Da sinistra: Giuseppe Di Pietro, Donato Toma e Pina Petta

CAMPOBASSO – Produce i primi effetti la clamorosa azione di protesta di giornalisti, amministrativi, tecnici ed editori, proclamata dall’Associazione della Stampa e dall’Ordine dei Giornalisti del Molise per portare all’attenzione pubblica “il pericolo reale che corre la democrazia nella nostra comunità con l’impoverimento delle fonti informative e, allo stesso tempo, sollecitare la politica, soprattutto l’istituzione regionale, a valorizzare il ruolo del comparto attraverso fondi pubblici, nel rispetto degli impegni presi nella campagna elettorale e nei mesi scorsi”.
Nei giorni scorsi Asm e Odg hanno, infatti, proclamato lo stato di agitazione del settore, da attuare con l’oscuramento di qualsiasi notizia che provenga dagli enti pubblici (Comuni, Province, Regione) e eventi politici ed elettorali, nelle pubblicazioni di giovedì 23, venerdì 24 e sabato 25 maggio 2019. Asm e Odg, nell’occasione, hanno chiesto, inoltre, un incontro urgente con il presidente della Giunta regionale, Donato Toma, per definire il percorso e gli eventuali impegni concreti.
Non si è fatta attendere la risposta della Segreteria di Presidenza della Giunta regionale che ha comunicato al presidente dell’Assostampa, Giuseppe Di Pietro, e al presidente dell’Ordine dei giornalisti del Molise, Pina Petta, la disponibilità del presidente Donato Toma ad incontrarli domani, giovedì 23 maggio, alle ore 13.
Al momento, resta comunque confermato lo stato di agitazione della categoria e del settore, da effettuarsi nelle modalità annunciate. (giornalistitalia.it)

LEGGI ANCHE:
Molise: la stampa oscura politica e istituzioni

Comments are closed.