Sergio Lepri (Firenze, 24 settembre 1919)

ROMA – Giornalisti si nasce o si diventa? La risposta vera è: giornalisti si diventa. Certo, nessuno diventerà giornalista o, per lo meno, buon giornalista, se gli manca curiosità di conoscere e capacità di analisi critica, ma il resto, la parte più importante della professionalità giornalistica, è nel patrimonio di cultura, di tecniche e di sensibilità che nasce dall’apprendimento, dallo studio, dalle letture e che si arricchisce con l’esercizio, con la pratica quotidiana, con l’accumulo accorto delle esperienze di lavoro.
Il computer, il passaggio dall’analogico al digitale, Internet stanno trasformando la professione giornalistica … ma c’è qualcosa che non cambia: l’istituzionale fondamento del giornalismo cioè il giornalismo come mediazione tra la fonte e il destinatario dell’informazione.

Sergio Lepri
giornalista e saggista

 

3 risposte a “La frase del giorno di Sergio Lepri”

  1. Nino Alimenti dice:

    Direttore è un grandissimo piacere per me leggere quello che mi ha insegnato tanti anni fa.

  2. Grazie indimenticabile direttore Lepri! Quello che dici è assolutamente vero! Giornalisti si diventa! Grazie anche agli insegnamenti ricevuti!

  3. Maurizio Quilici dice:

    Un ricordo di stima e di affetto per il mio primo, “vero” Direttore. Con lui una grande, signorile scuola. Ho il rammarico e il rimorso di non essere mai andato a trovarlo. Ma posso ancora rimediare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *