“Querela temeraria al giornalista Gazzanni”

“Querela temeraria al giornalista Gazzanni”

ROMA – La Federazione Nazionale della Stampa esprime “pieno sostegno e solidarietà al giornalista Carmine Gazzanni, vittima dell’ennesima querela temeraria, questa volta ...

leggi...

Minacciato il giornalista Lorenzo Gugliara

Minacciato il giornalista Lorenzo Gugliara

SCORDIA (Catania) – Grave intimidazione al giornalista Lorenzo Gugliara, direttore responsabile di “scordia.info” e corrispondente da Scordia del quotidiano “La Sicilia”. Nato il ...

leggi...

I vincitori del VIII Premio “Angelo Maria Palmieri”

I vincitori del VIII Premio “Angelo Maria Palmieri”

AVEZZANO (L’Aquila) – Cerimonia di premiazione dei vincitori dell’VIII edizione del Premio Giornalistico Nazionale “Angelo Maria Palmieri” domani, giovedì 23 maggio, alle ...

leggi...

Andrea Camporese cittadino della Calabria

Andrea Camporese cittadino della Calabria

CASSANO IONIO (Cosenza) – Andrea Camporese cittadino della Calabria. Il giornalista veneto, già presidente dell’Inpgi e dell’Adepp, riceverà, infatti, la cittadinanza onoraria del ...

leggi...
“Querela temeraria al giornalista Gazzanni”

“Querela temeraria al giornalista Gazzanni”

Scritto da Redazione il 21 May 2019 1
Minacciato il giornalista Lorenzo Gugliara

Minacciato il giornalista Lorenzo Gugliara

Scritto da Redazione il 22 May 2019 2
I vincitori del VIII Premio “Angelo Maria Palmieri”

I vincitori del VIII Premio

Scritto da Redazione il 22 May 2019 3
Andrea Camporese cittadino della Calabria

Andrea Camporese cittadino della Calabria

Scritto da Francesco Cangemi il 20 May 2019 4
Realizzato in collaborazione con Famiglia Cristiana, sarà presentato il 22 ottobre

Nasce Notizia Cristiana, periodico in braille

BrailleROMA – Quando nasce una nuova testata, specie in tempi di crisi come l’attuale, è sempre una bella notizia. Ed un ottimo auspicio. Sarà presentata il 22 ottobre a Roma “Notizia Cristiana”, periodico a carattere nazionale rivolto ad un pubblico di lettori non vedenti.
Edito dalla cooperativa Handy Systems e realizzato in collaborazione con Famiglia Cristiana, “Notizia Cristiana” è

leggi...
La Fnsi: “Per un vantaggio immediato, si rischia un futuro senza assistenza”

“Il governo non affossi la previdenza privata”

Il segretario della Fnsi Franco Siddi

Il segretario della Fnsi Franco Siddi

ROMA – In attesa di conoscere nel dettaglio i contenuti della nuova legge di stabilità, non possiamo non esprimere perplessità e grande preoccupazione in merito ai ventilati provvedimenti di innalzamento del prelievo fiscale sulle Casse di previdenza private – specie quelle come l’Inpgi che garantisce previdenza obbligatoria ed è sostitutivo dell’Inps – e sui fondi di pensione complementare e alla prospettiva di sottrarre  il trattamento di fine rapporto ai suoi fini istituzionali.
La necessità di individuare risorse immediate che possano alimentare il consumo e consentire in questo modo al Paese di uscire dalla recessione e di riprendere una

leggi...
Approvate le delibere del Cda dell’Inpgi che ridefiniscono anche la disoccupazione

Aumenta l’aliquota per le aziende: ok dei ministeri

InpgiROMA – Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – di concerto col Ministero dell’Economia e delle Finanze – ha espresso, nella giornata di ieri, il proprio parere favorevole alle delibere approvate del Consiglio di amministrazione dell’Inpgi il 30 luglio scorso, con le quali l’Istituto decideva da un lato l’aumento dell’aliquota contributiva a carico dei datori di lavoro e dall’altro ridefiniva la disciplina del trattamento di disoccupazione in caso di dimissioni volontarie del giornalista.
Il primo provvedimento nasce dal progressivo acuirsi dello stato di crisi del settore dell’editoria, che

leggi...
Gli ex dipendenti al Consiglio regionale: “L’emittente non può partecipare al bando”

