L’avvocato Antonio Ingroia: “Andava per la sua strada e si è cercato di punirlo”

Estorsione: oggi la sentenza su Pino Maniaci

Pino Maniaci

PALERMO – È entrato in camera di consiglio il giudice monocratico del Tribunale di Palermo per emettere la sentenza del processo a carico di Pino Maniaci, giornalista della emittente Telejato di Partinico (Palermo), accusato di estorsione e alcuni episodi di diffamazione. La sentenza dovrebbe essere emessa oggi pomeriggio.
Al termine della requisitoria il sostituto procuratore Amelia Luise aveva chiesto per il giornalista dell’emittente partinicese la condanna a undici anni e mezzo di carcere. Il processo si sta svolgendo davanti al giudice monocratico Mauro Terranova. Maniaci, attraverso i suoi difensori, gli avvocati Antonio Ingroia e Bartolomeo Parrino, ha sempre respinto ogni accusa.

Antonio Ingroia

Secondo la Procura, Maniaci avrebbe chiesto delle somme di denaro ai sindaci dei Comuni di Partinico e Borgetto, rispettivamente Salvo Lo Biundo e Gioacchino De Luca, in cambio di una linea più “morbida” della sua emittente. E sempre secondo l’accusa avrebbe imposto a un assessore di Borgetto, Gioacchino Polizzi, l’acquisto di duemila magliette col logo della sua emittente.
Nel corso dell’arringa difensiva l’avvocato Antonio Ingroia aveva puntato il dito contro il sistema che «impunemente macchia la vita e l’onore di una persona».
L’avvocato Antonio Ingroia ha detto al giudice: «La procura ha letto in modo capovolto questa vicenda. Pino Maniaci ha resistito alla corruzione: andava per la sua strada e si è cercato di punirlo. C’è stata una manipolazione del video in cui viene ripreso. Tutta un’operazione per salvare il soldato Saguto. Perché la Saguto andava sempre in caserma e si informava di questa inchiesta?». Oggi la sentenza. (adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *