicisti (senza storia l’en-plain con Massimo Cherubini che va ad aggiungersi agli eletti al primo turno Stefano Gallizzi e Roberto Di Sanzo) e il maggior numero di consensi raggiunto da Franco Abruzzo tra i professionisti che serve, comunque, a poco, considerato che in Consiglio il presidente emerito dell’Odg lombardo si ritrova solo in compagnia di

leggi...
La lista Mlg-Stampa Libera e Indipendente sbanca tra i pubblicisti (3 eletti). Tutti gli altri vanno al ballottaggio

Elezioni Odg: in Lombardia passa solo Gallizzi

Letizia Gonzales

Stefano Gallizzi

Giuseppe Gallizzi

MILANO – I giornalisti lombardi disertano il seggio unico di Milano (hanno votato solo 1150 professionisti su 8291 e 760 pubblicisti su 14237), ma le urne premiano i pubblicisti del “Movimento Liberi Giornalisti”, il gruppo di Peppino Gallizzi che aderisce a “Stampa Libera e Indipendente”.
Non andranno al ballottaggio, infatti, soltanto il vicepresidente uscente Stefano Gallizzi (primo eletto in assoluto con 453 voti), Roberto Di Sanzo (402) ed il revisore dei conti Angela Battaglia (398).
Per eleggere i 6 consiglieri regionali professionisti, 1 pubblicista e i 2 revisori dei conti professionisti bisognerà attendere l’esito del ballottaggio. Stessa musica per il Consiglio Nazionale, dove, invece, tutto sarà deciso al ballottaggio.
Certo, l’esito delle votazioni di domenica e lunedì scorsi ha già

leggi...
design   emme21