Sardegna 1: “Niente fondi a chi licenzia”

Sardegna 1CAGLIARI – Gli ex dipendenti di Sardegna 1 Tv scrivono alla Seconda commissione del Consiglio regionale sardo che ha concluso, la scorsa settimana, la discussione generale sulla proposta di legge bipartisan per l’editoria con cui la Regione potrebbe destinare 3 milioni di euro all’anno fino al 2016 (a cominciare dal 2014) al sistema dell’emittenza televisiva locale.
“Sardegna 1 ci ha licenziato, – denunciano gli ex dipendenti – non ha ancora pagato cinque mensilità arretrate, i tfr ed altre spettanze legate ai licenziamenti, ma ha tutti i requisiti per

leggi...
Un infarto lo ha strappato alla vita un mese dopo essere andato in pensione

Addio a Marco Ansaldo, cronista “vecchio” stile

Marco Ansaldo

Marco Ansaldo

TORINO – Lutto nel giornalismo italiano: è morto, per un infarto, Marco Ansaldo, 58 anni, a lungo cronista sportivo di punta de “La Stampa”. Ha raccontato tanti sport, Ansaldo, dal calcio a tutte le discipline olimpiche e non, con competenza tecnica e leggerezza di scrittura che

leggi...
Il prefetto Tomao: “Qui c’è lo Stato, non siamo al bar, né su una panchina in strada”

“Caro Bilotta, è l’Ora di mantenere gli impegni”

Gianfranco Tomao

Gianfranco Tomao

Giuseppe Bilotta

Giuseppe Bilotta

COSENZA – Incontro ravvicinato con l’assurdo. Così si potrebbe definire, lapidariamente, l’esito del confronto odierno davanti al prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao, con il liquidatore della C&C, la società editrice del quotidiano “L’Ora della Calabria”, Giuseppe Bilotta.
Di reale c’è stato solo il sostegno partecipe e convinto del prefetto, che ha contribuito con il suo rigore e la sua determinazione, a far emergere le contraddizioni di una procedura di liquidazione sulla quale da tempo il vicesegretario nazionale della Fnsi, nonché segretario regionale, Carlo Parisi, presente all’incontro, il Cdr dell’Ora della Calabria e io stesso, quale direttore della testata, abbiamo invocato più volte (e invano) l’intervento della magistratura.
Poco prima dell’inizio della discussione, mentre si attendeva Tomao, Bilotta faceva sapere di aver venduto cinque dei nostri computer per circa 1800 euro, rifiutandosi però di dire chi fosse l’acquirente.
Quando gli è stato chiesto di spiegare davanti al prefetto il perché

leggi...
Dal 23 ottobre si chiamerà “L‘Obs”. E intanto se ne vanno in 36: partenza volontaria

Le Nouvel Observateur taglia nome e giornalisti

Le nouvel observateurPARIGI (Francia) – Lo storico settimanale francese “Le Nouvel Observateur”, considerato come il primo news magazine della République, cambia nome. Dal prossimo 23 ottobre, giorno d’uscita della nuova formula, verrà ribattezzato “L’Obs” e avrà una linea editoriale molto più incentrata sulle inchieste nonché un taglio dei dipendenti.
Diretto da Matthieu Croissandeau, il settimanale della gauche, che quest’anno festeggia i cinquant’anni, verrà segnato dalla partenza volontaria di 36 giornalisti.
La redazione verrà quindi ridotta a un totale di 157 persone, di cui crica 115 redattori, contro i 180 dello scorso anno,

leggi...
Il presidente dell’Adepp Camporese: “Una manovra gravissima e sconcertante”

