BOLOGNA – «A Parma riprenderà il confronto, con l’Ad di Gazzetta di Parma srl, Matteo Montan, disponibile a convocare il sindacato per discutere nel merito i problemi dei giornalisti non-dipendenti entro fine luglio».
È quanto rende noto l’Associazione della stampa dell’Emilia Romagna che, nel contempo, registra una situazione di segno posto per quanto riguarda il quotidiano Libertà: a Piacenza, infatti, «si assiste a una totale indisponibilità al confronto – comunica il sindacato dei giornalisti – da parte dell’avvocato Alessandro Miglioli, vicepresidente di Editoriale Libertà. Atteggiamento che ha portato i giornalisti non-dipendenti del quotidiano di Piacenza a proclamare, sotto l’egida di Aser e Fnsi, uno stato di agitazione con sciopero della firma da sabato 14 luglio a sabato 21 luglio 2018».
A questo punto, spiega l’Aser «i giornalisti fanno appello al Prefetto di Piacenza, Maurizio Falco, per la convocazione di un tavolo istituzionale “in difesa del diritto dei cittadini ad essere informati da giornalisti liberi e indipendenti, anche dal bisogno materiale”».
Prosegue, quindi, con toni diversi la mobilitazione dei giornalisti precari di Gazzetta di Parma e Libertà di Piacenza.
«L’assemblea dei giornalisti precari di Parma – riferisce l’Assostampa dell’Emilia Romagna – ha deciso di “congelare” lo stato di agitazione in attesa degli sviluppi sindacali. Costretti ad una scelta opposta, invece, i colleghi giornalisti e fotografi non-dipendenti di Libertà di Piacenza che per una settimana, dal 14 luglio, rinunceranno alla firma».
«Libertà, dopo decenni di contratti solo verbali, – denuncia l’Aser – e a seguito di mesi di incertezza sul “quantum” attorno al pagamenti dei pezzi, in questi giorni sta proponendo singolarmente ai collaboratori dei contratti-capestro che non rispettano l’Accordo sul lavoro autonomo Fnsi-Fieg contenuto nel Contratto nazionale di lavoro giornalistico in vigore. Pagamenti sotto il minimo contrattuale e nessun riconoscimento dei rimborsi spese non sono condizioni minime di garanzia per la dignità della professione giornalistica. Per questo, a partire da sabato 14 luglio e fino a sabato 21 luglio compreso – incalzano Aser e Fnsi – i giornalisti non dipendenti di Libertà rinunceranno alla firma con l’apertura formale di uno stato di agitazione che non preclude altre forme di protesta se l’azienda non tornerà a dialogare».
«Ribadendo il pieno sostegno al lavoro sindacale di Aser e Fnsi – ribadiscono i giornalisti precari di Libertàfacciamo appello all’Illustrissimo prefetto di Piacenza, dott. Maurizio Falco, al quale chiediamo di intervenire facendosi promotore della convocazione di un tavolo di raffreddamento tra Aser, Fnsi ed Editoriale Libertà. In gioco, in queste vertenze, oltre alla dignità professionale, c’è il diritto dei cittadini di essere informati da giornalisti liberi e indipendenti». (giornalistitalia.it)

Comments are closed.