Assassinata un anno fa sul sottomarino “Nautilus” dall’inventore Peter Madsen

Kim Wall, sepolta la giornalista decapitata

Kim Wall

SKANE (Svezia) – Quasi un anno dopo essere stata uccisa a bordo di un sottomarino dall’inventore danese Peter Madsen, la giornalista svedese Kim Wall ha potuto avere sepoltura. Una cerimonia privata è avvenuta a Skane, nel sud della Svezia, ha detto la madre della reporter al quotidiano danese BT.

Ingrid e Joachim Wall, genitori di Kim

“Abbiamo dato l’addio alla nostra amata Kim”, ha scritto Ingrid Wall in un post su Facebook. “È stata una bella cerimonia all’aperto, con il bel tempo, un grande ringraziamento a tutti coloro che in modi diversi hanno preso parte al nostro addio”. Il post è stato accompagnato da un’immagine che mostra delle persone sedute persone in lutto di fronte a un’urna accanto a una fotografia incorniciata di Wall. Presente anche il capo della Commissione Omicidi di Copenaghen, che ha condotto l’inchiesta sulla morte di Wall la scorsa estate e ha stabilito stretti contatti con i genitori di Wall.
La trentenne è stata assassinata dall’inventore Madsen nell’agosto dello scorso anno mentre era a bordo del sottomarino “Nautilus” costruito dall’uomo. Madsen è stato condannato ad aprile all’ergastolo – la massima pena nel sistema legale danese – ma ha presentato appello per chiedere una riduzione di pena che sarà discusso in autunno. (adnkronos)

I commenti sono chiusi