La Commissione Ue condanna i recenti attacchi rivolti dal premier sloveno Janez Jansa

Slovenia: premier contro la giornalista Lilie Bayer

Janez Jansa e Lilie Bayer

BRUXELLES (Belgio) – Scende in campo il vicepresidente esecutivo della Commissione Europea, Frans Timmermans, per difendere una reporter di Politico.eu, Lilie Bayer, dagli attacchi del premier sloveno Janez Jansa, non nuovo a insulti nei confronti della stampa che non gli va a genio, che non ha gradito un articolo sui suoi insulti ai giornalisti sloveni (tra l’altro ha definito l’agenzia di stampa slovena, la Sta, una “disgrazia nazionale”).

Frans Timmermans

Per tutta risposta all’articolo di Politico Jansa, anziché incassare, ha attaccato via social l’autrice, accusandola di mentire, di riportare fonti anonime “di estrema sinistra” e di non dare voce ad altre fonti. Ha poi sostenuto che la testata “mente per vivere”, non senza un errore di ortografia (il tweet era però in inglese, che non è la sua lingua madre).
Jansa, che twitta copiosamente sulla questione, ha portato così all’attenzione dei media internazionali i suoi attacchi alla stampa, noti finora per lo più in Slovenia, anche per via della barriera linguistica (la maggior parte dei suoi tweet sono in sloveno) e ai lettori più attenti. Tra l’altro, il primo ministro sloveno assumerà la presidenza di turno del Consiglio Ue a partire dal prossimo luglio.

Christian Wigand

«Non è obbligatorio – scrive via social network Timmermans – che ci piaccia quello che è scritto dai media. C’è, tuttavia, l’obbligo di rispettare la libertà dei mezzi di informazione. Insultare, minacciare o attaccare i giornalisti è un attacco diretto  ai media liberi. È per questo che giornalisti come Lilie Bayer meritano il nostro sostegno».
Il portavoce della Commissione Europea, Christian Wigand, ha detto, durante il briefing con la stampa oggi a Bruxelles, di conoscere bene «la professionalità e la dedizione dei  giornalisti a Bruxelles, e vale anche per Lilie Bayer e altri  giornalisti». Wigand ha ricordato che la vicepresidente Vera Jourova aveva già commentato gli attacchi del governo sloveno alla stampa: «I media  liberi e indipendenti sono fondamentali per i valori europei: il loro  lavoro è controllare i politici. La tutela dei giornalisti dovrebbe  essere una priorità per ogni Paese: niente odio, niente minacce né  attacchi personali». Queste parole – sottolinea Wigand, «rimangono valide anche oggi».

Ursula von der Leyen

Il portavoce capo della Commissione, Eric Mamer, ha assicurato che la  presidente Ursula von der Leyen, che appartiene al Ppe come Jansa, «appoggia pienamente questa risposta». Molto più cauto il Consiglio Europeo, l’istituzione che rappresenta i capi di Stato e di governo.
Alle ripetute richieste di commenti, i portavoce rimandano ad un tweet di Charles Michel, che appartiene alla famiglia politica dei Liberali  europei (Alde), risalente al 3 maggio scorso, giorno mondiale della  libertà di stampa, in cui definiva i giornalisti «la pietra angolare delle nostre democrazie». (adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *