Insulti e minacce all’inviato di “Striscia la notizia”, l’operatore finisce in ospedale

Vittorio Brumotti aggredito a Pescara

Vittorio Brumotti

PESCARA – Ennesima aggressione ai danni di Vittorio Brumotti. Lo storico inviato di “Striscia la Notizia”, secondo quanto riporta il sito www.howtodofor.com (con tanto di video), si è recato con la sua bici nel quartiere Rancitelli, conosciuto come “Ferro di cavallo”, per girare un servizio sullo spaccio di droga in strada, ma è stato riconosciuto e subito bersagliato di insulti e minacce.
Alcuni residenti, tra cui due donne, hanno circondato e spintonato il giornalista e la sua troupe. Un operatore è finito in ospedale e avrebbe riportato una prognosi di 15 giorni per le lesioni ed escoriazioni riportate subite.
Il “Ferro di cavallo”, considerato la principale piazza di spaccio dell’Abruzzo, era già finito al centro delle cronache dopo l’aggressione subita dal collega della Rai, Daniele Piervincenzi.
Duro l’attacco del consigliere regionale Domenico Pettinari, che parla di Pescara come “la vergogna d’Italia” e chiede un intervento dell’esercito o del CIO (Compagnia Intervento Operativo) “il prima possibile”.
«Oggi in un video ho potuto constatare che sia i giornalisti che i poliziotti della volante intervenuti hanno rischiato. Non si può combattere da soli contro una folla inferocita. Cosa sta aspettando chi ci governa? Che ci scappi il morto? Stiamo diventando la vergogna d’Italia e tutto questo non è accettabile», scrive Pettinari in un post su Facebook, in cui ha pubblicato anche il video dell’aggressione. (adnkronos)

I commenti sono chiusi