Lettera 22: “I consigli di disciplina aprano un fascicolo sui contorsionismi intellettuali”

Gli insulti alla Meloni e i silenzi imbarazzanti

Paolo Corsini e Giorgia Meloni

ROMA – «La solidarietà a Giorgia Meloni, vittima di spregevoli insulti sessisti, è stata manifestata trasversalmente: senza se e senza ma. Eppure, anche davanti a un attacco di inaudita violenza come quello del prof. Giovanni Gozzini, fra i sorrisini dei compagni di salotto radical chic come Van Straten, ex Cda Rai e giuria del premio Strega, non mancano i distinguo e le prese di distanza».
Lo afferma l’Associazione di giornalisti “Lettera 22”, presieduta da Paolo Corsini, ricordando appunto la solidarietà “bipartisan” espressa a Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia e giornalista professionista, a partire dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dal presidente del Consiglio, Mario Draghi, dai presidenti del Senato e della Camera, Maria Elisabetta Casellati e Roberto Fico, a tutti i partiti, i sindacati, le associazioni, i cittadini.
Lettera 22 denuncia che «il direttore del Domani, Stefano Feltri, e Selvaggia Lucarelli si esibiscono in spericolati contorsionismi intellettuali pur di non condannare un grave episodio di squadrismo pseudo intellettuale nei confronti della Meloni, che – peraltro – è una collega giornalista professionista».
«Il tutto – sottolinea Lettera 22 – nell’imbarazzante silenzio della Fnsi, la Federazione nazionale della Stampa. Aspettiamo fiduciosi l’apertura di un fascicolo da parte dei consigli di disciplina dell’Ordine dei giornalisti». (giornalistitalia.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *