Con Cisal per l’informazione, la comunicazione, i media, l’editoria, l’arte e la cultura

Figec, il nuovo sindacato dei giornalisti

Da sinistra: Giuseppe Mazzarino, Rodolfo Davoli, Andrea Bulgarelli, Enzo Colimoro, Carlo Parisi, Mimmo Falco, Francesco Cavallaro, Lorenzo Del Boca e Franco Calabrò

ROMA – Questa mattina in Senato, nella Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, è stato tenuto a battesimo il nuovo sindacato dei giornalisti italiani. E non solo dei giornalisti, ma di tutti gli operatori dell’informazione, della comunicazione, dei media, dell’editoria, dell’arte e della cultura. Si chiama Figec, ovvero Federazione Italiana Giornalismo, Editoria e Comunicazione.
Segretario generale della nuova Federazione è Carlo Parisi, giornalista professionista, già Segretario generale aggiunto della Fnsi – che da oggi non è più il sindacato unico dei giornalisti italiani – e direttore del quotidiano online dei giornalisti, Giornalisti Italia.
Presidente della Figec è Lorenzo Del Boca, storico inviato e capocronista della Stampa, per tre volte presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti dopo esserlo stato della Fnsi, saggista, storico e scrittore.

Carlo Parisi, Francesco Cavallaro e Lorenzo Del Boca

È stato lo stesso Carlo Parisi ad aprire la cerimonia ufficiale in Senato, spiegando quali sono i presupposti fondamentali su cui poggia la Figec: «Il nostro sarà un sindacato “per” e non “contro”, un sindacato nel quale la diversità rappresenti un’occasione di riflessione e di crescita, non un problema da eliminare annientando chi non si adegua al pensiero unico. Un sindacato – ha ripetuto più volte Parisi – assolutamente nuovo e moderno, che nasce con la precisa volontà di essere il sindacato di quanti lavorano oggi nel mondo dell’informazione, dei media, della comunicazione, della cultura e che di fatto non hanno mai avuto una propria rappresentanza sindacale a tutela dei loro interessi. Un sindacato fatto di persone che non vogliono promettere, ma fare».

La presentazione della Figec nella “Sala Zuccari” di Palazzo Giustiniani a Roma

«Difendere tutti, a cominciare dagli ultimi, – ha incalzato il segretario del nuovo sindacato dei giornalisti italiani – da chi non ha santi in Paradiso, da chi non ha soldi per mettere insieme il pranzo con la cena, come spesso ci siamo ritrovati a denunciare con Lorenzo Del Boca. Restituire la dignità ai nuovi schiavi: ecco perché abbiamo deciso di metterci, ancora una volta, la faccia. È per questo che vogliamo sporcarci le mani, per stare davvero vicino a chi ha più bisogno. Vicino a chi rischia ogni giorno semplicemente per fare il proprio lavoro».

Carlo Parisi con Franco Cavallaro, Lorenzo Del Boca e i promotori di Figec

Chi si aspettava da Carlo Parisi un discorso di “attacco” alla Fnsi ci sarà rimasto male, perché il leader sindacale ha preferito i toni equilibrati dell’analisi del momento politico e sociale, che è grave, in cui si muove la comunicazione in Italia, per riflettere sulla necessità e sull’urgenza di «mettere in piedi un sindacato assolutamente nuovo, a cominciare dall’organizzazione, saldamente ancorato alla realtà e al territorio, al passo con i tempi, propositivo, che sia controparte e non nemico delle aziende».

Carlo Parisi e Marisa La Penna

Ma il passaggio più forte che il neo segretario generale della Figec ha affidato ai giornalisti presenti alla conferenza stampa di questa mattina è stato, invece, questo: «Non vogliamo diventare un circolo esclusivo impegnato a difendere i privilegi di pochi, derogando così al proprio ruolo per non urtare gli interessi dei grandi gruppi economici e di potere. Vogliamo, invece, imparare ad ascoltare sempre di più le tantissime istanze che provengono dal nostro mondo». E, per rafforzare la sua riflessione, Parisi ha usato tre termini diversi: solitudine, accoglienza e speranza. Perché, per uscire dalla solitudine in cui i giornalisti oggi vivono, addirittura relegati rispetto alla propria organizzazione sindacale, «c’è bisogno di un nuovo senso dell’accoglienza, di tanta speranza, ma soprattutto bisogna fare, non limitarsi a promettere». Più chiaro di così…

Raffaella Salamina, Franco Calabrò, Francesco Cangemi, Carlo Parisi, Alma Manera e Ilda Tripodi

È stata, quindi, la collega Raffaella Salamina a leggere la lista ufficiale dei 63 soci fondatori della Figec, che costituiscono il primo Consiglio nazionale provvisorio, i cui nomi si leggono in calce al Manifesto costitutivo della nuova Federazione. Manifesto sottoscritto all’unanimità dai promotori che hanno approvato lo Statuto provvisorio che rimarrà in vigore fino alla celebrazione del Congresso costituente.

