Selvaggia Lucarelli e Alessandro Barbaglia a Novara per la presentazione di “Casi Umani”

NOVARA – I “Casi Umani” di Selvaggia Lucarelli sono nove incontri e scontri un po’ fantastici e un po’ autobiografici. I protagonisti delle storie sono tutti uomini, alle prese con l’amore o con l’innamoramento, con la tristezza o con la disperazione.
Il libro (Rizzoli, 224 pagine, 17 euro ) è stato presentato al Castello di Novara. Alessandro Barbaglia della libreria Lazzarelli ha introdotto la conversazione con l’autrice. Selvaggia Lucarelli, nata come blogger sul web, è editorialista per “Il Fatto Quotidiano” e protagonista di numerosi programmi televisivi e radiofonici.
Nelle pagine del suo lavoro, divaga fra i sentimenti con una spietata (auto)ironia ma anche con il sollievo e la benevolenza della sopravvissuta.
I racconti parlano degli ex. Quelli suoi e quelli degli altri. E il problema è, per l’appunto, come sopravvivere all’abbandono che, inevitabilmente, prima o poi, arriva.
«Scrivendo questo libro – commenta Lucarelli – mi sono resa conto delle persone che ho frequentato. Il peggiore da incontrare è sicuramente il narcisista perché, dovendo splendere di luce propria, finisce per sminuirti a poco a poco in modo da essere il solo ad avere risalto». Il taccagno, invece, è divertente.
Ma come nasce l’idea di scrivere “Casi Umani”? «L’inizio si colloca nel disgraziato giorno in cui il mio fidanzato dell’epoca mi lasciò. Non ero preparata: non ritenevo possibile il fatto di poter essere mollata. Consideravo quell’eventualità un’ingiustizia».
E allora? «La delusione, la tristezza, il dolore, certo. Ma poi, dopo i primi giorni, anche l’inesorabile scivolare verso una serie di incontri surreali e di relazioni-lampo con personaggi a cui, a distanza di anni, non si concederebbe neppure il tempo di un caffè. Con ulteriori danni sentimentali».
Perciò personaggi che potrebbero sembrare frutto di fantasia ma che, in realtà, esistono: da “Mister Foglio Excel”, a “Mister Ho una cosa per te”, dal cleptomane compulsivo fino a “Mister Il piacere è soggettivo”.
Ognuno ha un suo modo di lavorare. Selvaggia Lucerelli dice che il libro le si forma in testa e, riflettendoci sopra, lo affina, lo aggiusta e lo costruisce pezzo per pezzo. Comincia a scrivere quando l’intreccio e la scansione degli argomenti sono definiti. A quel punto, si tratta di mettere le parole in fila, una dopo l’altra. «E per quello possono bastare anche solo dieci giorni…». (giornalistitalia.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *