Volto noto delle emittenti televisive della regione, già direttore di Rete 8, aveva 75 anni

L’Abruzzo piange il giornalista Lorenzo Labarile

Renzo Labarile (Il Messaggero Pescara)

PESCARA – Si è spento per un malore, all’ospedale di Pescara dov’era ricoverato per una malattia con cui combatteva da qualche tempo, il giornalista Lorenzo Labarile, 75 anni, per tutti Renzo. Tra i volti più conosciuti del giornalismo abruzzese, Labarile era stato direttore, nei primi anni 2000, dell’emittente televisiva Rete 8, su cui attualmente conduceva una trasmissione dedicata all’economia.
“Professionista di rara capacità e umanità”, sottolinea la redazione del Messaggero di Pescara nel dare la notizia della sua scomparsa, lascia la moglie, la cantante lirica Aleksandra Lasic.
Renzo Labarile era originario di S.Eramo in Colle, in Puglia, dov’era nato il 15 maggio 1944.  Dopo aver affinato i ferri del mestiere a Roma, dove si era anche laureato in Giurisprudenza all’Università La Sapienza, era arrivato, alla fine degli anni ’70, in Abruzzo per continuare a dedicarsi al giornalismo. La sua grande passione, insieme a quella per la politica: è stato per diversi anni funzionario della Democrazia Cristiana ed aveva lavorato nella segreteria di Aldo Moro.

Renzo Labarile sugli schermi di Rete 8

Poi, dopo l’assassinio di Moro, l’approdo in Abruzzo e il lavoro nelle tv locali: è stato direttore di Antenna 10, Tele Abruzzo Regionale e, appunto, Rete8. Tra le sue collaborazioni, anche quella con il Corriere Adriatico e con il Gruppo alimentare De Cecco.
La camera ardente sarà allestita all’obitorio dell’ospedale civile di Pescara a partire dalle 13. Intanto arrivano i primi messaggi di cordoglio, tra cui quello dell’Ordine dei giornalisti dell’Abruzzo a cui Renzo Labarile era iscritto, nell’elenco dei pubblicisti, dal 15 marzo 1978. Ancora da fissare i funerali. (giornalistitalia.it)

I commenti sono chiusi