Con lungimiranza la Fnsi non ha disdettato il contratto nazionale di lavoro giornalistico

A Stampa Romana i dibattiti girano a vuoto

Romano Bartoloni

Romano Bartoloni

Stampa RomanaROMA – I dibattiti (auspicati dal segretario dell’Associazione Stampa Romana, Butturini) sulle grandi riforme del settore, sulle mutazioni genetiche dell’informazione, sul destino dell’Ordine, sulle libertà di stampa e sulle nuove identità professionali girano a vuoto da anni e non avranno uno sbocco realistico fintantoché la crisi economica/istituzionale del Paese stringerà la sua morsa soffocante.
Di fronte allo sprofondarsi del mondo editoriale, in un gorgo di tagli e di ristrutturazioni che colpiscono in maniera drastica le forze del lavoro e non risparmiano grandi testate come Corriere della Sera, la Repubblica e il Sole 24 Ore (solo nel 2012 sono stati 1200 i giornalisti coinvolti tra prepensionamenti, cassa integrazione, contratti di solidarietà, mentre a tutt’oggi sono 60 i tavoli aperti di crisi aziendali con prospettive da macello), e nella speranza che “adda passà ‘a nuttata!”, è meglio, molto meglio, tenersi ben stretto il contratto in vigore per non rischiare di perderlo completamente. Peraltro, con lungimiranza, la Fnsi non l’ha disdettato, obbligando la Fieg a fare altrettanto.

Romano Bartoloni
Presidente Sindacato Cronisti Romani

I commenti sono chiusi