Mimmo Falco, Franco Cavallaro, Carlo Parisi, Enzo Caratelli, Francesco Greco e Gaia Marnetto

La novità storica di questo progetto la si coglie subito nel corso della presentazione del nuovo sindacato. Carlo Parisi, infatti, dopo aver aperto ufficialmente i lavori di questa prima sessione ufficiale di Figec ha ringraziato pubblicamente il segretario generale della Cisal, la Confederazione Italiana dei Sindacati Autonomi dei Lavoratori, Franco Cavallaro, «per averci accolto e aver raccolto le richieste di tanti giornalisti che si sono sentiti orfani, stranieri, soli e ve lo dice uno che da 20 anni vive e lavora all’interno degli organismi di categoria e che spesso si è trovato a difendere l’indifendibile. Un’accoglienza concreta, quella della Cisal, che mette a disposizione della Figec le sue sedi provinciali e i Caf, in tutta Italia, da nord a sud».

Francesco Cavallaro

Franco Cavallaro ha spiegato, dal canto suo, che per la Cisal si tratta di una sorta di impegno morale: «Noi come Cisal, con oltre 1 milione e 400mila iscritti, dunque la più importante organizzazione sindacale autonoma d’Italia, non potevamo più ignorare o sottovalutare le istanze che ci vengono dal mondo complesso del giornalismo italiano e della comunicazione più in generale per via di un sindacato unico, la Fnsi, che probabilmente ha esaurito il suo ruolo originario.

Giulio Francese

La nostra non venga letta come una guerra aperta a nessuno, ma venga, invece, interpretata come una proposta di grande civismo e di grande deontologia sociale. Naturalmente andremo avanti per la nostra strada, convinti fino in fondo della bontà di questo progetto».

Stefano Biolchini

Il messaggio è chiaro e forte. Ma la vera novità di tutto questo fervore è che il mondo dell’editoria, della comunicazione e della cultura – in tutte le sue reciproche estensioni – finalmente potrà ritrovarsi nella stessa famiglia.

Giuseppe Mazzarino

Certamente una novità epocale per i giornalisti che, per la prima volta, avranno l’opportunità di scegliere da che parte stare. E da chi farsi difendere. «Nel nome di una libertà che non può e non deve rimanere solo sulla carta», ha sottolineato senza mezzi termini il neo presidente della Figec, Lorenzo Del Boca.

Lorenzo Del Boca

Che, nel suo intervento, straordinariamente infarcito alla sua maniera di numeri, nomi e dettagli legati alla dinamica del mercato editoriale di questi anni e di questi mesi, ha messo l’accento sui temi del «rispetto assoluto che il sindacato deve avere per ciascun lavoratore, nella consapevolezza che ognuno di noi viene da percorsi differenti, perché ha lavorato e lavora in comparti differenti».

Pierluigi Roesler Franz

Eccolo, l’uovo di Colombo. «In un mondo, quello dell’informazione, che continua a frammentarsi come un caleidoscopio e in cui i giornalisti non sono più soli – ha ripetuto con grande passione Del Boca –, al loro fianco, da tempo, ci sono fotoreporter, cineoperatori e grafici.

Vincenzo Colimoro

Ora è necessario aggiungere e riconoscere tutte le nuove figure legate al mondo del web, persino gli studenti che decidono di iscriversi e di frequentare una scuola di giornalismo».

Orazio Raffa

Traduciamo meglio. «Noi vogliamo essere – dicono all’unisono Carlo Parisi e Lorenzo Del Boca – il sindacato dei giornalisti, dei praticanti, ma anche dei web master, dei web designer, dei blogger, dei social media manager, dei montatori, degli opinionisti, dei saggisti, degli scrittori, dei divulgatori scientifici, degli artisti nel senso più lato della parola.

