Giornali in crisi, tagli selvaggi, editori senza scrupoli e troppi giornalisti da passerella

Giornalismo, non c’è professione senza reputazione

Orson Welles nel suo celebre capolavoro “Quarto Potere” del 1941

LIVORNO – C’è stato un tempo in cui la forza di un editore di giornali si misurava anche nella caccia al direttorone fuori dai propri confini aziendali. Più era prestigiosa la firma, più crescevano anche la reputazione e il potere di chi gli pagava lo stipendione. E il giro delle poltrone era vorticoso con reali migrazioni di copie. Nessuno, tra i grandi nomi, restava disoccupato a lungo.

Giuseppe Mascambruno

Da molti anni, ben di più di quelli che ci separano dal crack del 2008 che ha aggravato, ma solo sul piano finanziario, l’inevitabile crisi storica della carta stampata provocata dall’avvento del digitale, gli editori hanno tirato solo a risparmiare e tagliare, tagliare, risparmiare e scaricare sulla spesa pubblica costi di gestione attraverso prepensionamenti di massa.
Sì, è sempre quel giochino ormai entrato anche nella memoria popolare come identificazione della “Filosofiat”, la pratica aziendale della Fiat dell’“avvocato” Agnelli e del fido mastino Romiti: privatizzare i profitti e socializzare le perdite. Ben ereditato e vieppiù applicato dal nipote John Elkann che, con la sede fiscale in Olanda, qui in Italia debutta come primo padrone della stampa italiana dopo l’acquisizione del gruppo Gedi di De Benedetti e la conseguente fusione tra La Stampa e Repubblica, con tutte le testate locali al seguito.

Carlo Verdelli ed Eugenio Scalfari

E debutta, senza farsi scrupolo con il mondo, facendo fuori come primo atto il direttore Verdelli, ma soprattutto il suo stipendio. Operazione, peraltro, legittimissima perchè il rapporto di lavoro è puramente fiduciario, e a niente valgono i fiumi di lacrime versati per la repentina cacciata, inariditisi nel giro di 48 ore con il fondo dello stesso Eugenio Scalfari, che ha legittimato il nuovo corso padronale.
Basta consultare un qualsiasi organo di settore, a cominciare da Giornalisti Italia, che sta crescendo giorno dopo giorno in tempestività e completezza, per leggere il quotidiano bollettino di tagli e licenziamenti nel mondo della stampa. Agli editori frega il giusto della tanto invocata libertà di stampa, a cui possono credere solo i buontemponi della Città Ideale, interessa solo avere, come sempre, strumenti di pressione, clientela e lobbismo per poter sviluppare i business da cui traggono i profitti principali. Niente di nuovo, niente di sorprendente.

John Elkann

A me sorprende di più la categoria a cui, sia pure ormai da insignificante pensionato, anch’io appartengo: i giornalisti.
Non c’è un cenno di reazione degno di questo nome, che non sia la solita, stantia, invocazione dell’art. 21 della Costituzione, sempre buona per consolatorie passerelle di circostanza.
Si subisce tutto all’insegna della residua garanzia (sempre più a spese della collettività) di sopravvivenza della specie, una sorta di immunità di gregge come si direbbe in questo tempo drammatico. Mentre si tollerano privilegi e marchette soprattutto dai più in vista della squadra. Non c’è un minimo accenno di discussione su quelli che, almeno io, soprattutto a fronte di un crescente impegno del denaro pubblico a sostegno di imprenditori privati che dovrebbero assumersi per primi il rischio d’impresa, ritengo condizioni irrinviabili di una nuova identità professionale. Ci si gira intorno, si impegnano le migliori energie in pensosi e nostalgici conciliaboli sul bel tempo che fu, ma non si ha il coraggio di affrontare una questione centrale: la REPUTAZIONE.

Dustin Hoffman e Robert Redford nelle vesti di Carl Bernstein e Bob Woodward  in “Tutti gli uomini del presidente” di Alan J. Pakula (1976)

Negli Stati Uniti, ma anche in altri Paesi della tradizione anglosassone, ormai si è capito da tempo che l’autorevolezza di chi scrive è più che mai l’unica calamita in grado di attrarre lettori, quindi investimenti e risorse economiche per tenere in piedi ciò che resta della carta stampata. E per realizzare al meglio la sinergia con l’on line. Non mancano gli esempi di colleghi, famosi almeno nei loro Paesi, che pur non avendo nulla da nascondere, a garanzia della loro trasparenza, rendono comunque noti al pubblico compensi e benefit personali. Un po’ come, giustamente, pretendiamo da chi assume cariche pubbliche, dal Capo dello Stato all’ultimo dei consiglieri comunali.
Nel momento in cui, altrettanto opportunamente, il giornalismo professionale si candida a custode della buona informazione contro le fake news che, recitano anche gli spot tv, ormai dilagano e attentano alla stessa democrazia, in quel preciso momento è necessario darsi una ripulita sostanziale. Non il solito maquillage che affidiamo ai sempre più imbarazzanti corsi di deontologia, utili solo a chi è obbligato a dipendere da quella manciata di crediti formativi per non perdere l’appartenenza a ciò che resta della casta.
No, non sono tra quelli che invocano l’abolizione dell’Ordine. Anzi, a maggior ragione adesso che ci sono sempre più protezioni e soldi pubblici a sostenere il settore, credo che l’Ordine diventi, ripeto, a maggior ragione, presidio di garanzia per tutti. Ma a condizione che diventi strumento di reale trasparenza. A tutela dei giornalisti, ma anche dei lettori. Di quei lettori che, per esempio, volessero sapere quanti e quali procedimenti disciplinari si sono conclusi con una sentenza per accertate violazioni etiche, dall’asservimento a poteri oscuri se non criminali alla sistematica compromissione dei marchettari in servizio permanente effettivo.
No, non si può più invocare la privacy su questi punti. L’Ordine per primo deve combattere perchè si cambi la legge su questo fronte. Perché ormai la REPUTAZIONE non è più il velleitarismo di poveri dementi infetti di moralismo da quattro soldi, ma la condizione irrinunciabile per salvare il salvabile di una professione precipitata, non da oggi, nelle classifiche di credibilità dell’opinione pubblica. (giornalistitalia.it)

Giuseppe Mascambruno

 

 

I commenti sono chiusi