Nominato dal Ministero del Lavoro. Vacanti due posti della Presidenza del Consiglio

Giuliano Di Bartolomeo sindaco supplente Inpgi

ROMA – Dopo la nomina di Salvatore Bartolo Spinella nel Consiglio di amministrazione e di Paolo Reboani a presidente del Collegio Sindacale dell’Inpgi, l’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani, il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha proceduto alla nomina anche del sindaco supplente. Si tratta del dottor Giuliano Di Bartolomeo, che sostituisce dopo sei mesi di prorogatio Maria Antonietta Naitana, nominata nel marzo 2016 dal governo Renzi.

Giuliano Di Bartolomeo

Di Bartolomeo, avvocato, è funzionario amministrativo giuridico contenzioso dell’Ufficio di Gabinetto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
Ad oggi all’Inpgi sono, invece, ancora vacanti un posto di sindaco effettivo e uno di sindaco supplente, entrambi di nomina della Presidenza del Consiglio dei ministri. Attualmente sono in prorogatio da sei mesi il sindaco effettivo Raffaella Fantini e il sindaco supplente Stefania Palamara, entrambe nominate nel marzo 2016 dal governo Renzi. (giornalistitalia.it)

IL COLLEGIO SINDACALE DELL’INPGI

Presidente
Paolo Reboani (designato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali)
Sindaci effettivi
Angela Stefania Adduce (designato dal Ministero dell’Economia e Finanze),  Enrico Castelli, Savino Cutro, Olimpia De Casa (rappresentante della Gestione Separata), Raffaella Fantini (designata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri), Pierluigi Roesler Franz.

Sindaci supplenti
Giuliano Di Bartolomeo (designato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali), Marco Esposito, Gianluca Laganà (designato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze), Giuseppe Mazzarino, Lucio Maria Musolino (rappresentante della Gestione Separata), Stefania Palamara (designata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri), Luigi Ronsisvalle.

LEGGI ANCHE:
Collegio Sindacale Inpgi: fuori Branca, torna Reboani
Salvatore Bartolo Spinella all‘Inpgi per il Ministero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *