Ciancio annuncia la messa in liquidazione della società editrice. Il momento è grave

La Gazzetta del Mezzogiorno verso il baratro

Mario Ciancio Sanfilippo

BARI – «Vergogna. Mario Ciancio Sanfilippo ha gettato la maschera del vecchio gentiluomo siciliano per rivelare il volto del comandante che abbandona la nave nella tempesta. Anzi, che insieme con i sui eredi la porta sugli scogli prima di scendere».
Il Comitato di redazione del quotidiano di Puglia e Basilicata non usa mezzi termini per definire l’ultimo atto di una brutta vicenda che rischia di mettere fine ai 133 anni di storia del giornale: la messa in liquidazione della società editrice Edisud spa.
È questa, infatti, la novità seguita alla restituzione della Edisud Spa, editrice della «Gazzetta», a Mario Ciancio Sanfilippo. Dopo le dimissioni del Consiglio di amministrazione e del Collegio sindacale, senza che la famiglia Ciancio avesse nominato i nuovi organi (eccependo un difetto di forma nella convocazione dell’assemblea societaria) e dopo la decisione del Tribunale di Catania di prorogare il Cda dimissionario per far eseguire all’editore le nomine di propria competenza previste dalla legge.
«Con una mossa a sorpresa dietro l’altra, – denuncia il Cdr – l’editore sta esplicitando il suo totale disinteresse per la “Gazzetta”. L’ultima è di ieri, quando ha dichiarato al Cda uscente la volontà di porre in liquidazione la società editrice del giornale, quella Edisud Spa di cui ha tenacemente chiesto la restituzione al Tribunale di Catania, evidentemente con l’unico scopo di riabilitare – legittimamente – la sua immagine dopo le imputazioni per presunto concorso esterno in associazione mafiosa, in un processo peraltro ancora in corso».

La sede della Gazzetta del Mezzogiorno a Bari

«Ci eravamo illusi – spiegano i giornalisti – che diciotto mesi di battaglie legali lo avessero motivato a dimostrare all’Italia intera che la famiglia Ciancio Sanfilippo era pronta a ripartire. E ci eravamo illusi non sulla base di una ingenua e astratta fantasia. Negli ultimi diciotto mesi noi lavoratori della “Gazzetta” (giornalisti, poligrafici e quasi tutti gli amministrativi) abbiamo accettato pesanti sacrifici: tagli progressivi e strutturali alle buste paga, intere mensilità perdute nel calderone dei debiti societari, quote ingenti di contributi e trattamento di fine rapporto nella stessa fornace debitoria. E questo dopo che per tutti gli anni della gestione Ciancio abbiamo comunque subìto stati di crisi, prepensionamenti, contratti di solidarietà e riduzioni di stipendio che puntualmente ci venivano prospettati come manovre indispensabili e definitive “per mettere i conti in sicurezza”. E il tutto a fronte di un impegno professionale sempre crescente. Pensavamo che la tenacia dell’editore nel rivolere indietro il giornale si potesse sposare con la fiducia dimostrata dai lavoratori nell’accettare sacrifici al buio».
«Che cosa c’è di peggio – osserva il Cdr – che tradire la fiducia di chi ha creduto sulla parola? A questo punto si incastrano perfettamente tutti i pezzi del mosaico. La situazione debitoria accumulata dalla Edisud ben prima del sequestro imposto dal Tribunale di Catania nell’ambito dell’inchiesta su Mario Ciancio Sanfilippo, conferma – alla luce degli ultimi atti – la consapevolezza da parte dell’azionista di quanto facevano i manager da lui nominati a cominciare da Franco Capparelli».
«Ora – reclama il Comitato di redazione – serve nuova luce per capire come si siano inspiegabilmente deteriorati i bilanci degli ultimi anni, così come restano inesplicabili alcune scelte gestionali. Non volevamo credere a quel che vedevamo: un editore che assiste incurante alla distruzione di un giornale come pochi ce ne sono in Italia per storia, diffusione e radicamento nel proprio territorio».
«Adesso – evidenziano i giornalisti – abbiamo capito che non era solo noncuranza. Era consapevole avallo e forse il tempo ci rivelerà anche a quale disegno risponde questa sistematica demolizione. Abbiamo il dovere di dirlo ai nostri Lettori e a tutti i protagonisti sociali e istituzionali di Puglia e Basilicata. Abbiamo, anche, il dovere di dire agli imprenditori pugliesi e lucani, ai quali la “Gazzetta” ha sempre dato voce e visibilità, che questo accade quando si consente che le risorse della propria terra finiscano in mani estranee. Un discorso che vale tanto per il nostro giornale, quanto per altri valori e istituzioni nevralgiche della società nella quale si ambisce a prosperare».

Franco Capparelli

«L’immediata e primaria conseguenza della volontà della famiglia Ciancio Sanfilippo di porre in liquidazione la “Gazzetta” – spiega ancora il Cdr – è intanto l’aggravamento della situazione economica della società editrice. In questo aggravamento, si inserisce anche l’inevitabile disordine organizzativo e a seguire la mancanza di governance nella quale il giornale è proiettato. Questi tre fattori comportano giorno per giorno – e adesso ancor di più – un ulteriore progressivo peggioramento del pregiudizio dei diritti dei creditori».
«L’ultima cosa che vorremmo fare noi giornalisti e lavoratori della “Gazzetta” – conclude il Cdr – sarebbe decretare la morte del quotidiano dei pugliesi e dei lucani. E, invece, abbiamo la sgradevole sensazione di venire spinti verso questa macabra beffa: essere presi per sfinimento dopo quasi due anni di battaglie legali – con sordi veri e sordi che, forse, non volevano neanche sentire – affinché la parola “fine” la scrivano coloro che condividono con voi l’amore per il giornale. E, invece, c’è chi sta dimostrando di volerlo solo gettare via come un fazzoletto usato. (giornalistitalia.it)

Odg Puglia: “ Necessario andare oltre la solidarietà”

«La richiesta di liquidazione della Edisud, proprietaria della Gazzetta del Mezzogiorno, non era la chiarezza che auspicavamo dall’editore Mario Ciancio Sanfilippo all’indomani della restituzione della società da parte del Tribunale di Catania». Lo afferma l’Ordine dei giornalisti della Puglia sottolineando che «ora che è caduta anche questa, speriamo ultima, maschera è necessario andare oltre la solidarietà e mettere in campo tutte le energie per impedire alla Puglia e alla Basilicata di fare a meno di un presidio di democrazia».
«Questo territorio – afferma l’Odg Puglia – non può permettersi di rinunciare a un pezzo della sua storia e deve avere la forza, la capacità, la creatività di individuare una via di futuro non solo per i giornalisti, i poligrafici, gli amministrativi ma per l’intera comunità del giornale che è rappresentata dai cittadini-lettori». (giornalistitalia.it)

Fnsi e Assostampa: “Gli imprenditori si facciano avanti”

«Il tempo degli incontri istituzionali, delle solidarietà o delle passerelle mediatiche è finito: è tempo che la classe imprenditoriale di Puglia e Basilicata si faccia avanti, anche tramite cordata, per salvare la Gazzetta del Mezzogiorno dal baratro del fallimento cui sembra condannata».  Fnsi e Associazioni di Stampa di Puglia e Basilicata ricordano che «a fine mese il Tribunale di Bari sarà chiamato ad esprimersi sulla eventuale continuità dell’azienda, ma a un anno e mezzo dal sequestro deciso dai giudici di Catania, il giornale è riuscito a sopravvivere sinora solo grazie alla caparbietà di giornalisti e poligrafici, che hanno continuato a lavorare e così a garantire l’uscita quotidiana in edicola anche quando non veniva loro pagato lo stipendio».
«Quei sacrifici, – evidenzia il sindacato dei giornalisti – ora, rischiano di andare persi dinanzi alla volontà dell’editore di dismettere il principale organo di informazione della Puglia e della Basilicata, dopo averne provocato il dissesto tramite un management rimasto alla guida finanche durante la procedura giudiziaria e aver allontanato per anni ogni offerta di acquisto che consentisse la tutela e il futuro della testata».
«Dinanzi a tale situazione – conclude il sindacato – gli imprenditori pugliesi e lucani non possono rimanere silenti spettatori. Occorre un impegno forte e chiaro da parte del territorio che, per 133 anni, è stato raccontato dal giornale con professionalità ed equilibrio. La Gazzetta è un bene di tutti ed è dovere da parte di tutti i pugliesi e lucani provare a difenderlo». (giornalistitalia.it)

LEGGI ANCHE:
Mario Ciancio: “Nessun serio acquirente”

 

I commenti sono chiusi