Il Cdr si rivolge all’Assostampa e Bennucci si schiera al suo fianco e ammonisce Italia 7

Rai Toscana, Ast condanna “odio e discredito”

Sandro Bennucci, presidente dell’Assostampa Toscana

FIRENZE – L’Associazione Stampa Toscana è al fianco dei giornalisti e dei tecnici della sede Rai della Toscana e stigmatizza l’attacco nei loro confronti contenuto in uno dei servizi mandati in onda dall’emittente Italia 7 a proposito della presenza di un furgone tecnico dell’azienda del servizio pubblico radiotelevisivo in Piazza della Signoria a Firenze.
L’Ast considera tale comportamento come «strumentale e destinato ad inserirsi nell’ingiustificato clima di discredito, quando non di vero e proprio odio, nei confronti di chi svolge in questo particolare periodo il delicato compito di informare: ancora più grave è che ciò venga attuato da chi dovrebbe essere impegnato sullo stesso fronte. Le scelte dell’editore e della direzione dell’emittente in questo caso sono andate nel senso opposto». 

«L’Associazione Stampa Toscana, alla quale si è rivolto il Comitato di redazione della Rai – afferma il presidente dell’Ast Sandro Bennucci – ha segnalato il caso al collegio dei probiviri del sindacato unico ed unitario dei giornalisti per verificare se vi siano rilievi di sua competenza e provvederà a fare altrettanto al Corecom, il Comitato regionale per le comunicazioni presieduto da Enzo Brogi».
«Quale che sia l’esito di tali segnalazioni – sottolinea Bennucci – resta il giudizio di gravità dell’accaduto e la difesa, da parte dell’Ast, della professionalità e dei diritti dei colleghi e dei tecnici della sede Rai della Toscana». (giornalistitalia.it)

I commenti sono chiusi