Dal 14 al 16 dicembre per eleggere 13 delegati professionali e 4 collaboratori

Congresso Fnsi, lista unica in Emilia Romagna

Emilia RomagnaBOLOGNA – Il Consiglio direttivo dell’Associazione Stampa dell’Emilia-Romagna ha approvato all’unanimità la lista dei candidati per i delegati al XXVII congresso della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.
La lista “Fare sindacato” è così composta: giornalisti professionali: Chiara Affronte (l’Unità), Marina Amaduzzi (Corriere di Bologna), Serena Bersani (presidente Aser, freelance), Maria Luigia Casalengo (pensionata), Saverio Cioce (Gazzetta di Modena), Barbara Curti (Telereggio), Paolo Facciotto (la Voce di Romagna), Marco Gardenghi (pensionato), Giorgio Maria Leone (Rai Emilia-Romagna), Antonio Matteo Naccari (il Resto del Carlino), Fabrizio Piccinini (freelance), Giovanni Rossi (presidente Fnsi, pensionato), Gianluca Zurlini (Gazzetta di Parma); giornalisti collaboratori: Rosa Maria Amorevole (consigliera di parità Regione Emilia-Romagna), Gianluca Croce (freelance), Alberto Lazzarini (pensionato), Mattia Motta (freelance).
Le elezioni per i delegati al XXVII congresso della Fnsi si terranno nelle giornate di domenica 14, lunedì 15 e martedì 16 dicembre 2014.
Il Consiglio direttivo dell’Associazione Stampa dell’Emilia-Romagna, a norma dell’art. 9 del Regolamento federale, ha nominato i componenti della Commissione elettorale che risulta così composta: Giuliano Musi (presidente), Gianfranco Leonardi, Luisa Muscarella e Franca Silvestri.
Per i professionali possono essere espresse massimo 9 preferenze (i 3/4 dei delegati da eleggere) e, in caso di presentazione di una sola lista, “sulla scheda di votazione deve essere specificato che l’elettore ha facoltà di votare anche per nominativi in essa non contenuti, ma che il numero delle preferenze complessivamente espresse non dev’essere comunque superiore ai 3/4 (calcolati per difetto) dei posti cui provvedere. La scheda dovrà contenere, oltre ai nomi dei candidati della lista presentata, anche un numero di righe pari al massimo anzidetto”. Pertanto, in Emilia Romagna possono essere espresse per i professionali massimo 9 preferenze da attribuire ai 13 candidati o massimo altri quattro nominativi da scrivere nei rispettivi spazi bianchi.
Stesso discorso per i collaboratori. Possono essere espresse massimo 3 preferenze (i 3/4 dei delegati da eleggere) o scrivere un altro nominativo nello spazio bianco lasciato sulla scheda.

I commenti sono chiusi