E’ il primo sciopero generale del 2014 contro le misure di austerità

Grecia: oggi tutto fermo, anche l’informazione

Sciopero GreciaATENE (Grecia) – E’ in corso in Grecia dalle prime ore di stamani uno sciopero generale di 24 ore indetto dai due maggiori sindacati del Paese, Adedy e Gsee, che rappresentano rispettivamente i dipendenti del settore pubblico e di quello privato per un totale di circa due milioni e mezzo di lavoratori.
La protesta è diretta contro la politica governativa “che – come sostengono i sindacati – porta alla mobilità e ai licenziamenti di migliaia di lavoratori e all’ulteriore riduzione di stipendi e pensioni e alla distruzione dello stato sociale”.
Ospedali pubblici, centri sanitari e servizi di previdenza sociale funzioneranno con il personale di emergenza in quanto i sanitari e i lavoratori del settore aderiscono allo sciopero.
All’agitazione prendono parte anche i medici del Paese contro “la politica dei licenziamenti, della mobilità e della distruzione del settore della sanità pubblica”, mentre rimarranno chiuse le farmacie della Regione dell’Attica in seguito alla decisione in tal senso dell’Ordine dei Farmacisti (Fsa).
Fermi anche i traghetti da e per le isole e i trasporti pubblici, compresi i treni intercity, mentre per alcune ore anche il traffico aereo sarà sospeso in seguito all’astensione dal lavoro dei controllori di volo.
Si sono svolte ad Atene anche due grandi manifestazioni: la prima alle 10 in piazza Omonia, organizzata dal Pame, il sindacato vicino al Partito Comunista (Kke).
La seconda, organizzata dall’Adedy e dalla Gsee, alle 11, nella centralissima piazza Klathmonos.
Per effetto dell’adesione allo sciopero dei giornalisti, i quotidiani non saranno oggi in edicola. Su ordine della polizia, alcune stazioni del metrò di Atene rimarranno chiuse dalle 10 sino al termine delle manifestazioni per evitare incidenti. (AnsaMed)

I commenti sono chiusi