Aumentare il prelievo per le Casse? Uno scandalo

Andrea Camporese, presidente di Inpgi e Adepp

Andrea Camporese, presidente di Inpgi e Adepp

ROMA – Se fosse confermato l’aumento del prelievo fiscale per le Casse di previdenza (dal 20% al 26%) e per il secondo pilastro (dall’11,5% al 20%) nella legge di Stabilità, si tratterebbe di una gravissima decisione dalle conseguenze pesanti per l’intero sistema della previdenza privata.

leggi...
Tutti i giornalisti potranno contribuire compilando un questionario on line

L’AgCom lancia l’Osservatorio sul giornalismo

AgcomROMA – Per analizzare le prospettive della professione del giornalista e il futuro del sistema dei media, anche in Italia, come già ha mostrato

leggi...
Giornalista, ex parlamentare e assessore capitolino, è morta dopo una lunga malattia

Addio a Mariella Gramaglia e al suo coraggio

Mariella Gramaglia

Mariella Gramaglia

ROMA – È morta dopo una lunga malattia Mariella Gramaglia, giornalista, ex parlamentare (nel 1987 come deputato della sinistra indipendente) e assessore capitolino alla Semplificazione e Pari opportunità nelle giunte guidate da Walter Veltroni. Ed è proprio l’ex sindaco di Roma a ricordarla: “Con Mariella scompare

leggi...
Videocollegamento: la Corte d’Assise di Palermo ha accolto la richiesta dell’Odg

Depone Napolitano: nulla osta per i giornalisti

Giorgio Napolitano

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

ROMA – I cronisti di tutte le testate avranno la possibilità di seguire in videocollegamento l’audizione del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al processo sulla trattativa tra Stato e mafia, in programma il prossimo 28 ottobre al Quirinale.
La seconda sezione della Corte d’Assise di Palermo,

leggi...
A Palazzo Chigi Oprah Winfrey, tra le donne più potenti degli Stati Uniti

Renzi incontra la regina americana dei salotti tv

Oprah Winfrey

Oprah Winfrey a Palazzo Chigi con il premier Matteo Renzi

ROMA – Il premier Matteo Renzi ha ricevuto ieri pomeriggio a Palazzo Chigi Oprah Winfrey, la regina americana dei salotti tv. Considerata tra le donne più potenti d’America, anche grazie al successo del suo “Oprah Winfrey Show” condotto per 25 anni sulla ABC, la Winfrey

leggi...
A casa il supporto newyorkese di Christiane Amanpour: “Andiamo avanti!”

Altri tagli alla Cnn: via lo staff della super inviata

Christiane Amanpour

Christiane Amanpour

NEW YORK (Usa) – Tagli alla Cnn: dopo aver eliminato l’intera divisione entertainment, la prima rete “all news” d’America ha mandato a casa lo staff newyorchese di supporto di Christiane Amanpour, una delle sue inviate di

leggi...
Il Sigim: “Il crollo delle vendite, figlio della scelta di accoppiarlo al Corriere Adriatico”

Il Messaggero Marche: tutta colpa del “panino”

Il Messaggero MarcheANCONA – Si è chiuso con un rinvio alla sede aziendale per l’assoluta distanza tra le parti il tavolo nazionale,

leggi...
Il presidente del Cda della Publiepolis era stato arrestato per bancarotta fraudolenta

Crac Epolis: torna in libertà Alberto Rigotti

Alberto Rigotti

Alberto Rigotti

MILANO – Il presidente del Cda della Publiepolis, Alberto Rigotti, di 64 anni, di Milano è stato scarcerato. Era stato arrestato ai primi di giugno dalla Guardia di Finanza di Cagliari per bancarotta fraudolenta a seguito del fallimento del gruppo editoriale Epolis, con un buco accertato di quasi 130 milioni di euro. Il provvedimento, chiesto dai difensori, ha avuto il via libera del pm Giangiacomo Pilia.
Le indagini della Guardia di Finanza che avevano portato all’arresto del manager, finito in manette con altri indagati su ordine di custodia cautelare del gip di Cagliari, Giuseppe Pintori, erano scattate nel 2011 dopo il crac di Publiepolis, la concessionaria

leggi...
design   emme21