Antonello Montante

CALTANISSETTA – Si chiude con una condanna a 14 anni di carcere, quasi 4 anni più della pena richiesta, la parabola discendente dell’ex paladino dell’antimafia Antonello Montante, l’ex Presidente degli industriali siciliani accusato di avere ordito un vero e proprio sistema di spionaggio con la complicità di alti funzionari delle forze  dell’ordine. La sentenza è stata emessa in serata, dopo quasi due ore di Camera di consiglio, dal Gup del Tribunale di Caltanissetta, Graziella Luparello nel processo abbreviato. Per Montante la procura aveva sollecitato la condanna a 10 anni e sei mesi di carcere.
L’ex comandante della Guardia di Finanza di Caltanissetta, Gianfranco Ardizzone, è stato condannato a 3 anni, per lui la Procura aveva chiesto 4 anni e sei mesi di reclusione. Quattro anni a Marco De Angelis, ex funzionario della Questura di Agrigento per il quale la Dda aveva chiesto sei anni e undici mesi. E poi un anno e quattro mesi per il questore di Vibo Valentia Andrea Grassi, assolto per altri due capi, per il quale erano stati chiesti due anni e otto mesi di reclusione.
Diego Di Simone, responsabile security di Confindustria ed ex poliziotto è stato condannato a 6 anni e 4 mesi. Per lui chiesti  sette anni e un mese di carcere.
Infine, assoluzione per Alessandro Ferrara, funzionario Regione siciliana. Accolta così la richiesta della Procura. Secondo l’accusa, rappresentata dai pm Stefano Luciani e Maurizio Bonaccorso, Montante, che dopo avere trascorso quasi un anno in carcere si trova adesso agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico, avrebbe cercato di ottenere notizie riservate sui profili di alcune persone di suo interesse. In media, come spiegato dai pm durante la requisitoria, sarebbero stati effettuati nove accessi abusivi ogni tre mesi per un arco di 7 anni per cercare informazioni anche su alcuni collaboratori di giustizia, sull’ex presidente dell’Irsap Alfonso Cicero, parte offesa e parte civile, e il magistrato ed ex assessore regionale Nicolò Marino.
Per la procura di Caltanissetta la catena di fuga di notizie sarebbe stata alimentata da alcune talpe istituzionali, appunto gli imputati. “Mentre noi lavoravamo di giorno, qualcuno di notte disfaceva le indagini”, aveva denunciato il pm Luciani durante la requisitoria fiume. I difensori, durante le arringhe difensive, gli avvocati Carlo Taormina e Giuseppe Panepinto, avevano detto invece che Montante “ha operato all’insegna dell’antimafia quasi per 10 anni e mezzo e pare che la pubblica accusa si sia ispirata a questo concetto: dieci anni emezzo hai governato, dieci anni e mezzo stai in galera”.
“Qui c’è anzitutto da prendere atto – ha detto ieri Taormina – che da un punto di vista di implicazioni di carattere mafioso non ce ne sono assolutamente. Si tratta poi di capire se all’interno di questo percorso ci possano essere state delle situazioni che non siano andate secondo quello che avrebbe voluto la legge e questo sarà oggetto di  accertamento”. Per Taormina, Antonello Montante resta comunque il simbolo dell’antimafia. Anche se resta indagato, in un altro filone, per concorso esterno in associazione mafiosa.
“Rivendichiamo la titolarità in capo a Montante di essere stato e di essere ancora il vessillo dell’antimafia e chi lo vuole abbattere è il potere mafioso che è riemerso, purtroppo allineato a quello giudiziario che inconsapevolmente sta dando un forte contributo alla sua vittoria”.

Carlo Taormina

Prima di concludere le arringhe difensive, c’è stato anche lo spazio per una polemica a distanza tra il difensore di Montante, Giuseppe Panepinto, e il Presidente della Commissione nazionale antimafia, Nicola Morra. Panepinto, fuori
dall’aula, durante una pausa del processo, ha detto: “È semplicemente vergognoso che il Presidente della Commissione nazionale antimafia nel momento in cui c’è un processo ancora in corso, venga fuori con esternazioni sulla stampa su vicende che riguardano il processo, perché queste cose possono condizionare il processo”.
Nei giorni scorsi Nicola Morra aveva annunciato che la Commissione si occuperà del processo e in una intervista aveva detto che “in questo processo sono evidenti le trame torbide di interi pezzi di Stato che hanno tradito, e naturalmente sono molto preoccupato che la procura rimanga isolata, anche perché il ministero dell’Interno non si è costituito parte civile, un segnale grave”. Ma l’avvocato non ci sta e denuncia: “La Commissione nazionale antimafia nel rispetto delle istituzioni ha la possibilità di fare tutte le indagini che vuole, ma non può pubblicare due giorni prima della sentenza esternazioni sul processo. Questi sono fatti molto gravi”.
Anche in aula, davanti al gup Luparello, Panepinto ha parlato di “pressioni sul processo”. E prima della sentenza, ha detto: “Non mi aspetto niente di buono…”. Un presentimento. In serata è arrivata la condanna, pesantissima, per Montante. “Il dispositivo della sentenza da largamente conto della fondatezza dell’accusa e dello straordinario lavoro che l’ufficio della Procura di Caltanissetta ha svolto in questi anni e fa giustizia di alcune affermazioni che ho sentito durante il processo”, ha commentato Bertone. Mentre il legale di Montante, Giuseppe Panepinto dice: “I 14 anni sono perfettamente in linea con il clima che si respirava…”. “Considerando che 14 anni con l’abbreviato sono 20 anni di base vale quanto un omicidio…”. E annuncia già ricorso. (adnkronos)

Una spy story con l’aiutino di qualche amico giornalista

Giorgio Napolitano

CALTANISSETTA – Una spy story dai contorni ancora tutti da definire. Che arriva fino al Quirinale con l’ombra delle intercettazioni distrutte tra l’ex Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, e l’ex Presidente del Senato, Nicola Mancino. E l’intervento di alti funzionari delle forze dell’ordine con l’aiutino di qualche amico giornalista.
C’è tutto questo nel “Sistema Montante”, così come lo hanno ricostruito gli inquirenti, una storia ingarbugliata che vede come protagonista Antonello Montante, fino a poco tempo fa considerato un “paladino dell’antimafia”, fatta di spie ed ex amici diventati nemici.
Secondo l’accusa, rappresentata dai pm di Caltanissetta Stefano Luciani e Maurizio Bonaccorso, l’ex presidente degli industriali Montante, che oggi è agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico, avrebbe cercato di ottenere notizie riservate sui profili di alcune persone di suo interesse. In media sarebbero stati effettuati nove accessi abusivi ogni tre mesi per un arco di 7 anni per cercare informazioni anche su alcuni collaboratori di giustizia, sull’ex presidente dell’Irsap Alfonso Cicero, parte offesa e parte civile, e il magistrato ed ex assessore regionale Nicolò Marino.
Montante è stato arrestato nel maggio del 2018 a Milano. Un arresto un po’ rocambolesco perché i poliziotti rimasero fuori dalla porta per quasi un’ora in attesa che Montante aprisse. Solo dopo qualche ora si è capito il perché.
L’ex paladino dell’antimafia, amico di politici, prefetti e giornalisti, dopo l’arrivo delle forze dell’ordine, avrebbe gettato dal balcone sei sacchetti contenenti diverse pen drive dopo averle distrutte. O meglio, dopo avere tentato di distruggerle. Fino ad oggi, ufficialmente, non si è mai saputo il contenuto delle pen drive. Anche se la Procura ha fatto fare una perizia. Ma il risultato non è mai stato depositato al processo perché Montante, con altri imputati, ha scelto l’abbreviato, quindi allo stato degli atti.
A metà processo i legali di Montante, gli avvocati Giuseppe Panepinto e Carlo Taormina, hanno cercato di fare spostare il processo altrove. Ma dopo alcuni mesi, la Corte di Cassazione ha rigettato la richiesta della difesa. Così il processo ad Antonello Montante, accusato di essere il capo di un’associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e allo “spionaggio”, ha continuato ad essere celebrato davanti ai giudici di Caltanissetta.
La sesta sezione penale della Cassazione ha, infatti, respinto la richiesta di rimessione per legittimo sospetto avanzata da difensore dell’ex presidente di Confindustria Sicilia: gli avvocati di Montante si erano rivolto alla Cassazione denunciando che nel procedimento a carico del loro assistito erano state commesse “una serie di anomalie”.
In attesa della decisione della Cassazione, il processo era stato sospeso dal gup di Caltanissetta. Gli avvocati avevano ribadito la tesi del “pregiudizio nutrito dai magistrati di Caltanissetta con cui ha condiviso per dieci anni il compimento di proficue attività antimafia e rapporti personali che non permettono serenità di giudizio”.
Ma il procuratore generale in Cassazione, Roberto Aniello, nella sua requisitoria si era fermamente opposto alla tesi della difesa: “Nessun condizionamento ambientale nel tribunale di Caltanissetta, che ha sempre dimostrato, con fatti e atti, serenità di giudizio e imparzialità”. Alla fine il processo è rimasto a Caltanissetta.
Ad accusare Montante e i funzionari “infedeli” sono stati anche alcuni collaboratori di giustizia, sette in tutto, che sono stati inseriti nella lista testi della Procura nissena nell’ambito del processo che si celebra con il rito ordinario. Proprio lunedì prossimo deporranno nell’aula bunker del carcere di Caltanissetta, Carmelo Barbieri, Aldo Riggi e Ciro Vara. Successivamente saranno chiamati a deporre Antonino Giuffrè, Salvatore Ferraro, Pietro Riggio e Salvatore Dario Di Francesco. La Procura li ha citati per riferire sulla conoscenza dei rapporti intercorsi tra gli imprenditori Antonello Montante e Massimo Romano con appartenenti a Cosa nostra.

Nicola Mancino

Un capitolo a parte merita il “giallo” delle telefonate intercettate tra l’ex Capo dello Stato Napolitano e l’ex Presidente del Senato Nicola Mancino. Colloqui telefonici che sono stati distrutti dopo la decisione della Corte costituzionale nell’ambito del processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. C’è il sospetto che una riproduzione delle intercettazioni possa essere finita nelle mani di Montante. Forse custodita nelle pen drive frantumate da lui stesso il giorno del suo arresto nell’appartamento di Milano il 14 maggio 2018. O forse nascosta ancora in un luogo sicuro.
Qualcuno potrebbe avere duplicato quelle telefonate per aver qualcosa in cambio? Agli atti dell’inchiesta ci sono oltre cento pagine dedicate alla “forte preoccupazione” che prova Giuseppe “Pino” D’Agata, colonnello dell’Arma in forza al servizio segreto civile, quando il ministero della Giustizia chiede “spiegazioni” sulle telefonate del capo dello Stato.
C’è anche una testimonianza, quella di Marco Venturi, ex amico di Montante, che parla ai pm di una cena avvenuta “nella primavera del 2014” a Palermo. In quell’occasione Venturi avrebbe assistito a uno scambio di una pen drive tra D’Agata e Montante. Insomma, un giallo nel giallo. (adnkronos)

Comments are closed.