Giovedì 11 ottobre a Palermo con i vertici di Inpgi, Fnsi, Odg e Fondo. 5 crediti

“La nuova previdenza dei giornalisti”

I direttori di Inpgi e Fnsi, Mimma Iorio e Giancarlo Tartaglia (foto Giornalisti Italia)

PALERMO – L’Inpgi dopo la riforma del 2017 e le ragioni della crisi dell’industria editoriale, la più profonda e la più lunga dal dopoguerra a oggi. Crisi che, senza adeguati correttivi, rischia di cambiare il volto della professione

leggi...
Alla Stazione Termini un gruppo di africani contro la troupe di Stasera Italia di Rete 4

Roma, aggredita la giornalista Angela Camuso

Angela Camuso

ROMA – “Stazione Termini come il bronx: aggredita troupe Mediaset da un gruppo di africani per impedire che documentasse il degrado davanti lo scalo ferroviario”. A denunciare l’aggressione ai danni della troupe di Stasera

leggi...
Il Consiglio regionale al fianco dei colleghi dopo la confisca dell’impero di Ciancio

Odg: “Non sparate sui giornalisti de La Sicilia”

Giulio Francese

CATANIA – «I colleghi del quotidiano La Sicilia, di Antenna Sicilia, Telecolor e delle altre testate del gruppo non si toccano». Lo afferma il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia riunitosi a Catania «per incontrare uno per uno

leggi...
La giornalista aggredita all’assemblea della Lega Dilettanti del calcio femminile

Odg Campania al fianco di Giuliana Tambaro

Da sinistra: Ottavio Lucarelli (presidente Odg Campania) e Giuliana Tambaro

NAPOLI – L’Ordine dei Giornalisti della Campania e la Commissione pari opportunità sono al fianco della collega Giuliana Tambaro, da un anno responsabile del calcio femminile in Campania, strattonata da Salvatore Gagliano,

leggi...
Denuncia del direttore Alessandro Biancardi: “Quando le candeline diventano un cero”

Dopo 13 anni chiude il quotidiano PrimaDaNoi.it

PESCARA – «PrimaDaNoi.it si spegne. È l’annuncio che non avremmo mai voluto dare e che da anni abbiamo cercato di allontanare il più possibile, fino a quando resistere non è stato più sufficiente. Così siamo costretti a

leggi...
Il Consiglio di disciplina verificherà se le sue dichiarazioni si addicono ad un giornalista

Casalino, l’Odg Lombardia avvia un’istruttoria

Rocco Casalino

MILANO – «L’Ordine dei giornalisti della Lombardia ha avviato l’iter per la trasmissione al Consiglio di disciplina territoriale del file audio registrato dal portavoce del presidente del Consiglio, Rocco Casalino, nell’esercizio delle

leggi...
Il libro del giornalista piemontese è un atto d’amore verso i contadini della sua terra

Gianfranco Quaglia ci racconta la Gente di Riso

Gianfranco Quaglia a Novara

NOVARA – “Gente di riso” è il titolo del libro che Gianfranco Quaglia ha firmato e presentato a Novara, nel salone dell’Est Sesia, alla presenza di un pubblico interessato. La pubblicazione è edita da Decima Musa, inserita

leggi...
Al via il 28 settembre un ciclo di 6 seminari promossi dall’Odg con Lepida e Regione

Giornalismo e digitale, il punto in Emilia Romagna

Giovanni Rossi, presidente Odg Emilia Romagna

BOLOGNA – Un ciclo di sei seminari in altrettante città dell’Emilia-Romagna dedicati al rapporto tra “Tecnologie digitali e giornalismo”. A promuoverlo, l’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna insieme a Lepida Spa, #PaSocial e con il patrocinio della Regione.
Si comincia da Modena il prossimo venerdì, 28 settembre, col tema dei grandi archivi dati (“I Data: open, big, citizen…”) mentre la chiusura sarà il 16 novembre

leggi...
Partito dalla Calabria il “Giro d’Italia” sul nuovo contratto di lavoro. Tutti gli interventi

Fnsi Uspi, mai più fantasmi nel giornalismo on line

Da sinistra: Giuseppe Gulletta, Francesco Saverio Vetere, Raffaele Lorusso, Carlo Parisi, Raffaella Salamina, Mimma Iorio e Giancarlo Tartaglia nel Salone degli Specchi della Provincia di Cosenza (Foto Giorgio Belmonte/Giornalistitalia.it)

COSENZA – Mai più “fantasmi” nel giornalismo online e della piccola editoria periodica. Un risultato, non più un auspicio, grazie alla sigla del primo contratto Uspi-Fnsi. E la Calabria ha risposto con slancio alla prima tappa

leggi...
Per l’inchiesta sui voti ottenuti in cambio delle case popolari nel Comune di Lecce

Minacciata la giornalista Maria Teresa Carrozzo

Maria Teresa Carrozzo

BARI – “Vergognati, ricordati che hai due figlie femmine e Dio è grande, io ne uscirò alla grande”. Le minacce, gli insulti e gli atti di violenza fisica o verbale nei confronti dei giornalisti che si azzardano a fare il loro mestiere, ormai non si contano più in Puglia. Questa volta è toccato a Maria Teresa Carrozzo, giornalista di Canale 85, “rea” di essersi occupata dell’inchiesta sui voti ottenuti in cambio di case popolari che ha travolto il Comune di Lecce. Un lavoro da cronista, il suo, che evidentemente non è risultato gradito al politico o funzionario di turno – tra i 48 indagati nell’inchiesta che ha fatto emergere finanche

leggi...
design   emme21