In un libro l’ironia di un giornalista che pensa e scrive le sue teorie alla maniera dei sofisti

Filosofia del giornalismo di Francesco Monteleone

Francesco Monteleone

BARI – Nella cassetta degli attrezzi di ogni buon giornalista – per Francesco Monteleone, autore di “Filosofia del giornalismo” (Amazon, 80 pagine, 12,48 euro) – devono esserci: il Contratto Nazionale di lavoro giornalistico, un buon testo di deontologia e soprattutto le opere di alcuni filosofi. Tra questi, soprattutto coloro che si sono occupati delle categorie che sono alla base del “buon fare” giornalistico: la verità, il dubbio, l’opinione, l’apparenza, l’errore, la menzogna, la retorica.

Francesco Monteleone

Difatti, sostiene il giornalista e filosofo barese, come si può trattare qualcosa professionalmente e senza conoscerne il fondamento ontologico? Sarebbe come un medico che vuole esercitare la cura del corpo senza aver studiato l’anatomia umana, come un professore che vuole insegnare senza aver appreso a fondo la didattica, o ancora come un musicista che suona a orecchio, perché non sa leggere uno spartito.
A sostegno di questa tesi, il libro “Filosofia del giornalismo” ci fornisce spunti esemplari, tutti ricercati in giornali e in testi filosofici, con meticolosità, accuratezza e dedizione. Essi vogliono essere semi da cui far germogliare una nuova disciplina, che possiamo definire ontogiornalismo; vale a dire, il punto di partenza per un giornalismo dotto, non pressappochista, che è capace di andare all’essenza di sé stesso e che, nutrendosi di filosofia, sappia districarsi con cognizione tra le categorie che utilizza.

Martin Heidegger

Così, si fa riferimento ad Heidegger e alla sua distinzione tra “chiacchiera”, “curiosità’ ed “equivoco”, essenziale per chi lavora nel mondo della comunicazione; non manca Sant’Agostino, con la sua opposizione all’illusoria ricerca della verità nell’astrologia, purtroppo costantemente presente nei media. Vi troviamo anche riflessioni decisive – di cui, alcune prendono le mosse da riferimenti colti, altre da riferimenti ironici – su quelle che dovrebbero essere le virtù di un buon giornalista: non eccedere, non farsi sopraffare dalla morbosità, avere coraggio, volere la libertà evitando la licenza, persino saper usare sapientemente la lingua italiana e la stilistica.
Intelligenza, arguzia e l’inconfondibile ironia di Francesco Monteleone caratterizzano questo libellum raffinato, che dovrebbe trovar posto fisso nella borsa da lavoro di ogni comunicatore. Così, tra uno scoop e l’altro, tra una giunta comunale e un’intervista al personaggio di turno, il giornalista avrebbe la possibilità di cibare il proprio pensiero, senza rimanere un semplice copiatore, un falsificatore o il mediocre “ripropositore” di cose già sentite. Perché una cosa è fuori discussione: oggi il giornalismo è chiamato a saper rispondere a una sfida impellente e non più rimandabile; deve essere da un lato innovativo, dall’altro ha l’urgenza di ricominciare a presentarsi come la migliore chiave di lettura del mondo, se vuole tornare a legittimarsi e ad essere legittimato dai lettori. E non c’è disciplina, da sempre, che sappia fornire gli strumenti per capire, interpretare e raccontare al meglio il mondo se non la filosofia. (giornalistitalia.it)

Carmela Moretti

CHI È FRANCESCO MONTELEONE

Francesco Monteleone

Nato a Canneto di Adelfia (Bari) il 5 giugno 1957, laureato in Filosofia all’Università degli Studi di Bari, è giornalista professionista iscritto all’Ordine della Puglia dal 9 gennaio 2003. Ha lavorato come autore e programmista regista per numerose testate locali e nazionali. Dirige la testata culturale Santippe, pensa e scrive le sue teorie alla maniera dei sofisti. Tra le sue pubblicazioni: “La fisica dell’amore” (Les Flâneurs Edizioni, 136 pagine, 2015), “La scuola dei Teen” (Les Flâneurs Edizioni, albo illustrato, 86 pagine, 2020), Calciosofia (Amazon, 54 pagine, 2021). (giornalistitalia.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *