L’agenzia nel mirino della leghista Montemagni: “Parole lesive del lavoro dei giornalisti”

Italpress: “Ignobile attacco di stampo razzista”

PALERMO – «Un attacco ingiustificabile e ignobile». La redazione dell’agenzia di stampa Italpress è «purtroppo costretta a denunciare l’attacco di stampo razzista di Elisa Montemagni, capogruppo leghista in Consiglio regionale della Toscana che, in una nota pubblicata su agenzie e siti internet, scrive:

Elisa Montemagni con Matteo Salvini (Fb)

“Abbiamo a più riprese sollevato la questione relativa alla totale mancanza di materiale informativo proveniente dalle Agenzie di stampa nazionali, come, ad esempio, l’Ansa, l’Agi, la Dire ed Askanews”, “da qualche tempo possiamo, infatti, consultare solo i ‘lanci’ di Adnkronos, piuttosto attenta alla realtà regionale, e dell’Italpress; quest’ultima, con sede a Palermo, non ci risulta neanche abbia un apposito spazio riservato alle notizie provenienti esclusivamente dalla Toscana”».
Parole che la redazione dell’agenzia ritiene «altamente lesive del lavoro quotidiano di decine di giornalisti dell’Italpress, a partire dai colleghi che, ormai da anni, a Firenze e dalla Toscana assicurano una capillare copertura di tutti i principali eventi politici, economici, di cronaca, sport e spettacoli e di decine di settori di nicchia che da sempre l’Italpress copre in ogni regione italiana».
«Vorremmo ricordare – incalza Italpress – alla consigliera leghista che:

Gaspare Borsellino con Sergio Mattarella e Italo Cucci

a) l’agenzia Italpress è un’agenzia di stampa nazionale con 32 anni di storia alle spalle;
b) che ogni giorno pubblica sulle sue reti oltre duemila lanci dall’Italia e dall’estero;
c) che ha redazioni a Roma e Palermo e sedi in diverse altre regioni italiane, Toscana compresa;
d) che l’agenzia Italpress è vincitrice di un bando pubblico dal consiglio regionale del quale la consigliera fa parte.
Vorremmo inoltre ricordare alla consigliera Montemagni:

Italo Cucci, Maria Elisabetta Casellati, presidente del Senato, e Gaspare Borsellino

1) che noi non consideriamo per un’azienda editoriale e un’azienda in genere un handicap o un peccato originale, come invece lei lascia intendere nella sua nota, essere nati a Palermo e avere mantenuto la sua redazione centrale in Sicilia. Anzi.
2) che l’Italpress oggi dà lavoro quotidiano a centinaia di collaboratori in tutta Italia, dal profondo Nord passando per la “sua” Toscana fino alla Sicilia oltre che a decine di giornalisti assunti con articolo 1;

Gaspare Borsellino con Papa Francesco

3) che le sarebbe bastato andare sul sito italpress.com per trovare due spazi dedicati alle notizie provenienti dal consiglio regionale della Toscana e dalla Giunta regionale e consultabili in chiaro da chiunque;
4) che le notizie del consiglio regionale e di tutti gli altri settori vengono pubblicate in un notiziario Regioni in cui ampio spazio viene dedicato quotidianamente alla Toscana;
5) che per il Consiglio regionale la copertura quotidiana delle notizie viene assicurata da uno dei collaboratori, regolarmente contrattualizzato e esclusivamente dedicato ai lavori dello stesso Consiglio e della Giunta regionale».
La redazione dell’Italpress, «convinta che la signora Montemagni abbia espresso una opinione del tutto personale, chiede pertanto alla Lega della Toscana di dissociarsi dalle sue parole razziste e lesive del lavoro quotidiano e della dignità professionale di decine di professionisti. Parole che stridono, peraltro, fortemente con le posizioni che il suo partito negli ultimi anni ha manifestato nei confronti del Sud sotto la guida di Matteo Salvini che recentemente ha anche preso posizione contro il direttore di un quotidiano del Nord Italia che aveva definito i meridionali un popolo inferiore». (giornalistitalia.it)

LEGGI ANCHE:
Verna: “Attacco a Italpress, la Lega si dissoci”

Italpress, Ast: “L’informazione non ha confini”

Italpress, Unci: “La professionalità non si discute”

I commenti sono chiusi