L’annuncio con un suo tweet: “Non posso lamentarmi... Il mio perdono a tutti meno tre”

Addio al giornalista Roberto Renga

ROMA – Aveva pensato a tutto, anche al suo necrologio: un tweet scritto oltre un anno fa e pubblicato oggi dalla sua famiglia. Il giornalista Roberto Renga, storico inviato sportivo del quotidiano Il Messaggero di Roma, è morto oggi pomeriggio, all’età di 76 anni, dopo una lunga e brutta malattia.

Roberto Renga

«Non posso lamentarmi. Sono stato molto amato e molto odiato. Il mio perdono a tutti meno tre», le sue ultime parole affidate per sempre al web con il tweet pubblicato dal figlio Francesco, che ha aggiunto: «Papà ci ha lasciati nel pomeriggio di oggi. Il suo ultimo tweet è postumo, pensato un anno fa. Data e luogo dei funerali saranno comunicati nella giornata di domani».
Nato il 29 aprile 1946, era giornalista professionista iscritto all’Ordine del Lazio dal 2 dicembre 1976. Inviato di punta de “Il Messaggero” in sette Mondiali di calcio, sette Europei, due Coppe d’Africa, una Coppa America e i Giochi Olimpici in Australia, negli ultimi anni commentava le partite della Lazio e della Roma a “Radio Radio”, continuando a deliziare i radioascoltatori con i suoi giudizi, altamente tecnici e sempre eleganti. (giornalistitalia.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *