BRUXELLES (Belgio) – La commissaria alla Giustizia, Vera Jourova, ha minacciato “sanzioni” contro Facebook per non aver agito a tutela della trasparenza sulla privacy dei suoi utenti dopo lo scandalo Cambridge Analytica.
«Siamo stati in dialogo con Facebook per quasi due anni. Non voglio vedere solo progressi, che non sono abbastanza. Voglio vedere risultati», ha detto Jourova durante una conferenza stampa, sottolineando che la sua «pazienza ha raggiunto il limite».
La commissaria ha spiegato di essere insoddisfatta per l’atteggiamento con cui Facebook sta affrontando i rilievi posti dall’Unione Europea e dalle autorità nazionali sulla privacy dopo lo scandalo Cambridge Analytica.
«Non molte persone sanno che Facebook condivide i loro dati con parti terze e ottiene tutti i diritti d’autore su foto e contenuti dopo che viene cancellato l’account», ha spiegato detto.
«Mi aspetto che Facebook sia onesto». Se i cambiamenti chiesti dall’Ue non saranno messi in opera «entro la fine dell’anno, chiederò alle autorità dei consumatori di agire rapidamente e di sanzionare l’impresa», ha detto Jourova. (agi)

Comments are closed.