Contro la decisione di vendere lo storico settimanale della Casa Editrice Universo

Viversani e belli: da oggi 3 giorni di sciopero

MILANO – L’assemblea delle giornaliste di “Viversani e belli” ha proclamato una giornata di sciopero per oggi, venerdì 7 febbraio. È il primo di un pacchetto di tre giorni preannunciato il 31 gennaio, quando la redazione ha deciso lo stato di agitazione, dopo che l’editore aveva annunciato l’imminente cessione della testata.
«La decisione di vendere un settimanale storico della Casa Editrice Universo, ultimo capitolo di uno stillicidio iniziato a fine ottobre, è stata “giustificata” dalla proprietà – denuncia l’assemblea delle giornaliste – con il presunto rifiuto, da parte delle giornaliste, di una proposta unilaterale di part time al 50% per tutte indistintamente, a fronte di stipendi da sempre ai minimi sindacali. “Presunto” – sottolineano le giornaliste – perché l’editore non ha mai accettato il confronto con la fiduciaria di redazione, che chiedeva semplicemente di essere affiancata al tavolo sindacale dall’Associazione Lombarda Giornalisti per trattare sul tema del costo del lavoro».
Tuttavia, annunciando la cessione, è stato ribadito che «la proposta iniziale non aveva alternative possibili: o part time o chiusura della testata, poi “trasformata” all’improvviso in una vendita». «Come se fosse possibile – conclude l’Assemblea di Viversani e belli – trovare un acquirente solido, avviare una trattativa e arrivare alle fasi finali della cessione in meno di un mese».
Vista la crisi in cui versa il panorama editoriale italiano, è lecita la preoccupazione delle giornaliste sul loro futuro.
 Tutto questo nonostante una perdita della testata sanabile e un utile della Casa Editrice Universo di oltre 5 milioni di euro.
Dal canto suo, l’Associazione Lombarda Giornalisti ritiene «inaccettabile, da qualunque punto di vista, l’aut aut di manager che “propongono” al proprio personale un cambio molto penalizzante delle condizioni contrattuali prospettando, in caso di rifiuto, la cancellazione del posto di lavoro o la cessione della testata».
Alg è «al fianco delle giornaliste di “Viversani e belli” (gruppo Universo) in sciopero per contestare un’annunciata cessione della società (dopo una precedente minacciata chiusura della testata) perché non disposte a trasformare in part-time il proprio rapporto di lavoro».
L’Associazione Lombarda dei Giornalisti sosterrà in tutte le sedi la battaglia di civiltà che le giornaliste di “Viversani e belli” hanno deciso di intraprendere contro la Casa editrice Universo. “La strada del confronto sindacale, mai voluta intraprendere dall’azienda, è – sottolinea Alg – sempre un’opportunità. Basterebbe che Universo mettesse fine alle sue iniziative unilaterali decidendo, finalmente, di sedersi a quei tavoli da cui, fino ad ora, è sempre rifuggita». (giornalistitalia.it)

I commenti sono chiusi