Sara Cipriani

Figure diverse, ma tutte parimenti meritevoli di avere un posto in cui riconoscersi. E di avere accanto un sindacato moderno. Che includa, non escluda». In una parola, un sindacato nuovo.
Animato, appassionato e articolato il dibattito che ne è seguito.

Giuseppe Moles, Carlo Parisi, Francesco Cavallaro e Lorenzo Del Boca

A portare il saluto del Governo in carica per l’ordinaria amministrazione di questi ultimi mesi è stato il sottosegretario all’Editoria Giuseppe Rocco Moles, il quale ha rimarcato che «il Governo Draghi farà di tutto perché al mondo dell’editoria arrivino i 90 milioni previsti dal Fondo Straordinario approvato dal Governo in Finanziaria per quest’anno. Naturalmente non posso, invece, assumere nessun impegno – ha ribadito Moles con la schiettezza di sempre – sui 140 milioni immaginati e previsti per il prossimo anno. Sarà semmai il nuovo esecutivo a deciderlo e a stabilirlo».

Sen. Francesco Urraro

«Nel momento in cui i canoni classici dell’informazione – ha detto, portando il suo saluto al convegno, il senatore Francesco Urraro – sono stati compromessi dall’avvento delle nuove tecnologie, che purtroppo troppo spesso nascondono una sovversione dei più elementari principi, la nascita di una nuova realtà sindacale che tuteli il lavoro e la professionalità degli operatori dell’informazione rappresenta un momento straordinario di crescita per l’intero settore».

Sen. Dario Damiani

«Grazie alla Cisal – ha commentato il senatore Dario Damiani – per questo momento di riflessione, di crescita e di condivisione. Un momento, quello di oggi, dedicato al mondo del giornalismo e dell’informazione, che rappresenta la sintesi di una necessità venuta dagli stessi lavoratori. Quei giornalisti oggi diversificati in più ruoli, che operano in un mondo che sta vivendo tutta una serie di trasformazioni che devono essere colte anche dalla politica. Ci siamo occupati di questa categoria in questa legislatura con degli interventi mirati e sono sicuro che, anche grazie agli spunti che questa nuova realtà saprà dare, la politica potrà fare ancora molto per l’intero comparto nel corso della nuova legislatura».

Sen. Silvia Vono

Presente all’incontro anche la senatrice Silvia Vono, che Carlo Parisi ha ringraziato in maniera speciale «per essere stata sempre vicina alla categoria ed averla già avuta come ospite e interlocutrice importante ad un dibattito sulla libertà di stampa a Reggio Calabria».

Carlo Parisi e Andrea Bulgarelli

«Oggi è un giorno importante non solo per voi, ma anche per noi, – ha tenuto a dire la Vono – perché un sindacato che nasce è il segno di una vitalità culturale e intellettuale importante per tutti. Spero di poter continuare a partecipare ai vostri prossimi incontri, perché come avvocato mi rendo anche conto che ci sono problemi ancora da risolvere in difesa di chi fa il vostro lavoro ed io sono pronta ad aiutarvi».
«Un sindacato pro e non contro è quello di cui ha bisogno la nostra società in un mondo, quello dell’informazione, che sta vivendo profondi cambiamenti – penso ai social – e per questo più bisognoso di tutela per i lavoratori e l’informazione stessa», ha affermato la senatrice Anna Maria Parente, presidente della Commissione Sanità del Senato, sottolineando che «la nascita di un nuovo sindacato è un seme positivo in questo senso».

Sen. Anna Maria Parente

A rendere, invece, una testimonianza diretta, personale e quanto mai piena di “senso dell’orgoglio e dell’appartenenza” al mondo della comunicazione tutta sono stati, subito dopo, i giornalisti Giulio Francese, (già presidente dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia e attuale consigliere nazionale del Cnog), Stefano Biolchini (Il Sole 24 Ore, già delegato Casagit e nel Cdr de IlSole24Ore), Mimmo Falco (presidente del Corecom Campania, vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania, già vicepresidente dell’Odg nazionale, già componente della Giunta Fnsi e dirigente della Regione Campania),

Francesco Greco, Roberta Spinelli, Francesco Cavallaro, Francesco Albanese, Carlo Parisi e Giuseppe Mazzarino

Andrea Bulgarelli (responsabile Comunicazione e Stampa del Sistema Camera di commercio Venezia Giulia; direttore Venezia Giulia Economica; condirettore Unioncamere Economia & Imprese; Fiduciario Inpgi Fvg), Pierluigi Roesler Franz (storico cronista giudiziario per il Messaggero, L’Europeo e L’Espresso, per 9 anni nella redazione romana del Corriere della Sera e per 25 anni in quella de La Stampa, per 11 anni, fino al 2004, presidente dell’Associazione Stampa Romana),

Luca Romagnoli, Francesco Cavallaro, Carlo Parisi ed Enzo Caratelli

Luca Romagnoli (consulente di comunicazione e relazioni pubbliche, responsabile Ufficio stampa Cosmari e Comune di Tolentino, già consigliere, tesoriere e vicepresidente dell’Ordine dei giornalisti delle Marche, attualmente consigliere nazionale dell’Ordine), Giuseppe Mazzarino (già cronista parlamentare e Cdr Gazzetta del Mezzogiorno, già presidente dei revisori Fnsi e Unci, oggi revisore dei conti dell’Ordine della Puglia), Orazio Raffa (fino a ieri vicepresidente vicario Ungp, Unione nazionale giornalisti pensionati, attuale componente del Comitato Ammistratore della Gestione Separata Inpgi e delegato nazionale Casagit), ed Enzo Colimoro (ADM News, già presidente dell’Associazione Stampa Campania, già consigliere nazionale Fnsi, nella Commissione contratto Fnsi, già Fiduciario Inpgi Campania).

Vito La Monica

A portare il saluto del direttore generale dell’Inps, Vincenzo Caridi, è intervenuto il dirigente della Direzione Centrale Presidente e Organi Collegiali, Vito La Monica, spiegando i passaggi che hanno portato all’accorpamento della Gestione principale dell’Inpgi.
Per l’Uspi, l’Unione Stampa Periodica Italiana, che con Cisal ha firmato il contratto nazionale di lavoro giornalistico per l’editoria periodica e online, guidata dal segretario generale Francesco Saverio Vetere, è intervenuto il vicesegretario Sara Cipriani, presente con il delegato ai rapporti con il Parlamento, Alessandro Astorino, e Irene Vitale.

Carlo Parisi

Dopo i ringraziamenti alla struttura organizzativa della Cisal (Gaia Marnetto, Daniela Caprino e il presidente del Caf Francesco Greco), la foto di rito è d’obbligo e chiude il cerchio: “Eccoci”, si legge sullo striscione che svela il “mistero” degli ultimi tempi su Facebook dove sempre più colleghi, immortalati al fianco di Carlo Parisi, continuavano a scrivere “Stiamo arrivando…”. (giornalistitalia.it)

Pino Nano

Il Comitato promotore della Figec
Federazione Italiana Giornalismo Editoria e Comunicazione

