Ha lavorato nell’ufficio stampa del presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana

Addio alla giornalista Debora Borgese, 42 anni

Debora Borgese

CATANIA – Giornalismo siciliano in lutto per la scomparsa di Debora Borgese. Aveva 42 anni ed era malata da tempo. Ha lavorato nell’ufficio stampa del presidente dell’Ars Gaetano Galvagno ed è stato portavoce del sindaco di Aci Castello. In precedenza ha lavorato in diverse emittenti radiofoniche e giornali online, tra cui l’Urlo, del quale è stata anche direttore responsabile.

Debora Borgese

Nata il 22 giugno 1981, era giornalista pubblicista iscritta all’Ordine di Sicilia dal 4 giugno 2019. Cordoglio per la scomparsa della giornalista è stato espresso dalla Stampa Parlamentare Siciliana ricordando che Debora, «dopo avere lottato contro la malattia che non le aveva impedito di continuare a sperare e non aveva spento la sua voglia di vivere».
I colleghi ricordano che Debora «è stata a lungo collaboratrice di Galvagno seguendolo come addetta stampa nella sua attività politica. Era entrata a far parte dello staff del Presidente dell’Ars, poi la malattia l’aveva costretta a rivedere i suoi piani di vita. Combattiva, fiera e tenace fino all’ultimo respiro dal suo letto si è battuta per avere giustizia nei confronti di un ex politico che l’aveva diffamata sui social qualche anno fa».
«Non è semplice – afferma il presidente dell’Ars Gaetano Galvano – trovare le parole per esprimere ciò che si prova quando viene a mancare una persona a te cara, specie se questa è un vulcano che ti ha accompagnato sin dai primi passi da deputato regionale. Debora ha lottato come solo lei sapeva fare per rimanere su questa terra ma non ce l’ha fatta. Non facciamo altro che rimandare a domani quando non capiamo che la vita scivola via in fretta e va goduta momento dopo momento».
I funerali saranno celebrati martedì 2 aprile, alle ore 10, nella Cattedrale di Catania, in piazza Duomo. Alla famiglia di Debora Borgese le più sentite condoglianze dal Direttore e dalla Redazione di Giornalisti Italia. (giornalistitalia.it)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *