Cavallaro a Meloni: “Servono misure eccezionali per proteggere redditi e imprese”

La Cisal incontra il Governo: “Priorità il lavoro”

La delegazione della Cisal guidata da Francesco Cavallaro, oggi a Palazzo Chigi, con il presidente del Consiglio Giorgia Meloni e i ministri

ROMA – «Piena disponibilità a collaborare senza preconcetti» è stata espressa oggi dal segretario generale della Cisal, Francesco Cavallaro, al presidente del Consiglio dei ministri, Giorgia Meloni, al tavolo di confronto sulla legge di bilancio e gli interventi per far fronte ai rincari.

Francesco Cavallaro, Giorgia Meloni, Marcello Pacifico, Massimo Blasi e Vincenzo Caratelli

Nel rinnovare gli auguri di buon lavoro al Governo, Cavallaro ha, inoltre, sottolineato positivamente l’impegno che il Governo ha assunto in termini di confronto con la Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori e tutte le sigle sindacali. Al tavolo, con il presidente del Consiglio Giorgio Meloni, c’erano i ministri Giancarlo Giorgetti (Economia e Finanze), Adolfo Urso (Imprese e Made in Italy), Marina Calderone (Lavoro e Politiche sociali), Raffaele Fitto (Affari europei, Politiche di coesione e Pnrr) e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giovanbattista Fazzolari. Il segretario generale della Cisal era, invece, accompagnato dai segretari confederali Massimo Blasi e Marcello Pacifico e dal segretario generale di Cisal Terziario Vincenzo Caratelli.
«In un momento storico che registra un elevatissimo tasso di inflazione e il rincaro dei costi energia – ha sottolineato Cavallaro – servono misure eccezionali per proteggere i redditi di famiglie e pensionati e mettere al sicuro le imprese».
Alla Meloni il segretario generale della Cisal ha evidenziato tutte le priorità del mondo del lavoro: taglio del cuneo fiscale, occupazione giovanile e femminile, sicurezza, scuola e formazione, politiche attive, pensioni. E poi una decisa riforma fiscale per un vero contrasto allo scandaloso fenomeno di evasione fiscale e contributiva». (giornalistitalia.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *