Al modello del Ministero dell’Interno i giornalisti (veri) aggiungano il numero di tessera

Coronavirus: la nuova autodichiarazione

ROMA – È in vigore da oggi, 23 marzo 2020, la nuova ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, che introduce ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale.
Il provvedimento prevede la chiusura delle attività produttive non essenziali o strategiche. Aperti alimentari, farmacie, edicole, negozi di prima necessità e i servizi essenziali.
Per quanto concerne gli spostamenti, il decreto della Presidenza del Consiglio prevede all’art 1 punto b): è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute; conseguentemente all’articolo 1, comma 1, lettera a), del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 marzo 2020 le parole “È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza” sono soppresse.
Sul punto era intervenuta nella giornata di ieri l’ordinanza Interno-Salute adottata in attesa del nuovo Dpcm.
Le disposizioni del nuovo decreto, immediatamente esecutive, sono valide fino la 3 aprile 2020. Le stesse si applicano, cumulativamente a quelle di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 marzo 2020, nonché a quelle previste dall’ordinanza del ministro della Salute del 20 marzo i cui termini di efficacia, già fissati al 25 marzo, sono entrambi prorogati al 3 aprile 2020.
Ribadiamo ai giornalisti – ovviamente non sottoposti a quarantena – costretti ad uscire dalla propria abitazione per recarsi sul posto di lavoro o spostarsi per servizio sul territorio, di aggiungere all’autorichiarazione di “essere iscritto/a all’Ordine dei giornalisti con numero di tessera professionale…”. E non ci stanchiamo di ripetere che per “esigenze lavorative” si intende l’inderogabile necessità di spostarsi, propria di chi svolge effettivamente la professione giornalistica per garantire un “bene essenziale”, quale è appunto l’informazione. Chi è semplicemente iscritto all’Albo professionale deve, invece, stare a casa per non mettere a rischio la propria salute e quella degli altri. (giornalistitalia.it)

LEGGI ANCHE:
Modello Autodichiarazione ex DPCM 22 marzo 2020

 

Un commento

  1. Io la tessera di iscrizione all’albo la porto sempre assieme alla documentazione del Ministero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *