Pubblicate in Gazzetta Ufficiale le delibere dell’Inpgi 2 approvate dai ministeri vigilanti

Covid 19: congedo parentale per i giornalisti

ROMA – La Gazzetta Ufficiale n. 202 del 13 agosto 2020 ha reso operativa la nota con cui, il 23 luglio scorso, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha approvato le delibere del Comitato Amministratore Inpgi n. 11 e 12 del 29 aprile scorso relative al congedo parentale straordinario Covid-19 per i giornalisti iscritti in via esclusiva – quali liberi professionisti o titolari di collaborazione coordinata e continuativa – alla Gestione Separata dell’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani.

Ezio Ercole e Orazio Raffa (Stampa Libera e Indipendente) del Comitato amministratore Inpgi

Misura straordinaria prevista in considerazione dei provvedimenti di sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado.
Le domande per ottenere l’indennità per il congedo straordinario fruito nel periodo dal 5 marzo al 31 agosto 2020 potranno essere presentate a partire dal 1° settembre prossimo. (giornalistitalia.it)

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI
Approvazione delle delibere n. 11 e n. 12 dell’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani adottate dal Comitato amministratore della gestione separata in data 29 aprile 2020.
(20A04313) (Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 202 del 13-08-2020)

Con nota del Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 36/0008894/PG-L-114-115 del 23 luglio 2020 sono state approvate, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, di concerto con il Ministero dell’economia e delle finanze, le delibere n. 11 e n. 12 dell’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani (Inpgi) adottate dal Comitato amministratore della gestione separata in data 29 aprile 2020, recanti: emergenza Covid-19.  Possibilità di estensione agli iscritti del congedo parentale ai sensi dell’art. 23, comma 3, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18.

I commenti sono chiusi