Approvate le graduatorie definitive 2019 per le emittenti commerciali e comunitarie

Mise: i contributi assegnati a radio e tv locali

ROMA – Il Ministero dello Sviluppo Economico ha approvato le graduatorie definitive delle domande ammesse al contributo per l’anno 2019 delle emittenti radiofoniche e televisive a carattere commerciale e delle emittenti radiofoniche comunitarie.
La Divisione V “Emittenza Radiotelevisiva – Contributi” della Direzione Generale ha, quindi, provveduto alla pubblicazione delle graduatorie e dei relativi importi dei contributi assegnati.
Per l’emittenza televisiva commerciale i 40milioni 867mila 860,38 della dotazione destinati alla fascia A sono stati assegnati a 100 emittenti e i 2milioni 150mila 940,02 destinati alla fascia B a 37 emittenti.
Per l’emittenza radiofonica sono state accolte 172 domande ed assegnati 5milioni 993mila 331,32 euro, mentre per le radio comunitarie la dotazione di 1milione 997mila 777,11 euro è stata distribuita alle 320 emittenti ammesse al contributo.
Il Ministero si riserva di effettuare controlli relativamente alla veridicità delle dichiarazioni e della documentazione presentata in sede di domanda, di verificare il corretto adempimento degli obblighi previsti dal decreto del Presidente della Repubblica 23 agosto 2017 n. 146 e di adottare gli eventuali conseguenti provvedimenti di rideterminazione dei contributi spettanti alle emittenti assoggettate a controlli e verifiche, nonché di assumere le eventuali decisioni conseguenti agli esiti di contenziosi. (giornalistitalia.it)

LEGGI ANCHE:
TV commerciali: il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico
TV commerciali: la graduatoria definitiva
TV commerciali: i contributi assegnati alla fascia A
TV commerciali: i contributi assegnati alla fascia B
Radio commerciali: il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico
Radio commerciali: la graduatoria definitiva
Radio commerciali:  i contributi assegnati
Radio comunitarie: il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico
Radio comunitarie: la graduatoria definitiva
Radio comunitarie: i contributi assegnati

 

 

I commenti sono chiusi