Adrien Krause

GINEVRA (Svizzera) – Sei membri del servizio di sicurezza del presidente camerunese Paul Biya sono stati arrestati per l’aggressione, avvenuta settimana scorsa a Ginevra, ai danni di un giornalista della Rts. Il reporter Adrien Krause stava facendo un servizio sulla manifestazione di oppositori davanti all’hotel dove alloggiava il leader africano.
Il Ministero pubblico del canton Ginevra ha reso noto che gli arrestati, cinque uomini e una donna, sono stati ascoltati.  La donna, in possesso di un passaporto diplomatico, è stata liberata mentre gli altri cinque sono stati affidati in custodia e a disposizione della giustizia ginevrina.
Krause, corrispondente locale per la radio, mercoledì 26 giugno si trovava davanti all’albergo per seguire un piccolo raduno di oppositori. Il giornalista è stato immobilizzato mentre filmava la carica di una decina di uomini, usciti dall’hotel, ai danni dei manifestanti.
Al reporter, ferito leggermente, è stato inoltre confiscato uno zaino contenente il suo materiale professionale, il cellulare e il portafoglio. Ha poi potuto recuperarli intatti, ma solo dopo due o tre ore di negoziati con un membro della sicurezza diplomatica.
L’inchiesta della polizia giudiziaria, avviata in seguito a una denuncia penale depositata da Krause il giorno dell’aggressione, ha portato all’identificazione delle sei persone.
Pochi giorni dopo i fatti, il Dipartimento degli affari esteri (Dfae) aveva definito “inaccettabile” l’accaduto, ricordando all’ambasciatore del Camerun che la libertà di stampa deve essere rispettata. (ats)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *