Promesse disattese, crediti, debiti, svalutazioni e gestione della società “Mediterranea”

La Gazzetta del Mezzogiorno, occhio alla cassaforte

BARI – «Svanite nel nulla promesse e impegni generici sul salvataggio della vostra e nostra Gazzetta, restano solo i numeri a raccontare le vicende del fallimento della Edisud e della Mediterranea, le società che fino a oggi hanno vissuto della forza della testata accumulando 44 milioni di debiti sui quali indaga la Procura di Bari».
Il Comitato di redazione del quotidiano di Puglia e Basilicata fa il punto della situazione sullo storico quotidiano che rischia di essere cancellato dopo 133 anni di storia.

Mario Ciancio Sanfilippo

«Edisud – ricorda il Cdr – è la società editrice de La Gazzetta del Mezzogiorno. Ma la testata e il palazzo di via Scipione l’Africano (sede del giornale fino al maggio 2015) sono proprietà della società Mediterranea a sua volta controllata al 100% dalla stessa Edisud di cui sono dipendenti giornalisti e poligrafici. Mediterranea è anche la società incaricata della raccolta pubblicitaria. Questo assetto rende, di fatto, la Edisud un centro di costo e la Mediterranea la cassaforte di famiglia. La famiglia è quella di Mario Ciancio Sanfilippo, azionista di maggioranza della Edisud, rientrato in possesso del suo patrimonio dopo 18 mesi di sequestro giudiziario conclusosi con una doppia sentenza favorevole del Tribunale di Catania. Ma al suo rientro, l’editore siciliano ha dichiarato il disimpegno dall’impresa editoriale pugliese».
«La situazione fallimentare – spiega il Comitato di redazione – si è esplicitata durante i 20 mesi di responsabilità commissariale ma affonda solide radici nella gestione dei manager voluti, nominati e difesi dalla famiglia Ciancio Sanfilippo durante tutta la fase imprenditoriale, protagonisti di tagli selvaggi al costo del lavoro mentre (abbiamo poi potuto ricostruire) a bilancio iscrivevano ogni anno 4,5 milioni di spese mai chiaramente documentate sotto la generica voce di “servizi”. E siamo già alle cronache delle ultime settimane, ricche di colpi di scena».

Franco Capparelli

I giornalisti sottolineano che «uno di questi colpi di scena è stato l’addio di Mario Ciancio Sanfilippo, che si è dichiarato pronto a cedere il giornale a chiunque ne fosse interessato, onorando fino in fondo i debiti personali. Non sappiamo se tra questi fa rientrare anche le risorse mai fatte affluire nelle casse della società: il 29 giugno del 2018 la famiglia Ciancio Sanfilippo ha sottoscritto un aumento di capitale della Edisud senza mai versare i 689mila euro per i quali si era impegnata».
«Con quei soldi – spiega il Cdr – in cassa i lavoratori della Gazzetta avrebbero potuto contare su qualche stipendio in più, senza dover fare necessariamente affidamento sulle risorse della controllata società Mediterranea, gestita da Franco Capparelli (uomo di fiducia dell’editore) in qualità di presidente del consiglio di amministrazione e direttore commerciale. Un dirigente che conosce profondamente la complicata macchina che si alimenta della Gazzetta. Capparelli prima di rimanere alla guida della Mediterranea ha ricoperto i compiti di consigliere di amministrazione e direttore generale della Edisud, chiamando al suo fianco persone di sua conoscenza e fiducia, talune ancora in servizio».

Andrea Riffeser Monti

«Il ruolo di Mediterranea – evidenziano i giornalisti – è strategico. Nei mesi più difficili per la testata, la società incaricata della raccolta pubblicitaria si è liberata di buona parte del personale in vista di un ipotizzato accordo con la Speed, società del gruppo editoriale Riffeser Monti. L’accordo non si è mai chiuso, la rete degli agenti è stata compromessa e gli effetti si sono riverberati immediatamente sulla testata in termini di mancate inserzioni e, dunque, di ridotti ricavi a favore della Edisud. Fortunatamente per Mediterranea le cose vanno meglio da circa un mese; sfortunatamente per Edisud e i suoi dipendenti proprio da circa un mese Mediterranea sostiene di non poter più versare le percentuali pubblicitarie per non incorrere in una forma di pagamento preferenziale, pratica scorretta durante una procedura fallimentare.
E non sono gli unici soldi che la società “figlia” nega alla società “madre”. Ci sono anche i cinque milioni di euro iscritti nello stato patrimoniale di Edisud come crediti mai riscossi dalla Mediterranea i cui bilanci, peraltro, si fermano al 2017 non essendo stati approvati i consuntivi successivi».
«Nonostante tutto questo, la gestione della testata – denuncia il Cdr della Gazzetta – ha, comunque, fruttato a Edisud introiti per 13 milioni di euro (consuntivo 2018) e il valore del marchio stesso è stato stimato 25 milioni di euro dalla perizia effettuata per conto della Procura, alla base della richiesta di fallimento che si discuterà domani in Tribunale a Bari, insieme a quella di Mediterranea dopo l’udienza di giovedì scorso».
«Il colpo di grazia, in questo vortice di milioni, arriva dalla pratica delle svalutazioni, che – afferma il Cdr – per fasi successive raggiungono la quota di 22 milioni di euro nel giro di un anno e mezzo. Quasi a pareggiare e dunque annullare il valore della testata. Quasi. E tornano in mente le motivazioni con le quali i pm Rossi, Marazia e Divittorio accompagnano la richiesta di fallimento delle due società: il timore di manovre speculative a danno – di fatto – dei creditori delle due società. In quella schiera – conclude il Cdr – ci sono anche i giornalisti e i poligrafici, che proprio in queste ore stanno completando le formalità per creare le rispettive cooperative e farsi trovare pronti qualora dovesse essere possibile e necessario garantire la continuità delle pubblicazioni con l’unico impegno che in questi anni non è mai venuto meno: il lavoro». (giornalistitalia.it)

I commenti sono chiusi