La Corte dei Conti contesta la spesa di 100 euro per un giornalista dell’Ufficio Stampa

Tassa Odg, il Comune non può rimborsarla

ROMA – Per la Corte dei Conti Sezione di controllo della Lombardia un Comune non può rimborsare ad un giornalista del proprio ufficio stampa i 100 euro da lui spesi per la tassa annuale di iscrizione all’Ordine dei Giornalisti.

Comune di Spinone al Lago

“In base alla legislazione vigente in materia e alla natura dell’attività cui il direttore di una testata giornalistica è preposto (leggi 47/1948 e 69/1963) la tassa di iscrizione all’Ordine dei Giornalisti costituisce un’obbligazione professionale di natura personale che grava esclusivamente sulla persona fisica che richiede l’iscrizione, ricorrendo i presupposti di legge. Per tali motivi è compito dell’amministrazione valutare se le spese sostenute a titolo di tassa annuale d’iscrizione all’Ordine dei giornalisti, debbano essere recuperate”.
Con questa motivazione la Sezione di controllo della Corte dei Conti della Lombardia ha, infatti, congelato perché non conforme a legge la spesa di 100 euro rimborsata ad un giornalista del proprio ufficio stampa dal Comune di Spinone al Lago, cittadina di mille abitanti in provincia di Bergamo. (giornalistitalia.it)

LEGGI ANCHE:
La deliberazione della Corte dei Conti

I commenti sono chiusi