False comunicazioni sociali e aggiotaggio informativo. Napoletano, giudizio ordinario

Sole 24 Ore: Treu e Benedini vogliono patteggiare

Da sinistra: Roberto Napoletano, Donatella Treu e Benito Benedini

MILANO – Donatella Treu e Benito Benedini, rispettivamente ex Ad ed ex presidente del Sole 24 ore, imputati a Milano nell’ambito del procedimento sui conti del gruppo di via Monte Rosa assieme all’ex direttore editoriale Roberto Napoletano, hanno intenzione di uscire dal processo con un patteggiamento.
Da quanto si è saputo, Benedini, in vista dell’udienza preliminare che si aprirà domani, tramite la sua difesa, ha depositato al gup Cristina Mannocci una istanza per patteggiare 1 anno e 6 mesi, pena sospesa, e un risarcimento di 100 mila euro.
Anche Donatalla Treu, attraverso il suo legale, sta definendo in accordo con la Procura la richiesta di patteggiamento a 1 anno e 8 mesi, pena sospesa, e circa 300 mila euro di risarcimento.
Napoletano, invece, salvo sorprese, dovrebbe seguire il giudizio ordinario. Al momento, nulla è stato deciso. Comunque l’attuale direttore del Quotidiano del Sud può sempre depositare una istanza di rito alternativo in udienza preliminare.
A chiedere il processo è stato il pm Gaetano Ruta che ha contestato ai tre i reati di false comunicazioni sociali e aggiotaggio informativo commessi, secondo l’ipotesi, in un arco di tempo che va dal 2014 al 2016.
Archiviata, infine, la posizione di altri sette indagati che erano accusati di appropriazione indebita e nei cui confronti il gruppo, dopo essere stato risarcito, ha ritirato la querela. (ansa)

I commenti sono chiusi