Margherita Agata, giornalista pubblicista (abilitata professionista), addetto stampa del Comune di Ferrandina (Matera), consigliere nazionale Odg, consigliere Assostampa Basilicata, già vicesegretario nazionale Ussi;
Francesco Albanese, giornalista professionista, già inviato del quotidiano Il Messaggero, tutor alla Scuola di giornalismo dell’Università Luiss “Guido Carli”, già revisore dei conti Associazione Stampa Romana;
Michele Albanese, giornalista professionista, corrispondente del Quotidiano del Sud, collaboratore Agenzia Ansa e L’Espresso, consigliere nazionale Ucsi, presidente Gruppo Cronisti della Calabria, già consigliere nazionale Fnsi e responsabile per la Legalità;
Franco Arcidiaco, giornalista pubblicista, direttore Calabria Post e La Riviera, direttore editoriale Città del Sole, già consigliere del Sindacato Giornalisti della Calabria;
Stefano Biolchini, giornalista professionista (Domenica Il Sole 24Ore, responsabile 24Ore Cultura on-line), già delegato nazionale Casagit e Cdr Il Sole 24 Ore;
Gianluca Boezio, giornalista professionista (Agepress, Mediarea, Tre Network), consigliere generale e Fiduciario Inpgi per la Basilicata;
Valeria Bonacci, giornalista pubblicista (Il Giornale Off, Touring, Quotidiano del Sud, l’Altravoce dell’Italia), esperta in digital PR on line media relations, web content, cultura e spettacoli, vicepresidente Gispe;
Andrea Bulgarelli, giornalista professionista, responsabile Comunicazione e Stampa Sistema Camera di Commercio Venezia Giulia, direttore Venezia Giulia Economica, condirettore Unioncamere Economia & Imprese, consigliere generale e Fiduciario Inpgi Friuli Venezia Giulia;
Franco Calabrò, giornalista professionista (già Tribuna del Mezzogiorno, Corriere Mercantile, Il Giornale di Calabria, Oggisud, Ansa, Gazzetta del Sud), consulente per la comunicazione, già collaboratore Odg nazionale e presidente Commissione esteri;
Francesco Cangemi, giornalista professionista (Zoom 24), già consigliere nazionale e componente Assemblea nazionale lavoro autonomo Fnsi, consigliere Odg Calabria;
Francesco Cavallaro, giornalista pubblicista, Segretario Generale Cisal, già consigliere nazionale Fnsi;
Vincenzo Colimoro, giornalista professionista, Adm News, consigliere Odg Campania, già presidente Associazione Stampa Campania, consigliere nazionale Fnsi, Consigliere generale e Fiduciario Inpgi Campania;
Paolo Corsini, giornalista professionista, cronista parlamentare e vaticanista, vicedirettore di Rai Due con delega all’informazione e vicedirettore della Direzione Approfondimenti Informativi, consigliere nazionale Odg, presidente associazione Lettera 22, già vicedirettore Giornale Radio Gr1, Gr2 e Gr3 e Radio1, responsabile Redazione Tg Rai Parlamento e Segretario di Redazione (caporedattore) di Gr Parlamento, consigliere nazionale Fnsi;
Demetrio Crucitti, ingegnere, digital manager per il sociale e lo sviluppo del territorio, già direttore della Sede regionale Rai della Calabria;
Rodolfo Davoli, giornalista pubblicista, già capo ufficio stampa e direttore house organ Italia Lavoro e Notiziario dell’Ambiente, consigliere e revisore nazionale Odg, proboviro Associazione Stampa Romana;
Micky dé Finis, avvocato, giornalista pubblicista, editorialista Canale 99 Puglia, coordinatore Osservatorio legalità, contrasto ed emersione dei reati di criminalità economica, vicesegretario nazionale Sindacato Dirigenza degli Enti Locali Direl, già dirigente PA e amministratore, direttore di emittenti tv, dirigente Compa e Ferpi;
Andreina de Tomassi, giornalista professionista, già redattrice spettacoli del settimanale Il Venerdì di Repubblica e inviata del quotidiano la Repubblica, cofondatrice de La Casa degli Artisti di Sant’Anna del Furlo;
Lorenzo Del Boca, giornalista professionista (La Stampa, Stampa Sera) e saggista, già presidente nazionale Odg (3 volte) e presidente Fnsi;
Daniele Ditta, giornalista professionista, redattore Palermo Today (Citynews), segretario Odg Sicilia, già consigliere Assostampa Sicilia e tesoriere Unci Sicilia;
Mimmo Falco, giornalista pubblicista, presidente Corecom Campania, vicepresidente Odg Campania, già dirigente Regione Campania, vicepresidente nazionale Odg (2 volte), componente Giunta esecutiva Fnsi;
Vittorio Falco, giornalista professionista, già componente Comitato amministratore Inpgi;
Maria Pia Farinella, giornalista professionista di esteri, cultura e società, delegata nazionale e fiduciaria Casagit per la Sicilia, già redattore del Giornale di Sicilia, caporedattore Rai, consigliera d’amministrazione Inpgi e Fiduciaria per la Sicilia, consigliera nazionale Odg;
Giulio Francese, giornalista professionista, già redattore del Giornale di Sicilia, consigliere nazionale Odg, già presidente Odg Sicilia;
Santino Franchina, giornalista pubblicista, consigliere nazionale Odg, già vice presidente e presidente nazionale ad interim Odg e vice presidente Odg Sicilia;
Paolo Guzzanti, giornalista professionista, saggista e politico, editorialista de Il Giornale, del quale è stato vicedirettore, e de Il Riformista, membro della Fondazione Italia – Usa, già conduttore dei programmi tv Chi l’ha visto?, Fai la TV e Bar Condicio;
Roberto Immesi, giornalista pubblicista, collaboratore LiveSicilia, revisore dei conti Odg Sicilia;
Marisa La Penna, giornalista professionista, consigliere e presidente Commissione Salute Odg Campania, Fiduciario Casagit Campania, già cronista Il Mattino, consigliere di amministrazione Casagit;
Rino Labate, giornalista professionista, già consigliere e revisore Unione Nazionale Giornalisti pensionati e presidente Ungp Calabria, collegio dei probiviri Sindacato Giornalisti della Calabria;
Marco Lanza, giornalista professionista, inviato Golf Television, già inviato di Telemontecarlo (4 Olimpiadi, 4 Mondiali e coppe europee di calcio e basket), inviato di cronaca giudiziaria de La7, direttore Cantivù, una delle prime emittenti libere d’Italia;
Michele Loffredo, giornalista pubblicista (già direttore Teledauna, Teleblu), consigliere nazionale e proboviro Fnsi, vice presidente e proboviro Assostampa Puglia, presidente Assostampa Capitanata;
Graziella Lombardo, giornalista professionista, responsabile MessinaToday (Citynews), già direttrice Centonove e segretaria Assostampa Messina;
Luigi Luminati, giornalista professionista, già caporedattore della Redazione di Pesaro del quotidiano Il Resto del Carlino, consigliere nazionale Fnsi;
Pierantonio Lutrelli, giornalista professionista, freelance, già consigliere nazionale Fnsi e vicepresidente Assostampa Basilicata;
Alma Manera, artista, giornalista pubblicista, direttore Con il sole sul viso, consigliere Gispe;
Gaia Marnetto, storica dell’arte ed esperta in diagnostica dei Beni Culturali, ha collaborato per oltre dieci anni in progetti nazionali e internazionali per la promozione culturale dei territori economicamente più fragili;
Giuseppe Mazzarino, giornalista professionista, componente Gruppo di lavoro Deontologia Odg nazionale, revisore Odg Puglia,  già cronista parlamentare, Cdr Gazzetta del Mezzogiorno, presidente Collegio dei revisori Fnsi e Unci;
Luigi Mazzarino, avvocato, giornalista pubblicista, capo ufficio stampa Udc, già direttore Progetto Fuci, InformaSalute, vice direttore Affari Istituzionali e Comunicazione San Raffaele Pisana, delegato Congressi Fnsi e Assostampa Puglia;
Andrea Merkù, giornalista pubblicista, speaker di Radio Montecarlo (RadioMediaset), consigliere nazionale Odg;
Federica Morabito, giornalista professionista freelance, avvocato, già addetto stampa Comune e Città Metropolitana di Reggio Calabria, vicesegretario Sindacato Giornalisti della Calabria;
Tiziana Murgia, giornalista pubblicista, responsabile comunicazione e stampa Associazione Porti Italiani, già vicesegretario Sindacato Giornalisti della Calabria;
Mario Nanni, giornalista professionista, cronista parlamentare, direttore BeeMagazine, già capo redazione politica e caporedattore centrale Ansa;
Pino Nano, giornalista professionista, già caporedattore centrale Rai, responsabile Agenzia nazionale Tgr, consigliere nazionale Odg, collegio dei probiviri Fnsi, componente Giunta nazionale Ucsi;
Roberta Nardacchione, giornalista professionista, freelance, esperta in comunicazione istituzionale e social media manager (Italpress, Regione Basilicata, Formez PA), componente Consulta Casagit Basilicata;
Enrico Paissan, giornalista pubblicista, consigliere nazionale Odg, già capo ufficio stampa Provincia Autonoma di Trento, presidente Corecom Trentino, 2 volte vicepresidente nazionale Odg;
Carlo Parisi, giornalista professionista, direttore Giornalisti Italia, consigliere nazionale Odg, consigliere d’amministrazione Inpgi, già segretario generale aggiunto Fnsi, consigliere d’amministrazione Casagit e segretario Sindacato Giornalisti della Calabria, già responsabile redazione Reggio Calabria de Il Giornale di Calabria;
Giuliano Quattrone, giornalista pubblicista, direttore Nem Nessuno escluso mai, già dirigente generale Inps e direttore regionale Piemonte, Emilia Romagna e Lombardia;
Orazio Raffa, giornalista professionista, componente Comitato amministratore Inpgi, delegato nazionale Casagit, vice presidente vicario Unione nazionale giornalisti pensionati;
Attilio Raimondi, giornalista pubblicista, già consigliere nazionale, tesoriere e componente comitato esecutivo Odg, sindaco Inpgi e vice presidente Odg Sicilia;
Pierluigi Roesler Franz, giornalista professionista (Corriere della Sera, La Stampa), consigliere nazionale Odg, sindaco Inpgi, presidente Sindacato Cronisti Romani, sindaco Ungp, consigliere Gruppo Romano Giornalisti Pensionati, già consigliere d’amministrazione Inpgi, consigliere d’amministrazione Fondo Previdenza Complementare dei Giornalisti Italiani, consigliere nazionale Fnsi, presidente Associazione Stampa Romana, sindaco Odg Lazio, presidente Gruppo Romano Giornalisti Pensionati;
Luca Romagnoli, giornalista pubblicista, consulente comunicazione e relazioni pubbliche, responsabile ufficio stampa Cosmari e Comune di Tolentino, consigliere nazionale Odg, già vicepresidente e tesoriere Odg Marche;
Raffaella Salamina, giornalista professionista, responsabile comunicazione Taxidrivers ed editorialista Lunedì Film, consigliere generale Inpgi e vice fiduciario per la Calabria, già componente giunta esecutiva Sindacato Giornalisti della Calabria e Commissione e Assemblea nazionale lavoro autonomo Fnsi;
Viviana Sammito, giornalista professionista, presentatrice, redattrice Video Mediterraneo e NoveTv, già collaboratrice de La Sicilia, Le Guide di Repubblica e Radio Mediterraneo, membro del Collegio Integrato al Tribunale di Palermo per l’Odg Sicilia;
Alessandro Sansoni, giornalista pubblicista, direttore del quotidiano L’identità, consigliere nazionale Odg, già componente comitato esecutivo nazionale Odg;
Concetta Schiariti, giornalista professionista, responsabile Comunicazione, Relazioni esterne Autorità Portuale di Gioia Tauro, già consigliere nazionale Fnsi e consigliere Sindacato Giornalisti della Calabria;
Antonio Scoppettuolo, giornalista professionista, redattore Tgr Rai Lazio, consigliere regionale Ucsi, già consigliere nazionale Ucsi;
Pier Carlo Sommo, giornalista professionista, docente a contratto comunicazione pubblica Università di Torino, già capo ufficio stampa e direttore relazioni esterne Asl Torino, segretario generale comunicazione pubblica, Fiduciario di Torino Stampa Subalpina, segretario Asl Città di Torino sindacato dirigenti Fedirets;
Antonio Sorace, scultore e fotoreporter, cofondatore e presidente del Parco-Museo della Land Art e della Casa degli Artisti di Sant’Anna del Furlo (Fossombrone);
Roberta Spinelli, giornalista professionista, inviata dei programmi Storie Italiane-estate in diretta di Raiuno, L’aria che tira – estate e Eden, un pianeta da salvare de La7, collaboratrice del quotidiano La Verità;
Santo Strati, giornalista professionista, autore e regista, direttore del quotidiano Calabria.Live, direttore editoriale edizioni Media&Books, ha lavorato per quotidiani, settimanali e in Rai;
Michela Surace, giornalista pubblicista freelance di agroalimentare e salute (Il Giornale di Calabria, Come stai),  insegnante, presidente Arga Calabria e consigliere nazionale Unaga, già tesoriere e presidente Collegio dei revisori del Sindacato Giornalisti della Calabria;
Sabrina Talarico, giornalista professionista (Il Mattino di Padova, Il Giornale, Il Gazzettino, Gente Viaggi, Tuttoturismo, Qui Touring, Aqua, Suite Benessere), direttore Il Viaggiatore Magazine, presidente Gruppo Italiano Stampa Turistica, già consigliere nazionale e componente del comitato esecutivo Odg, consigliere nazionale Fnsi, consigliere Sindacato Giornalisti del Veneto, vicepresidente Associazione Stampa Padovana;
Ilda Tripodi, giornalista pubblicista, insegnante e poeta, conduttrice di un programma culturale su Rtv;
Carola Vai, giornalista professionista, freelance, scrittrice, consigliere di amministrazione Casagit, già responsabile redazione Agi Piemonte – Valle d’Aosta, consigliere Odg Piemonte, Fiduciario Piemonte, sindaco e proboviro Casagit.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *