Stampa Romana propone di introdurlo nel codice penale per la tutela dei cronisti

“Ostacolo all’attività giornalistica” sia reato

Lazzaro Pappagallo e Federica Frangi, segretario e presidente dell’Associazione Stampa Romana

ROMA – «Chiunque, per limitare o impedire la ricerca, la raccolta, la ricezione, l’elaborazione, il controllo, la pubblicazione o la diffusione di informazioni, opinioni o idee di interesse pubblico, utilizza violenza, minaccia o frode in danno di soggetti esercenti l’attività giornalistica, è punito con la reclusione da due a sei anni». L’Associazione Stampa Romana propone alla Comunità giornalistica, al Governo e alle forze politiche del nostro Paese l’introduzione del reato di “ostacolo all’attività giornalistica” per dare una risposta reale e concreta a chi è impegnato quotidianamente ad assicurare il ruolo pubblico di informare impedendo, così, a estremisti e facinorosi di esercitarsi in una caccia ignobile al giornalista.

Antonella Alba

Stampa Romana ritiene, infatti, che «le ultime aggressioni subite dalla collega di Rainews Antonella Alba e dal collega videomaker di Gedi visual Francesco Giovannetti durante manifestazioni “No vax” impongono alcune riflessioni non rituali. Il mese scorso abbiamo denunciato la deriva che stavano prendendo le manifestazioni romane contro vaccino e green pass con una costante indicazione dei giornalisti come “terroristi da rieducare”. Ieri come oggi chiediamo alla Prefettura, alle forze dell’ordine e alla magistratura di usare tutti gli strumenti in loro possesso per garantire lo svolgimento sereno del nostro lavoro e la repressione immediata di reati».

Francesco Giovannetti

«Pensiamo – evidenzia Stampa Romana – che la solidarietà espressa da ministri e politici debba tradursi in precise direttive del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, a tutti coloro che lavorano sull’ordine pubblico. Ma bisogna anche andare oltre. Oggi mancano gli strumenti normativi per tutelare i giornalisti che lavorano sul campo. Per una maggiore tutela degli operatori dell’informazione, come accade già in altri paesi, sarebbe dunque necessario che il legislatore integrasse il nostro codice penale con la previsione del reato “di ostacolo all’attività giornalistica”». (giornalistitalia.it)

LEGGI ANCHE:
Giornalisti aggrediti: dal Viminale tolleranza zero
Verna: “Libertà non è aggredire i giornalisti”
Aggredito e picchiato Francesco Giovannetti
Antonella Alba aggredita e ferita dai No vax

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *