Dopo la richiesta di una solidarietà al 21% “senza alcun progetto di rilancio”

L’Eco di Bergamo, 5 giorni di sciopero

BERGAMO – Stato di agitazione all’Eco di Bergamo. Lo ha proclamato l’assemblea dei redattori che «ha preso atto delle comunicazioni del Cdr, dopo l’incontro con l’azienda e il direttore, relative alla richiesta di attivazione di una solidarietà al 21%».
«Solidarietà – spiegano i giornalisti – che non è accompagnata da alcun progetto di rilancio del giornale e che prevede esclusivamente la chiusura della redazione Interni ed esteri; l’accorpamento della redazione Web alle Cronache; la riduzione di una pagina quotidiana per i settori Cronaca, Cultura e spettacoli, Economia e Sport».
«A fronte di questa iniziativa – incalzano – l’Assemblea proclama all’unanimità lo stato di agitazione affidando al Comitato di redazione un pacchetto di cinque giorni di sciopero. L’Assemblea chiede che l’editore si impegni a salvaguardare L’Eco di Bergamo, da 138 anni punto di riferimento e patrimonio dell’informazione per l’intera comunità bergamasca, e a tutelare il lavoro e il futuro dei suoi dipendenti e delle loro famiglie».
La solidarietà dovrebbe cominciare il 1 gennaio 2019. (giornalistitalia.it)

I commenti sono chiusi