Incendio nello studio di Roma: il direttore non perde aplomb e ironia

TgLa7, Mentana: “Andiamo a fuoco”

Enrico Mentana

ROMA – “Andiamo in pubblicità, si salvi chi può”. Enrico Mentana, direttore del TgLa7, è stato costretto a concludere velocemente la messa in onda del telegiornale delle 20 a causa delle fiamme che si sono sviluppate nello studio di via Umberto Novaro, nel quartiere Prati a Roma. Le fiamme, sviluppatesi nel sottotetto dei locali, dove nella mattinata erano stati eseguiti alcuni lavori di manutenzione, si sono propagate negli studi del TgLa7 e, per domarle, sono dovute intervenire tre squadre dei vigili del fuoco che hanno praticato anche un buco nel tetto dell’edificio, quale valvola di sfogo per il fumo che aveva invaso i locali.

Foto di Enrico Mentana su Instagram

Foto di Enrico Mentana su Instagram

“Più o meno lo studio sta andando a fuoco. Devo interrompere… non sto scherzando. È una situazione piuttosto difficile. No, davvero, non sto scherzando. Ti saluto”, ha detto Mentana a Milena Gabanelli collegata in diretta, congedandola con un “ci vediamo il primo lunedì di settembre…”.
I telespettatori del TgLa7, invece, il direttore li ha salutati con un “noi ci vediamo, forse, dopo la pubblicità” e un avvertimento: “Vi dico subito: non mi immolerò per darvi la Borsa”.
Per una decina di minuti l’emittente ha mandato in onda pubblicità, fin quando Mentana è tornato in video dallo studio della trasmissione “In onda” di Parenzo e Telese. “Siamo scesi di tre piani in questo studio – ha detto – perché quello del Tg era fuori uso. Ci vediamo domani sera, fiamme permettendo”. Insomma, ci vuoi altro che un incendio per spegnere la sua proverbiale ironia. (giornalistitalia.it)

 

 

I commenti sono chiusi