Viene dato per morto un giovane ricoverato in rianimazione. Interviene la Consulta

San Marino: attenti alle fake news, odiose e nocive

SAN MARINO (Repubblica di San Marino) – Le cosiddette fake news sono tanto più odiose quanto più riguardano la sfera personale. Lo diventano ancora di più quando, seppure a volte involontarie e dovute a errori di valutazione sui fatti, non vengono neppure rettificate laddove si rivelino errate».
Parole messe nere su bianco dal Direttivo della Consulta per l’informazione di San Marino, che ha sentito l’obbligo di intervenire dopo quanto accaduto nella Repubblica del Titano: «La scorsa settimana, alcuni siti, nel rilanciare una notizia drammatica circa il malore di un giovane durante una partita di calcetto, hanno scritto che il ragazzo era deceduto. Una informazione falsa – sottolinea la Consulta – poiché il giovane, seppure in gravi condizioni, è ricoverato in rianimazione presso l’ospedale di Rimini».

Pietro Masiello, componente della Consulta di San Marino

«È dunque stata data per morta – incalza la Consulta per l’informazione – una persona che, invece, sta lottando per la vita. Pensiamo allo sconcerto causato dalla notizia falsa, poi neppure rettificata, tra i congiunti, i familiari, gli amici e i conoscenti».
«Purtroppo spesso – come accaduto in questo caso – a dare notizie che poi si rivelano false, – prosegue l’organismo – imprecise e non adeguatamente verificate, sono siti che non sono regolarmente iscritti nei registri, previsti per legge, dei mezzi di informazione. Così pure chi immette e rilancia notizie sul web spesso non rientra nelle categorie professionali prescritte dalle norme, in funzione delle quali i giornalisti hanno una deontologia professionale a cui rispondere e delle regole per la verifica delle notizie e, in caso di errori, per la loro rettifica».
Va da sé che il Direttivo della Consulta per l’informazione di San Marino, «se da un lato raccomanda agli utenti una certa prudenza nell’affidarsi a siti che non siano effettivamente riconosciuti come giornali on-line in regola con quanto previsto dalle leggi, dall’altro lato non può che richiamare tutti gli operatori dell’informazione ad una attenta verifica delle notizie, in particolare in situazioni delicate come quella di cui si tratta». (giornalistitalia.it)

I commenti sono chiusi