Pubblicato: 600 euro ad aprile e fino a 1000 a maggio. Tutte le misure per l’editoria

Dl Rilancio: bonus 600 euro e contributi Inpgi

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto legge Rilancio firmato da Sergio Mattarella

ROMA – Finalmente pubblicato il Supplemento della Gazzetta Ufficiale contenente il Decreto legge Rilancio n. 34 del 19 maggio, firmato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il 18 maggio. È composto di 260 pagine e 266 articoli. Ha decorrenza 19 maggio 2020, ma é stato pubblicato stanotte con 3 ore di ritardo. Per il 2020 fissa l’importo massimo di emissione di titoli pubblici, in Italia e all’estero, al netto di quelli da rimborsare e di quelli per regolazioni debitorie, in 148,33 miliardi rispetto agli 83 miliardi fissati in precedenza (+65,33 miliardi di euro).

Giuseppe Conte

L’articolo 78 (modifiche all’art. 44 recante istituzione del Fondo per il reddito di ultima istanza a favore dei lavoratori danneggiati dal virus Covid-19) prevede che, ai fini del riconoscimento anche per i mesi di aprile e maggio 2020 dell’indennità per il sostegno del reddito ai professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria la somma stanziata sia innalzata da 300 milioni a 1150 milioni e che i soggetti titolari della prestazione, alla data di presentazione della domanda, non devono essere titolari di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, né titolari di pensione.
Ai soggetti già beneficiari del bonus di 600 euro per il mese di marzo l’indennità verrà erogata anche per il mese di aprile, mentre ai liberi professionisti titolari di partita Iva attira alla data di entrata in vigore del decreto, iscritti alla Gestione separata, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che abbiano subito una comprovata riduzione di almeno il 33 per cento del reddito del secondo bimestre 2020, rispetto al reddito del secondo bimestre 2019, è riconosciuta un’indennità per il mese di maggio pari a 1000 euro (art. 84).
Le modalità di erogazione del bonus ai giornalisti iscritti alla Gestione Separata dell’Inpgi dovranno, adesso, essere definite dall’Istituto in sede di recepimento del decreto.
Previsto anche un contributo per le colf a ore di 500 euro per aprile e maggio (art. 85).
Previste, inoltre, misure per l’editoria quali il Credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari (art. 186), Regime di forfettizzazione delle rese dei giornali (art. 187), Credito d’imposta per l’acquisto della carta dei giornali (art. 188), Bonus una tantum edicole (art. 189), Credito d’imposta per i servizi digitali (art. 190), Procedura straordinaria semplificata per l’accesso ai contributi diretti per l’editoria (art. 191), Differimento dal 30 giugno al 31 dicembre 2020 del termine di procedura di riequilibrio dei conti dell’Inpgi (art. 192), Contribuzione figurativa accreditata all’Inpgi per i giornalisti ammessi alla cassa integrazione in deroga (art. 193), Proroga degli affidamenti dei servizi di informazione primaria (art. 194) e Fondo emergenze emittenti locali (art. 195). (giornalistitalia.it)

IN GAZZETTA UFFICIALE:
Il decreto Rilancio

LEGGI ANCHE:
Decreto Rilancio: contributi Cigd Covid-19 all’Inpgi
Così il Governo pensa di rilanciare l’Editoria

 

I commenti sono chiusi