Redazione, Assostampa e Fnsi denunciano: ... “ne nomina uno di Stampa Romana”

Radio Città del Capo caccia il direttore e …

Riccardo Tagliati e Tiziana Barrucci

BOLOGNA – «Apprendiamo via raccomandata del cambio di direzione a Radio Città del Capo. Come redazione non possiamo che esprimere la nostra più profonda preoccupazione di fronte a un atto unilaterale dell’editore in un delicato momento di trattativa, peraltro ancora formalmente aperta visto l’incontro previsto per il 28 gennaio e poi rinviato al 5 febbraio su richiesta dello stesso presidente di Netlit». È quanto denunciano, in una nota pubblicata anche sul sito web dell’emittente, i redattori e le redattrici di Radio Città del Capo.

Renato Truce

«Invece – spiegano – con una raccomandata spedita proprio in data 28 gennaio il presidente del Cda Renato Truce ha comunicato il cambio di direzione. Un fatto grave che indica la mancata volontà dell’editore di avviare un vero confronto con l’obiettivo, che pensavamo condiviso, di preservare Radio Città del Capo come emittente locale punto di riferimento per la città di Bologna. Ci attendiamo ora che dall’incontro previsto il 5 febbraio arrivino risposte, trasparenza e un piano editoriale e industriale. Elementi fino ad ora nemmeno presenti nella trattativa, e tanto più necessari in un momento di forte crisi societaria come quello che sta attraversando la società editrice di Radio Città del Capo, e cioè Netlit srl».
Redattori e redattrici, conclude la nota, si riservano «ogni iniziativa per tutelare il valore e il radicamento di Radio Città del Capo, la professionalità dei suoi giornalisti e il servizio che ogni giorno la radio rende ai suoi ascoltatori e ascoltatrici».
Sulla vicenda intervengono l’Associazione Stampa dell’Emilia Romagna e la Federazione Nazionale della Stampa Italiana. «A Radio Città del Capo di Bologna l’editore Netlit ha deciso un cambio di direttore: Riccardo Tagliati sarà sostituito da Tiziana Barrucci. Atto formalizzato attraverso una raccomandata al fiduciario di redazione e all’Aser prima di un incontro già fissato per il 5 febbraio nel quale si dovrà discutere del futuro della radio e dei piani di sviluppo e riorganizzazione dell’emittente», rilevano Aser e Fnsi.
«Ma fatto ancor più grave – proseguono – è che Tiziana Barrucci lavora a Stampa Romana, dove si occupa di formazione: insomma la dipendente del sindacato regionale dei giornalisti diventa direttore di un’emittente dove è in atto una dura vertenza, sostituendo un collega sul cui impiego ancora non vengono date spiegazioni. Ferma restando la libertà della collega Barrucci di decidere il suo futuro professionale, è auspicabile che Stampa Romana chiarisca il ruolo della dipendente e i rapporti che intercorrono con l’editore di Netlit, Renato Truce, apertamente ostile al sindacato e alle sue rappresentanze». (giornalistitalia.it)

LEGGI ANCHE:
Radio Città del Capo: urge un confronto sindacale
Radio Città del Capo: venti di guerra in redazione

 

I commenti sono chiusi