Carlo Verna: “Regolamento approvato a tempo di record. Ora convocherò le elezioni”

Odg: sì del Ministero al voto elettronico

Carlo Verna, presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti

ROMA – «Il voto elettronico fa parte ormai delle regole dell’Ordine dei giornalisti ed è l’ennesima svolta di innovazione che ha caratterizzato una consiliatura irta di ostacoli, ma anche ricca di iniziative varate per accrescere il ruolo e la funzione sociale dell’ente che cura formazione, accesso e deontologia di chi fa informazione professionale». Il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Carlo Verna, annuncia così l’approvazione, «con la massima tempestività», del regolamento per il voto elettronico da parte del Ministero della Giustizia.

Alfonso Bonafede

Nel ringraziare il Guardasigilli Alfonso Bonafede e i dirigenti del ministero della Giustizia, Verna ricorda che il regolamento è stato varato, a sua volta, in tempi record dal Consiglio nazionale, aggiungendo così il voto telematico a quello in presenza per il rinnovo delle cariche dell’Ordine dei giornalisti.
«La mia personale soddisfazione – sottolinea Carlo Verna – è grande perché per tagliare questo traguardo tutti, consiglieri, dirigenti e personale dell’ente, abbiamo lavorato alacremente a distanza. Sia la Commissione giuridica allargata, presieduta da Gianfranco Ricci, sia il Consiglio nazionale, si sono confrontati attraverso piattaforme virtuali e tutto ha funzionato per il meglio se il Ministero vigilante non ha avuto indugi a dare il suo assenso».
«Ora – spiega Verna – il regolamento sarà pubblicato sul Bollettino ufficiale e si potrà mettere in moto la macchina elettorale che neanche la pandemia potrà fermare visto che una specifica norma prevede che in casi eccezionali i seggi fisici possano non essere aperti per lasciare che la consultazione avvenga esclusivamente per via telematica. Il voto – conclude il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti – sarà, pertanto, indetto al più presto, una volta espletate le procedure di affidamento per il servizio informatico». (giornalistitalia.it)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *